Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

155

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di appartenenza che aveva animato la rinascita del Paese nel Secondo Dopoguerra, riscoprendo il sano buon senso che abbiamo gradualmente dismesso.
Nel corso degli anni, asserviti alla ideologia liberista della supremazia del mercato e confidando nella sua capacità autoregolativa, abbiamo progressivamente demonizzato il ruolo e le funzioni dello Stato, considerandolo come il nemico da abbattere perché pensato causa di tutti i mali e ostacolo al progresso.
Il paradosso è che, in Italia, a intervenire più duramente sulla riduzione del ruolo dello Stato, sono state le forze di sinistra, quasi che dovessero pagare un pegno al liberismo per ottenere la patente di liberali. Ma liberalismo e liberismo sono due cose non sempre coincidenti. Si guardi a quello che ha fatto Obama nell’America della crisi, ispirandosi a quella di Roosevelt degli anni Trenta. O, per restare più vicini a noi, si pensi alle politiche protezionistiche dei governi francesi, o alle “riserve indiane” nelle quali “l’economia sociale di mercato”, teorizzata e realizzata dai tedeschi, ha piazzato il sistema bancario dei länder, ben al riparo dalle indicazioni e dalle verifiche della Ue.
È un processo, questo, che parte da lontano, dall’inizio degli anni Settanta, quando demmo vita alle Regioni, che avrebbero dovuto essere gli avamposti della modernità e di una nuova qualità di partecipazione dei cittadini alla gestione della Cosa Pubblica. Che cosa siano diventate le nostre Regioni è davanti agli occhi di tutti. Salvo alcune lodevoli eccezioni, esse sono spesso centri incontrollabili di spesa, fabbriche di nuove burocrazie, ricovero per politici di scarsa qualità, moltiplicatori di consigli di amministrazione, rallentatori di percorsi amministrativi e decisionali.
Lo Stato si è via via privato di una serie di poteri e di competenze senza che ciò producesse una maggiore efficienza della macchina amministrativa e un miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Sappiamo perfettamente che tali giudizi potranno sollevare i rilievi e le obiezioni di quanti, nel tempo, hanno ritenuto che il trasferimento di poteri sul territorio potesse imprimere nuova vitalità e smalto al Paese, ma così non è stato.
Basti pensare alla coincidenza evidente tra la nascita delle Regioni e l’inesorabile aumento, nel corso degli anni, del debito pubblico.
Se non ad una vera e propria fiera delle vanità, molte Amministrazioni regionali hanno fatto a gara per primeggiare in un campionato in cui vince chi più e meglio sfrutta il Sistema sanitario che, nazionale, è rimasto purtroppo solo nel nome, ma che, malgrado la regionalizzazione e la cattiva stampa di cui gode, è ancora uno dei fiori all’occhiello del Paese. Forse, la soluzione del deficit di qualità potrebbe essere quella di affidare loro la responsabilità di una vera e propria autonomia, riconoscendo a tutte uno Statuto speciale. Tre regioni del Nord, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, chiedono un’autonomia differenziata per acquisire più poteri e divincolarsi dallo Stato. Bene. A questo punto, si dia maggiore autonomia a tutte. In questo modo, lo Stato continuerebbe a decidere sulle grandi questioni, dalla politica estera, alla giustizia, alla sicurezza, alla scuola, alle infrastrutture. Per il resto, ciascuna regione decida da sola e si prenda le proprie responsabilità.

 

 

Ultime notizie
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti: due vicende a confronto

L’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il 17 febbraio tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Animali

Incendi in Australia, tra climate change e fake news. Quanto ne sappiamo?

Roghi in Australia: oltre un miliardo gli animali morti, tra gli 8 e i 10 milioni gli ettari bruciati. Ma quanto ne sappiamo di ciò che è accaduto?
di Noemi Nicoletti
International

Usa e Cina, il voto di Taiwan vara la linea “sovranista”

Lo scorso 11 gennaio a Taiwan sono stati eletti il Presidente e il Parlamento per i prossimi quattro anni. La netta vittoria di Tsai ha evidenziato la forte volontà degli elettori taiwanesi di confermare la linea della fermezza nei confronti della Cina.
di Raffaele Cazzola Hofmann
Informazione

L’Italia più autentica è quella dell’altruismo. Mattarella richiama alla responsabilità

Speranza, fiducia, responsabilità, dialogo: questi i termini più ricorrenti con cui il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per aprire il nuovo anno. Un richiamo alla responsabilità e al valore della cultura.
di Massimiliano Cannata
Luciano Maria Teodori

Iran-Usa, i sogni muoiono all’alba

Due droni, a Baghdad, compiono la missione di uccidere il generale Soleimani. La tragedia irachena continua, insieme al coinvolgimento sempre più forte dell'Iran....
di Luciano Maria Teodori
Attualità

Iran Usa, guerra per la primazia geoeconomica sull’Iraq. Medio Oriente bollente

L’escalation della tensione in Medio Oriente ha toccato uno dei livelli più allarmanti degli ultimi anni con l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Chi era il generale ucciso e quali sono le strategie.
di Antonio De Chiara
Giustizia

Salvini e i casi Gregoretti e Diciotti, vicende a confronto

Il 17 febbraio l’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tornerà davanti all’assemblea del Senato che dovrà decidere se autorizzare o meno il giudizio...
di Vincenzo Macrì
Giustizia

Canapa per uso personale, la sentenza sulla “legittima coltivazione”. Il ribaltone

Chi coltiva la cannabis in àmbito domestico e per impiego individuale non è perseguibile penalmente. Lo scorso 19 dicembre la Corte di Cassazione a Sezioni unite penali ha emesso una sentenza destinata a suscitare forti reazioni contrapposte ma anche a rompere consolidati tabù.
di Vincenzo Macrì
Europa

Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

I nuovi equilibi geopolitici de pianeta impongono che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta. Questo il messaggio che arriva dal saggio La difesa dell’Europa di Pasquale Preziosa e Dario Velo.
di Massimiliano Cannata
Informazione

La democrazia non esiste. Odifreddi: “M5S eversivo, la Costituzione è superata”

La democrazia è un'illusione e il populismo ne è la conseguenza. E il più eversivo è quello dei 5 Stelle perché non si sa chi lo comanda. I rimedi: riformare la Costituzione e il sistema dei media, che ha perso equidistanza e funzione. Intervista a Piergiorgio Odifreddi
di Alfonso Lo Sardo