Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

177

Finale di Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti, particolarmente degni di nota in questi tempi di sempre maggiore pluralizzazione dell’offerta televisiva e parcellizzazione dell’audience.
Lunedì 11,1 milioni di telespettatori per l’inossidabile Commissario Montalbano (44,9% di share), tra martedì e sabato scorsi circa 10 milioni a serata per il Festival di Sanremo; martedì 7,7 milioni e 31% di share per la fiction su Mia Martini.
Pur non potendo contare sul pubblico sconfinato e sul monopolio di un tempo, i canali Rai continuano ad avere un netto predominio negli ascolti, anche rispetto al principale network generalista, Mediaset – soprattutto nella prima serata. Rai 1, in particolare, mantiene il primato dei programmi più visti in assoluto, ma vince anche nell’informazione, nella fiction, nei game show. La Rai rimane il punto di riferimento per i grandi eventi, per il racconto dell’attualità, dell’informazione, del territorio nazionale (in tempi di globalizzazione i prodotti “locali” acquisiscono valore), per le dirette.
D’altra parte, gli italiani nutrono mediamente un atteggiamento critico nei confronti della televisione pubblica. Puntualmente accusata di sprecare i soldi dei cittadini prelevati con l’odiato canone (la tassa più detestata dagli italiani, nonostante la sua entità contenuta) e di essere asservita alla politica. La Rai è da molto tempo gravata da un’immagine in buona parte negativa, a dispetto dei suoi effettivi risultati e della fedeltà di un pubblico numeroso.
Se alcune eccellenze mettono tutti d’accordo (si pensi ai programmi di Piero e Alberto Angela ed allo stesso Montalbano), altri programmi, pur seguitissimi, sono oggetto di critiche anche pesanti – in questi giorni il Festival di Sanremo è stato sulla bocca di tutti, onnipresente sulla stampa e, ancor più, sui Social, persino nei programmi della concorrenza (che hanno colto l’occasione per vivere della sua luce riflessa), eppure non sono mancate critiche e polemiche forse senza precedenti.
Questa evidente contraddizione è stata confermata dall’indagine Eurispes che tra dicembre e gennaio 2019 ha sondato l’opinione degli italiani sulla televisione pubblica e quel che risulta è, anche in questo caso, un vero e proprio odio-amore. Se il 53% dei cittadini ritiene che la Rai garantisca il pluralismo, ad essere convinti che garantisca anche la qualità del prodotto sono meno della metà (45,7%). Di seguito proponiamo la versione integrale del sondaggio.

 

Eurispes. Rapporto Italia 2019 Indagine “Mamma Rai. Nemica amatissima”

Ultime notizie
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione
Cultura & Turismo

Italia addio. La fuga all’estero dei pensionati italiani. La storia

Pensionati italiani che “fuggono” all'estero: si stima che siano circa 400mila, distribuiti in 160 diversi paesi del mondo. Rossana e Franco sono due delle tante coppie che hanno compiuto questa scelta.
di Raffaella Saso