Società

Separati, ma sempre padri

53

Merita particolare attenzione sia dal punto di vista giuridico che dal punto di vista sociale, la figura del padre separato che va analizzata sia in riferimento a quei padri che usano la separazione come una scappatoia dai propri doveri genitoriali sia in riferimento a quei padri che invece temono di perdere ogni legame affettivo e intimo con i figli, nel momento in cui sono costretti ad allontanarsi dalla casa coniugale e quindi dalla quotidianità che fino a quel momento li aveva tenuti legati alla prole.

Sono senz’altro due aspetti interessanti del rapporto padre-figlio che emerge dopo una separazione. Tuttavia relativamente a quei padri che smettono di fare i padri solo perché si separano dalle mogli, credo ci sia ben poco da dire se non che, probabilmente, padri non lo sono mai veramente stati.

In questo caso, a seguito della separazione, nei figli si genererà sicuramente una ferita indelebile che però non è molto diversa da quella che si sarebbe comunque generata anche se il rapporto di coppia fosse rimasto in vita.

Pertanto è sul secondo aspetto che mi voglio soffermare, su quei padri che vorrebbero continuare a fare i padri ma che vengono spesso ostacolati da madri che rivendicano il loro ruolo predominate nella cura dei figli, da mogli arrabbiate che usano i figli come strumento per vendicarsi di eventuali torti subiti, da provvedimenti talvolta troppo sbilanciati in favore della madre, da avvocati che permettono ai propri assistiti di usare i figli come “moneta di scambio” per un eventuale accordo.

Dal punto di vista normativo un grande passo lo si è fatto con la legge n. 54 del 2006 che ha introdotto nel nostro ordinamento l’affido condiviso, innovando la disciplina della separazione e del divorzio attraverso principi quali la bigenitorialità, la condivisione, la cooperazione e la corresponsabilità, che hanno aperto la strada ad un nuovo modo di intendere i rapporti tra genitori e figli anche dopo lo sfaldamento della famiglia.

Con questa innovazione normativa si è data la possibilità anche ai padri separati di poter continuare a svolgere la loro funzione da un punto di vista educativo, di crescita e ricreativo, fatto si di collaborazione fra i due coniugi separati ma anche di spazi individuali dove ciascun genitore può continuare ad esercitare il proprio ruolo senza interferenze da parte dell’altro.

Si è così posta maggiore attenzione alla figura paterna e ai problemi di natura psicologica che possono nascere nel momento in cui tale figura risulti completamente o quasi del tutto assente.

La mia personale esperienza in materia mi porta a confrontarmi quotidianamente con un numero sempre più crescente di padri separati o “separandi” che vuole essere presente nella vita dei figli e continuare ad esercitare il ruolo che gli spetta per natura e per legame affettivo.

Azzardandomi in un confronto con la materia contrattuale (in diritto il matrimonio viene definito come “accordo” tra le parti), mi viene spesso da considerare il padre sparato come “contraente debole”, del rapporto “sinallagmatico” nascente dal matrimonio e pertanto come la figura che merita non dico una maggior tutela ma sicuramente una maggiore attenzione nel momento in cui consensualmente o giudizialmente si vanno a definire le condizioni di separazione o divorzio.

Pertanto, è compito di noi “operatori” del diritto cogliere questo aspetto e facilitare un compito reso non sempre agevole da provvedimenti giudiziali che in linea di massima prevedono un allontanamento del padre dalla casa coniugale, sradicandolo così dai propri spazi, dalle proprie abitudini ma soprattutto dai propri figli, limitandosi ad attribuirgli una funzione quasi esclusivamente di “contribuente economico” della sua prole.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani