Per un nuovo patto sociale fondato sulla solidarietà globale

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

«La società complessa è caratterizzata dalla vicinanza del lontano, da appartenenze e mobilitazioni molteplici quasi istantanee che riguardano le piccole e le grandi quotidianità; da simboli di appartenenza forti (linguaggio, estetica, ecc.), da confini indefiniti e che tendono a scomparire, da princìpi morali che una volta raggiunto il livello iperparticolaristico, si fanno sempre più globalizzanti e trascendenti. È in questa società che sta emergendo l’uomo del “post-individualismo”: il global-io. Fino ad oggi l’imprevedibilità del mondo globale ci ha reso apatici e abbiamo finito con l’affidarci al caso o a temerlo.

Il global-io nasce da un ribaltamento di prospettiva: si passa dal caso al caos e ci si rende conto del fatto che nel mondo nulla accade per caso e tutto è importante. Nelle trame dei film che narrano futuristici viaggi nel tempo non manca mai un passaggio in cui si sottolinea la regola fondamentale che deve seguire ogni navigatore del continuum spazio-temporale: non compiere azioni significative perché ogni piccolo cambiamento del passato, temutissimo, può ribaltare il futuro.

La pervasività della globalizzazione ci sta aiutando (addestrando?) a superare l’illusione di una separatezza dell’io dal resto del mondo: sono concrete soltanto le distinzioni che consentono l’emergere dell’identità individuale e che, per quanto naturalmente fondate, sono assolutamente culturali. L’io globale non è la negazione dell’io, ma l’io che prende coscienza del fatto che deve confrontarsi con mondi, fenomeni, persone, che, per quanto apparentemente lontani, lo riguardano molto da vicino. Se non lo saremo per bontà d’animo, saremo buoni per forza, per opportunismo, anche con ciò che si muove a grande distanza da noi, perché la cattiveria è un costo che alla fine grava su tutti.

Il patto sociale che l’uomo della società complessa prima o poi dovrà sottoscrivere si dovrà fondare su una solidarietà globale. «Abbiamo bisogno di una nuova etica: non altruistica e contro l’egoismo, ma attraverso la conoscenza e la presa di coscienza (in tempo) che è l’egoismo sui “tempi lunghi” che oggi ci porta necessariamente alla solidarietà» (C. Pozzoli).

Il global-io non si dissocia dalle proprie (cor)responsabilità sociali, dai propri errori e, in ultima analisi, da se stesso e non cade nel fatalismo, così come invece capita all’uomo contemporaneo che per difendersi dall’incertezza tenta di rimuoverla. Si assume le proprie responsabilità, non impreca alla sfortuna, né si rassegna alla sorte, non cerca capri espiatori. È certo che le decisioni, così come gli effetti delle nostre azioni, sono sempre in gran parte incerte, ma l’io globale è consapevole che un impatto sulla realtà c’è sempre e la responsabilità è comunque nostra o almeno dobbiamo agire e pensare come se fosse così.

Ispirato da uno spirito neo-solidale o neo-egoista di un egoismo illuminato e conscio di sé e del mondo con cui deve confrontarsi, l’io globale potrà compiere scelte coraggiose: potrà perdere, distruggere per ricostruire, confrontarsi con la diversità, con la complessità, accettare la sfida e rispondere complicando ulteriormente. Dovrà essere sempre più attento alla tutela dei suoi e degli altrui diritti, perché gli uni si confondono negli altri. Dobbiamo imparare a ragionare come se il mondo dipendesse da noi, se vogliamo liberarci del nostro fatalismo, della mancanza di coraggio e di responsabilità». (2001)

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale