Gian Maria Fara

Senza un’identità siamo impreparati al confronto con le identità altrui

La Chiesa, dopo un lungo periodo di crisi, riconquista la fiducia degli italiani – cattolici e non. Per Papa Francesco un plebiscito: l’89,6% ritiene abbia dato nuovo slancio alla Chiesa, che riconquista, quindi, il ruolo di grande agenzia di senso e di orientamento attraverso il ristabilimento di una linea di comunicazione tra Gerarchia e fedeli.

Questo fenomeno è davanti agli occhi di tutti e non avrebbe bisogno di alcuna spiegazione, men che meno sociologica. Ciò che invece merita di essere segnalata è la posizione assunta dal Papa, anche a seguito degli avvenimenti che hanno colpito la Francia e che hanno acceso a livello internazionale un animato confronto culturale e politico sul ruolo delle religioni e sui rapporti tra di esse.

Il “pugno” del quale ha metaforicamente parlato il Papa ha posto in termini decisivi il tema del rispetto nei confronti dei valori e delle identità altrui, ovvero del riconoscimento dell’altro da sé.

La nostra società, totalmente secolarizzata, presume che i suoi “valori” debbano essere assunti aprioristicamente da tutti indipendentemente dalle storie, dalle religioni, dalle tradizioni, dalle culture e dalle latitudini. E di conseguenza trova scandaloso che altri possano non accettare la nostra Weltanschauung, e offendersi e reagire.

Noi pretendiamo di esportare il nostro “pensiero unico dell’Occidente industrializzato” senza considerare che ancora oggi miliardi di persone vivono la religione e il senso del sacro come un fatto esistenziale per il quale poter anche mettere in gioco la propria vita. E tutto ciò sta a dimostrare insieme la nostra superbia, la nostra superficialità e la nostra incultura.

L’aver rinunciato ad una parte consistente della nostra identità e del nostro patrimonio culturale ci rende forse meno preparati nel confronto con le identità altrui e ci porta a sottovalutare le possibili reazioni di chi, invece, vuole mantenere e difendere la propria.

Nello stesso tempo, chi ci attacca, pensando di poter provocare all’interno dell’Europa uno scontro tra musulmani e non musulmani, così come profetizzava Abu Mussab Al Suri, raffinato portavoce di Bin Laden, nel suo Appello alla resistenza globale alla fine del 2004, non ha fatto i conti con il livello al quale è giunto il nostro degrado.

Secondo Al Suri, la strategia di attacco agli Stati Uniti, cuore dell’“imperialismo occidentale”, sarebbe stata scarsamente efficace. Maggiori risultati si sarebbero ottenuti colpendo l’Europa attraverso obiettivi mirati a far esplodere le società europee fino a scatenare una guerra civile di religione.

Per quanto violenti ed eclatanti possano essere questi attacchi, così come accaduto a Parigi e in altri paesi europei, il terrorismo non riuscirà a provocare alcuna guerra di religione per almeno quattro motivi: il primo è che non c’è nessuna religione da difendere in un’Europa fortemente secolarizzata, più attenta ai valori economici che non a quelli spirituali; il secondo è che, per quanto gravi possano essere gli attacchi, essi vengono rapidamente sminuzzati, spettacolarizzati, metabolizzati e consegnati alle infinite discussioni e strumentalizzazioni politiche e ai dibattiti dei talk show televisivi. Neutralizzati tra uno spot di “Poltrone e sofà” e l’ultimo profumo di “Dior”.

Il terzo è che i terroristi, e chi li guida, non hanno capito che tentare di scalfire una società “evanescente” come la nostra è come pretendere di affettare la nebbia con la scimitarra, sparare ad una nuvola, catturare l’aria con le mani.

Il quarto è che la teoria e la storia insegnano che il terrorismo destabilizzatore può anche avere funzioni stabilizzatrici, come dimostra la “rinascita” del Presidente francese Hollande, ritornato, dopo una fase di totale declino, ai vertici nei sondaggi d’opinione a seguito dei fatti parigini.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa