PNRR e Agenda 2030, sinergie per lo sviluppo sostenibile

Sviluppo e sostenibilità sono oggi concetti legati a doppio filo: tanto il settore pubblico quanto quello privato si trovano a misurarsi con i criteri ESG (Environmental, Social, Governance), ovvero di sostenibilità ambientale, sociale e di governance.

Non è un caso, dunque, che il percorso di costruzione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia partito proprio dallo stato di fatto degli accordi che negli ultimi cinquant’ anni hanno delineato lo sviluppo sostenibile.

Il ruolo dell’Agenda 2030

L’Agenda 2030 costituisce uno dei principali benchmark internazionali. Sottoscritta da 193 Paesi nel settembre 2015, la Risoluzione delle Nazioni Unite A/RES/70/1 è un piano d’azione strutturato a livello mondiale in obiettivi, detti Sustainable Development Goals o SDGs, indivisibili nella loro attuazione.

Già prima del COVID-19, Agenda 2030 aveva influenzato le politiche comunitarie (ad esempio, attraverso la creazione dello European Green Deal e le iniziative ad esso legato), ma è stata la crisi pandemica, con la conseguente revisione del bilancio europeo, a portare un’accelerazione delle politiche di sviluppo sostenibile. In Italia diverse strategie sono state adottate negli ultimi sette anni, quali la Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile (SNSvS), approvata dal CIPE nel 2017.

Next Generation Eu nel solco dell’Agenda 2030

Non è quindi un caso che Next Generation EU e il PNRR siano facciano diretto riferimento ad Agenda 2030, essendo alla base del nuovo modello di sviluppo italiano ed europeo”[1] (e riferimenti al soddisfacimento degli SDGs vi siano anche nei piani di azione dei Ministeri titolari di investimenti all’interno del Piano, quali il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti).

Tuttavia, l’onda lunga della crisi pandemica e l’intensificarsi del conflitto in Ucraina, con le loro conseguenza socioeconomiche, stanno rallentando il processo di raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Come riportato dal Rapporto sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2022, la confluenza di crisi di natura diversa comporta impatti negativi su cibo e nutrizione, salute, istruzione, ambiente, pace e sicurezza, con ripercussioni su tutti gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Monitorare l’attuazione: essenziale in uno stato di permacrisi

Proprio al fine di monitorare l’impatto del PNRR italiano sul raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda, la Ragioneria generale dello Stato, in collaborazione con l’Istat, ha creato una dashboard interattiva nella quale le misure del PNRR sono ricondotte agli indicatori associati agli SDGs. I risultati di questa mappatura consentono di visualizzare l’ammontare di risorse destinato al PNRR a ciascun SDG e, quindi, una prima sommaria valutazione del possibile impatto sull’attuazione dell’Agenda 2030.

La piattaforma costituisce un nuovo elemento essenziale per delineare l’approccio italiano al 2030 e agli impegni presi. Elemento che potrà fornire ai decisori politici un quadro d’insieme sulle lacune e sulle potenzialità di un Piano entrato da poco in piena fase di attuazione.

Proprio come per il PNRR, anche l’Agenda 2030 prevede delle serrate tempistiche sulle quali lo stato di permacrisi che caratterizza l’attuale momento storico potrebbe incidere in modo indelebile, se i processi di progettazione e implementazione non venissero trainati da competenze, dialogo e professionalità.

[1] Dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza italiano, pag. 14.

Leggi anche

None found

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali