Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Finale di Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti, particolarmente degni di nota in questi tempi di sempre maggiore pluralizzazione dell’offerta televisiva e parcellizzazione dell’audience.
Lunedì 11,1 milioni di telespettatori per l’inossidabile Commissario Montalbano (44,9% di share), tra martedì e sabato scorsi circa 10 milioni a serata per il Festival di Sanremo; martedì 7,7 milioni e 31% di share per la fiction su Mia Martini.
Pur non potendo contare sul pubblico sconfinato e sul monopolio di un tempo, i canali Rai continuano ad avere un netto predominio negli ascolti, anche rispetto al principale network generalista, Mediaset – soprattutto nella prima serata. Rai 1, in particolare, mantiene il primato dei programmi più visti in assoluto, ma vince anche nell’informazione, nella fiction, nei game show. La Rai rimane il punto di riferimento per i grandi eventi, per il racconto dell’attualità, dell’informazione, del territorio nazionale (in tempi di globalizzazione i prodotti “locali” acquisiscono valore), per le dirette.
D’altra parte, gli italiani nutrono mediamente un atteggiamento critico nei confronti della televisione pubblica. Puntualmente accusata di sprecare i soldi dei cittadini prelevati con l’odiato canone (la tassa più detestata dagli italiani, nonostante la sua entità contenuta) e di essere asservita alla politica. La Rai è da molto tempo gravata da un’immagine in buona parte negativa, a dispetto dei suoi effettivi risultati e della fedeltà di un pubblico numeroso.
Se alcune eccellenze mettono tutti d’accordo (si pensi ai programmi di Piero e Alberto Angela ed allo stesso Montalbano), altri programmi, pur seguitissimi, sono oggetto di critiche anche pesanti – in questi giorni il Festival di Sanremo è stato sulla bocca di tutti, onnipresente sulla stampa e, ancor più, sui Social, persino nei programmi della concorrenza (che hanno colto l’occasione per vivere della sua luce riflessa), eppure non sono mancate critiche e polemiche forse senza precedenti.
Questa evidente contraddizione è stata confermata dall’indagine Eurispes che tra dicembre e gennaio 2019 ha sondato l’opinione degli italiani sulla televisione pubblica e quel che risulta è, anche in questo caso, un vero e proprio odio-amore. Se il 53% dei cittadini ritiene che la Rai garantisca il pluralismo, ad essere convinti che garantisca anche la qualità del prodotto sono meno della metà (45,7%). Di seguito proponiamo la versione integrale del sondaggio.

 

Eurispes. Rapporto Italia 2019 Indagine “Mamma Rai. Nemica amatissima”

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare