Società

Settimana dei musei gratis. Quasi 3 su 10 non sono sul Web, offerta polverizzata

141

In Italia ci sono ben 4.158 musei e gallerie, 282 aree e siti museali, 536 monumenti o complessi monumentali, per un totale di 4.976 strutture. Nella classifica mondiale dei monumenti protetti dall’Unesco, l’Italia occupa il primo posto con 54 siti; eppure, nella classifica dei musei più visitati al mondo, il nostro Paese è presente solo con i Musei Vaticani.

Nel 2018 l’emanazione del decreto del Ministro Bonisoli ha dato vita al Sistema museale italiano. Le reti museali, in generale, permettono la condivisione di comunicazione esterna, raccolta di fondi pubblici, pianificazione e sviluppo dei servizi didattici. Con l’obiettivo di migliorare la fruizione, l’accessibilità, la gestione sostenibile del patrimonio culturale.
Permane, tuttavia, un fortissimo divario tra Nord e Sud: al Centro-Nord il 64,4% delle istituzioni museali è inserito in reti museali, nel Mezzogiorno meno del 27%.
Anche la presenza e l’attività online dei nostri musei risultano non adeguate e non concorrenziali. Solo poco più della metà dei musei italiani sono attivi sui Social per comunicare la propria attività (57%). Il 29% non dispone di alcun servizio digitale.
Eppure, il rafforzamento della presenza digitale rappresenta un imprescindibile adeguamento alle moderne modalità di fruizione culturale, anche all’interno di uno scenario internazionale nel quale la comunicazione riveste una crescente importanza.
L’azione di rete nel nostro Paese è ancora insufficiente, l’offerta polverizzata, la digitalizzazione non abbastanza diffusa ed organizzata; tutto ciò influisce negativamente sul numero dei visitatori, soprattutto rispetto all’unicità e le dimensioni del patrimonio nazionale.
Sette italiani su 10 nell’ultimo anno non hanno mai visitato un museo, il 75% mai una mostra. Troppi concittadini rimangono estranei o distanti dalle ineguagliabili ricchezze culturali presenti nel nostro Paese.
Il patrimonio culturale deve essere tutelato, valorizzato, reso fruibile, perché esso non è soltanto componente fondamentale dell’immagine che un Paese veicola all’esterno, con ricadute sulla sua attrattività e sul suo sistema economico, è anche parte essenziale dell’identità di chi vive un territorio.

Il Rapporto Italia 2019 ha dedicato due schede al sistema museale italiano, “La rete dei musei in Italia” e “L’innovazione digitale nel settore museale italiano: dai Social Network ai siti web”, che proponiamo nella versione integrale.

Rapporto Italia 2019. Le reti dei musei

Rapporto Italia 2019. L’innovazione digitale nel settore museale

Ultime notizie
Gioco

Esports, il primo obiettivo è il riconoscimento come DSA. L’intervento

Intervento dell’Avv. Andrea Strata, Direttore Osservatorio Permanente su Giochi legalità e patologie dell’Eurispes, in occasione della Fiera Enada di Rimini Prima di focalizzare...
di Andrea Strata
Cultura

School in motion, il cartoon per educare. “Ma l’insegnante rimane fondamentale”

Scuola e tecnologia, sistema tradizionale dell’istruzione e didattica innovativa: il prossimo 15 maggio si svolgerà a Roma, presso il MAXXI, School in motion. Ne parliamo con Antonello Capra, docente, biologo e ideatore del Festival.
di Valentina Renzopaoli
Crescita

Crescita sostenibile, Paesi BRICS “avanti” con la Nuova Banca di Sviluppo

Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica: dagli Stati Brics arriva la Nuova Banca di Sviluppo, un modello alternativo a quelli occidentali, per promuovere strategie internazionali che hanno come obiettivo una crescita sostenibile.
di Marco Ricceri
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione