PNRR e Agenda 2030, sinergie per lo sviluppo sostenibile

Sviluppo e sostenibilità sono oggi concetti legati a doppio filo: tanto il settore pubblico quanto quello privato si trovano a misurarsi con i criteri ESG (Environmental, Social, Governance), ovvero di sostenibilità ambientale, sociale e di governance.

Non è un caso, dunque, che il percorso di costruzione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia partito proprio dallo stato di fatto degli accordi che negli ultimi cinquant’ anni hanno delineato lo sviluppo sostenibile.

Il ruolo dell’Agenda 2030

L’Agenda 2030 costituisce uno dei principali benchmark internazionali. Sottoscritta da 193 Paesi nel settembre 2015, la Risoluzione delle Nazioni Unite A/RES/70/1 è un piano d’azione strutturato a livello mondiale in obiettivi, detti Sustainable Development Goals o SDGs, indivisibili nella loro attuazione.

Già prima del COVID-19, Agenda 2030 aveva influenzato le politiche comunitarie (ad esempio, attraverso la creazione dello European Green Deal e le iniziative ad esso legato), ma è stata la crisi pandemica, con la conseguente revisione del bilancio europeo, a portare un’accelerazione delle politiche di sviluppo sostenibile. In Italia diverse strategie sono state adottate negli ultimi sette anni, quali la Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile (SNSvS), approvata dal CIPE nel 2017.

Next Generation Eu nel solco dell’Agenda 2030

Non è quindi un caso che Next Generation EU e il PNRR siano facciano diretto riferimento ad Agenda 2030, essendo alla base del nuovo modello di sviluppo italiano ed europeo”[1] (e riferimenti al soddisfacimento degli SDGs vi siano anche nei piani di azione dei Ministeri titolari di investimenti all’interno del Piano, quali il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Tuttavia, l’onda lunga della crisi pandemica e l’intensificarsi del conflitto in Ucraina, con le loro conseguenza socioeconomiche, stanno rallentando il processo di raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Come riportato dal Rapporto sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2022, la confluenza di crisi di natura diversa comporta impatti negativi su cibo e nutrizione, salute, istruzione, ambiente, pace e sicurezza, con ripercussioni su tutti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Monitorare l’attuazione: essenziale in uno stato di permacrisi

Proprio al fine di monitorare l’impatto del PNRR italiano sul raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda, la Ragioneria generale dello Stato, in collaborazione con l’Istat, ha creato una dashboard interattiva nella quale le misure del PNRR sono ricondotte agli indicatori associati agli SDGs. I risultati di questa mappatura consentono di visualizzare l’ammontare di risorse destinato al PNRR a ciascun SDG e, quindi, una prima sommaria valutazione del possibile impatto sull’attuazione dell’Agenda 2030.

La piattaforma costituisce un nuovo elemento essenziale per delineare l’approccio italiano al 2030 e agli impegni presi. Elemento che potrà fornire ai decisori politici un quadro d’insieme sulle lacune e sulle potenzialità di un Piano entrato da poco in piena fase di attuazione.

Proprio come per il PNRR, anche l’Agenda 2030 prevede delle serrate tempistiche sulle quali lo stato di permacrisi che caratterizza l’attuale momento storico potrebbe incidere in modo indelebile, se i processi di progettazione e implementazione non venissero trainati da competenze, dialogo e professionalità.

[1] Dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano, pag. 14.

Leggi anche

None found

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

 

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città