Innovazione

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

151

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso.

Carlo Ratti, docente presso il Mit di Boston, dove dirige il Senseable City Laboratory e special advisor presso la Commissione Europea su Digitale e Smart Cities, in una recente intervista per il magazine l’Eurispes.it, ha affrontato il tema della cosiddetta disoccupazione tecnologica, affermando che bisogna saper gestire gli sconvolgimenti tecnologici odierni senza esserne travolti. E che, per aiutare chi ha perso un lavoro oggi a trovarne un altro domani, bisogna chiedersi a chi andranno i vantaggi di questo nuovo mondo, laddove una possibile soluzione al problema potrebbe essere, secondo lo stesso Ratti, quella di far pagare le tasse ai robot, o alle nuove intelligenze artificiali, tassando il capitale e trasferendo così il reddito a chi magari ha perso il proprio posto di lavoro.
Proviamo dunque ad approfondire il tema di una possibile “robot tax”.
Le forme di prelievo sull’attività dai robot, ipotizzate nella letteratura internazionale, vanno da un’imposizione diretta (aggiuntiva) sulle imprese che usano (e godono di) questa tecnologia alla tassazione sul compenso virtuale che avrebbero i robot, in quanto sostituti degli esseri umani.
L’alternativa più ragionevole sembra dunque quella di ipotizzare una sorta di imposta sull’attività produttiva (e non sul robot in sé considerato), che, diventando più efficiente attraverso l’automazione, giustificherebbe il maggior prelievo fiscale sull’impresa, da utilizzarsi magari per la riqualificazione dei lavoratori esautorati dai processi produttivi automatizzati.
Ciò che dunque andrebbe perseguito, come sottolinea lo stesso Ratti nella sua intervista, dovrebbe essere la redistribuzione degli effetti delle innovazioni tecnologiche e dei loro benefici, contenendo gli impatti sull’occupazione. E questo potrebbe essere anche perseguito incentivando il reinvestimento di parte dei profitti che provengono da quegli incrementi di produttività dovuti al progresso tecnologico.
Da un punto di vista di tecnica fiscale, del resto, un Robot potrebbe anche configurare una “sede fissa di affari”.
Nell’economia digitale non sono infatti da sottovalutare gli effetti della presenza di “robot” e/o “intelligenze artificiali” o “applicazioni” in grado di relazionarsi con gli individui (utenti), fino ad ordinare loro un pagamento o raccogliere un ordine, con un vero e proprio potere decisionale del robot.
E pertanto, nella digital economy, un Robot potrebbe anche essere considerato un’entità che produce reddito, o comunque una stabile organizzazione della Società non residente.
Se però la minaccia della disoccupazione tecnologica è reale, ciò non significa che l’adozione di una piccola tassa sulle automazioni che risparmiano lavoro umano possa davvero servire dal punto di vista del finanziamento del welfare a tutela degli espulsi dalla produzione.
Imporre una tassa più cospicua, d’altro canto, rischierebbe di rallentare il ritmo dell’innovazione tecnologica e la crescita della produttività del lavoro diminuirebbero.
L’esigenza non è però quella di ostacolare le innovazioni che risparmiano lavoro, ma piuttosto quella di individuare criteri che consentano di distribuire sull’intera collettività i benefici potenziali di tali cambiamenti tecnici.
Secondo uno studio Accenture presentato all’ultimo World Economic Forum di Davos, gli investimenti in intelligenza artificiale potrebbero del resto far crescere del 38% i ricavi delle imprese entro il 2020.
Se allora i robot vengono utilizzati dalle imprese, che aumentano così i loro profitti, e se la quota dei profitti sul reddito nazionale cresce, il maggior prelievo potrebbe riguardare solo i profitti crescenti, per esempio rendendo progressive le imposte sulle società (o quanto meno su quelle che risultano ad alto tasso di automazione), oppure, nel caso in cui un’attività produttiva sia realizzata e gestita direttamente da macchine intelligenti, si potrebbe prevedere l’aumento dell’aliquota Ires.
Più difficile immaginare un sistema in cui vengono individuati i singoli robot da colpire.
Quindi, in termini concreti, le strade per impostare una tassazione specifica su questo settore sono sostanzialmente tre:
1) incrementare (o progressivizzare) la tassazione sulle imprese che si avvalgono di robot (prevedendo comunque anche meccanismi di reinvestimento degli utili a tutela dei lavoratori);
2) considerare i robot come soggetti potenzialmente imponibili e studiare la possibilità di introdurre un’imposta su queste intelligenze artificiali utilizzate nell’economia;
3) spostare la tassazione dal lavoro agli altri redditi, cercando di sostituire, per esempio, i contributi sociali basati sulle retribuzioni con un prelievo sul valore aggiunto.
Se l’innovazione continuerà al ritmo attuale, è comunque probabile che le pressioni per una tassazione del lavoro dei robot diventeranno sempre più forti e frequenti.

Giovambattista Palumbo è direttore dell’Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell’Eurispes

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo