Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Finale di Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti, particolarmente degni di nota in questi tempi di sempre maggiore pluralizzazione dell’offerta televisiva e parcellizzazione dell’audience.
Lunedì 11,1 milioni di telespettatori per l’inossidabile Commissario Montalbano (44,9% di share), tra martedì e sabato scorsi circa 10 milioni a serata per il Festival di Sanremo; martedì 7,7 milioni e 31% di share per la fiction su Mia Martini.
Pur non potendo contare sul pubblico sconfinato e sul monopolio di un tempo, i canali Rai continuano ad avere un netto predominio negli ascolti, anche rispetto al principale network generalista, Mediaset – soprattutto nella prima serata. Rai 1, in particolare, mantiene il primato dei programmi più visti in assoluto, ma vince anche nell’informazione, nella fiction, nei game show. La Rai rimane il punto di riferimento per i grandi eventi, per il racconto dell’attualità, dell’informazione, del territorio nazionale (in tempi di globalizzazione i prodotti “locali” acquisiscono valore), per le dirette.
D’altra parte, gli italiani nutrono mediamente un atteggiamento critico nei confronti della televisione pubblica. Puntualmente accusata di sprecare i soldi dei cittadini prelevati con l’odiato canone (la tassa più detestata dagli italiani, nonostante la sua entità contenuta) e di essere asservita alla politica. La Rai è da molto tempo gravata da un’immagine in buona parte negativa, a dispetto dei suoi effettivi risultati e della fedeltà di un pubblico numeroso.
Se alcune eccellenze mettono tutti d’accordo (si pensi ai programmi di Piero e Alberto Angela ed allo stesso Montalbano), altri programmi, pur seguitissimi, sono oggetto di critiche anche pesanti – in questi giorni il Festival di Sanremo è stato sulla bocca di tutti, onnipresente sulla stampa e, ancor più, sui Social, persino nei programmi della concorrenza (che hanno colto l’occasione per vivere della sua luce riflessa), eppure non sono mancate critiche e polemiche forse senza precedenti.
Questa evidente contraddizione è stata confermata dall’indagine Eurispes che tra dicembre e gennaio 2019 ha sondato l’opinione degli italiani sulla televisione pubblica e quel che risulta è, anche in questo caso, un vero e proprio odio-amore. Se il 53% dei cittadini ritiene che la Rai garantisca il pluralismo, ad essere convinti che garantisca anche la qualità del prodotto sono meno della metà (45,7%). Di seguito proponiamo la versione integrale del sondaggio.

 

Eurispes. Rapporto Italia 2019 Indagine “Mamma Rai. Nemica amatissima”

Ultime notizie
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

La recente indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, parte dall’esame dell’orientamento processuale distrettuale...
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

La comprensione dei fenomeni sociali rappresenta la base iniziale per poter operare poi nella gestione degli stessi. Il fenomeno mafioso è antico ma...
di Pasquale Preziosa*
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Economia

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione