Rifiuti: il sogno di un’Europa a impatto zero

Nei prossimi 30 anni si stima che la produzione mondiale annua di rifiuti salirà a 3,4 miliardi di tonnellate, con un incremento di circa il 70% rispetto ai livelli attuali. Vero è che la comunità internazionale ha grandi ambizioni, attraverso l’attuazione di politiche “green” e l’imposizione di scadenze ed obiettivi collettivi, come indicato dall’Accordo di Parigi.

Ripensare l’intero assetto della società moderna, cambiando la tradizionale catena produzione-consumo-scarto-inquinamento in produzione-consumo-riciclo-nuova risorsa, l’unica capace di garantire un’economia sostenibile per l’ambiente, è ormai un processo improrogabile. Proprio lo scorso febbraio, il Parlamento europeo ha richiesto norme più stringenti sul riciclo dei rifiuti, con obiettivi vincolanti da raggiungere entro il 2030 per l’uso e il consumo di materiali. Si pensi che la sola Unione europea produce circa 2,5 miliardi di tonnellate di rifiuti all’anno, il 10% dei quali rappresentato da rifiuti urbani. In questa direzione si colloca lo sforzo di raggiungere, entro il 2050, la neutralità climatica, vale a dire realizzare un’Europa ad impatto climatico zero.

Entro il 2050 avremo bisogno di ben tre pianeti

Secondo le stime demografiche, dagli anni Settanta ad oggi, la popolazione mondiale è quasi raddoppiata richiedendo, inevitabilmente, un dispiego di risorse naturali senza precedenti nella storia dell’uomo. Il prezzo da pagare per il “benessere” raggiunto si traduce nell’impatto (sempre più) catastrofico che tale crescente utilizzo delle risorse ha in termini ambientali, dal momento che se si continuano a sfruttare le risorse così come facciamo oggi, entro il 2050 avremo bisogno di ben tre pianeti per poter soddisfare le esigenze dell’intera popolazione mondiale.

L’Italia e suoi numeri

La produzione di rifiuti urbani nel nostro Paese si aggirava, nel 2019, attorno ai 30 milioni di tonnellate, con una produzione pro capite di circa 500 Kg di rifiuti (Report ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Dati incoraggianti riguardano la raccolta differenziata – in aumento nel 2019 di ben 3 punti rispetto all’anno precedente – che si attesta al 61,3% con 18,5 milioni di tonnellate.

A livello nazionale si registra un miglioramento omogeneo su tutto il territorio, con il Sud che per la prima volta supera il 50% di raccolta differenziata, confermando una crescita positiva. Il trend fotografato dal Rapporto ISPRA racconta di un Paese nel quale, in poco più di dieci anni, la raccolta differenziata risulta essere raddoppiata, passando da 9,9 milioni di tonnellate (2008) a 18,5 milioni (2019).

Cosa si ricicla di più?

L’organico si conferma il materiale più raccolto, rappresentando il 39,5% del totale. Carta e cartone occupano il 19,1% del totale, seguiti dal vetro (12,3%) e dalla plastica (8,3%). Quella della plastica è la tipologia di rifiuti che mostra maggiori ritardi al nostro Paese, che è riuscito a riciclarne nel 2018 e nel 2019 rispettivamente il 43,8% e il 45,5%. In tal senso, il confronto con gli altri materiali riciclati è obbligatorio, perché, ad esempio, carta e vetro hanno raggiunto percentuali di riciclo nel 2019 rispettivamente dell’80,8% e del 77,3%, superando con largo anticipo gli obiettivi europei.

Alla base di questi dati vi è sicuramente la difficoltà insita nel riciclo di un materiale complesso come la plastica che, però, potrebbe essere sostituita in molti dei suoi usi dal vetro, un supporto considerato “pulito”, proprio perché non prodotto con sostanze inquinanti e che può essere facilmente riutilizzato e riciclato molte volte.

Imballaggi in plastica: ancora un grande problema per l’Italia

Nel 2018, la produzione di materie plastiche a livello globale è stata di 359 Mt, ed è la Cina a confermarsi come il maggior produttore. Gli imballaggi, a differenza di quello che si potrebbe credere a causa del loro ampio utilizzo in campo alimentare, non rappresentano un problema secondario, soprattutto per il nostro Paese, dal momento che nel 2018 rappresentavano il 28% dei rifiuti solidi urbani. Secondo le stime di CONAI, 8,4 milioni di tonnellate di rifiuti di imballaggio confluiscono nei rifiuti solidi urbani: cifre ancora alte, ma che fanno ben sperare, visto che l’87% di essi è stato avviato al riciclo, mentre il restante 13% è stato destinato al recupero energetico (2019).

Possibili prospettive future: il mercato europeo ad impatto ambientale zero

Riuscire a realizzare un mercato europeo di prodotti sostenibili, eliminando gli incarti in plastica e le microplastiche e che siano, allo stesso tempo, ad impatto zero per l’ambiente ed efficienti dal punto di vista delle prestazioni e degli utilizzi, rappresenta la sfida di un futuro non così lontano, perché nonostante le nostre esigenze non c’è più tempo per volgere lo sguarda da un’altra parte e fare finta di niente. Di fronte a cambiamenti climatici sempre più repentini e violenti, a mari e spiagge ricoperti di plastica, ad animali a rischio estinzione perché privati del loro naturale habitat, di quale altra prova abbiamo bisogno?

 

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili