Pil, tutti ne parlano, pochi lo “ascoltano”. Il filo rosso tra Pil, ambiente, salute e reddito

Il PIL rappresenta certamente il principale indicatore utilizzato in economia.
La sua capacità di resistere alle critiche, dalle più banali alle più articolate, e la sua abilità nel tenere banco nelle sedi più diverse, dai bar alle aule universitarie, dalle spiagge ai tavoli dei governi, è veramente straordinaria. Un protagonismo che, sostenuto dall’invadenza mediatica e dalla semplificazione politica, rende le cifre decimali della sua “crescita” l’oggetto di accesi dibattiti, sia fra addetti ai lavori che fra semplici cittadini.
Da questo punto di vista, scarsi effetti hanno avuto le affermazioni di Robert Kennedy («Il PIL misura tutto tranne ciò che rende la vita degna di essere vissuta»), del premio Nobel per l’economia Simon Kuznets («Il Pil non è un indicatore del benessere delle persone. Bisogna sempre tenere presente la differenza tra quantità e qualità della crescita») o del comico Maurizio Crozza («Non sono le dimensioni del PIL che contano, ma come lo usi»).
Tuttavia, pur nella consapevolezza che il Pil e la sua dinamica non sono in grado di descrivere in misura soddisfacente la dimensione e la salute di un sistema economico, ha un qualche interesse utilizzare questo indicatore per sviluppare una riflessione molto generale sulle relazioni esistenti fra crescita economica, impatto ambientale e livello di sviluppo umano.
A tale scopo è necessario ricorrere ad altri indicatori, semplici, e quindi anch’essi criticabili, per valutare queste due ultime dimensioni.
Rispetto all’impatto ambientale, è possibile fare riferimento all’impronta ecologica (EF – Ecological Footprint), un indicatore ormai molto diffuso a livello mondiale che esprime, con riferimento alla popolazione di un determinato territorio, la superficie bioproduttiva necessaria a fornire le risorse consumate e ad assorbire i rifiuti prodotti. È proprio sulla base di questo indicatore, calcolato su base mondiale, e del suo confronto con la superficie bioproduttiva disponibile a livello planetario che viene individuato l’overshoot day, ossia il giorno dell’anno (nel 2019 è stato il 29 luglio) in cui la domanda globale di risorse naturali supera la loro disponibilità.
Per misurare il livello dello sviluppo umano a livello nazionale, invece, viene considerato un indicatore composito utilizzato dalle Nazioni Unite a partire dagli anni Novanta del secolo scorso, noto come HDI (Human Development Index), il quale tiene conto di variabili che fanno a capo ad aspetti quali salute, istruzione e reddito.
In quanto segue si farà riferimento al valore assunto da questi indicatori (PIL pro capite in valore attuale, EF pro capite e HDI) in 160 paesi del mondo con riferimento al 2016, così come disponibile sulle banche dati rispettivamente di World Bank, Global Footprint Network e United Nations Development Program.
Una prima evidenza riguarda il forte legame fra questi tre indicatori, espresso dall’elevato valore del coefficiente di correlazione r che, come noto, assume valori compresi fra -1 e 1.
Se tale rapporto è abbastanza scontato per quanto riguarda PIL e HDI (r=0,711), anche considerando che il PIL è uno degli indicatori utilizzati per il calcolo dell’HDI stesso, qualche elemento di riflessione genera la stretta associazione fra PIL ed EF (r=0,768). Questa relazione fra dimensione del sistema economico e livello di impatto sulle risorse naturali, se letta in chiave di rapporto causa-effetto fra PIL ed EF, mostra come circa il 60% della differenza che si osserva nel PIL pro capite fra i diversi paesi sia da imputare al livello di sfruttamento delle risorse naturali. Inoltre, il fatto che il coefficiente di correlazione sia maggiore fra PIL ed EF che non fra PIL e HDI è un segnale del fatto che, in termini molto semplicistici, una più consistente dimensione del sistema economico ha maggiori impatti negativi sull’ambiente che non effetti positivi sullo sviluppo della popolazione, anche considerando ‒ vale la pena ripeterlo ‒ che il PIL è esplicitamente inserito fra le variabili che contribuiscono a definire tale sviluppo.
Ulteriori elementi di riflessione possono essere tratti dall’analisi dei tre indicatori andando a considerare, sempre attraverso il semplice strumento della correlazione, la loro variazione congiunta nel corso degli ultimi 20 anni. Con questo esercizio si pone in relazione la crescita economica osservata nei diversi paesi con la variazione nella domanda di risorse naturali e le ricadute sul benessere (inteso come incremento dello sviluppo umano) che essa è stata in grado di generare.
Ciò che si osserva è, in primo luogo, una corrispondenza abbastanza accentuata fra crescita e incremento della pressione ambientale (r=0,486), il che conferma come, in termini molto generali, l’aumento della dimensione del sistema economico sia sostenuto da un più inteso utilizzo di risorse naturali. L’aspetto più interessante, tuttavia, è la scarsa dipendenza fra crescita e variazione dell’indice di sviluppo (r=0,180), una dipendenza che tende ad annullarsi, o addirittura a diventare negativa, se si esclude l’incremento di HDI dovuto alla crescita del PIL stesso. Un più elevato sviluppo umano ‒ vale la pena sottolinearlo ‒ non si accompagna neanche ad un maggiore impatto sulle risorse naturali; il basso valore del coefficiente di correlazione (r=0,145) sembra evidenziarlo con chiarezza. In altri termini, se si volesse comprendere l’evoluzione del livello di sviluppo dei paesi del mondo negli ultimi venti anni, ci si accorgerebbe che la crescita economica e il consumo di risorse naturali ne spiegano meno del 10%.
Un’ultima notazione a riguardo del benessere, inteso come variazione dell’indice di sviluppo umano, riguarda la sua correlazione con il PIL pro capite, la quale assume un valore r=-0,417; un risultato che può essere interpretato come un’ulteriore conferma empirica del paradosso di Easterlin, secondo il quale, oltre determinati livelli di reddito, il benessere dipende sempre meno dalla ricchezza fino a ridursi in corrispondenza di suoi ulteriori incrementi.
Nonostante tutti gli evidenti limiti dell’analisi proposta, i risultati presentati sembrano evidenziare delle tendenze abbastanza chiare: il PIL, anche se molte delle critiche che lo riguardano sono senza dubbio giustificate, può raccontare cose interessanti, in particolare quando, abbandonandone l’autoreferenzialità, la sua entità e la sua crescita sono poste in relazione con aspetti che esulano dalla sfera economica e che invece toccano aspetti ambientali e sociali che riguardano il vissuto quotidiano dei cittadini.

Silvio Franco insegna presso il Dipartimento di Economia, Ingegneria, Società e Impresa (DEIM), dell’Università della Tuscia

Ultime notizie
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali