Società

L’io sovrano nell’epoca dell’individualismo egocentrico. Lo “scontro” tra pubblico e privato

170

L’io al centro del mondo, iper-connesso e onnipresente, partorito dal mondo digitalizzato dei social network ha messo in crisi l’eterno dualismo “pubblico-privato”.

Nel saggio Privato Pubblico. Alla ricerca del senso perduto, del Professor Alberto Mattiacci, che apre la sezione “Pubblico-Privato” del Rapporto Italia 2019, l’autore chiarisce che le lenti delle diverse scuole economiche che si sono date battaglia nel secolo scorso – (neo)liberisti con i (neo)kesiani -, rendono una visione comunque opaca della realtà, in quanto i vettori dell’economia hanno sostanzialmente abbandonato i carrier tradizionali: le declinanti grandi soggettività collettive hanno lasciato intero lo spazio all’individuo-persona che popola la società dell’individualismo di massa.
«L’individualismo egocentrico che, in epoca globo-digitalizzata, ha trovato sponda e leva nei social network: l’io al centro del mondo, l’“io” sovrano (e sovranista), l’io onnisciente, l’io iper-connesso e onnipresente. Questo io espanso e consapevole di esserlo è un protagonista che mancava ai palcoscenici del passato», scrive Mattiacci. Il saggio affronta, quindi, la condizione per la quale la stessa arcaica contrapposizione tra pubblico e privato in economia risulta superata, e suggerisce la necessità di una nuova articolazione che sia al contempo lessicale e strutturale.
Scrive Mattiacci nel saggio che qui proponiamo nella versione integrale: «Questo fatto ha il rango di fatto “storicamente rilevante e non sarà affatto ininfluente sul modo in cui il tema della relazione pubblico-privato prenderà forma nella società – e, quindi, nel confronto fra i partiti (o, più verosimilmente, fra i leader politici) ‒ nel futuro prossimo». Prosegue: «La relazione pubblico/privato oggi va impostata e domani si risolverà, in altri termini, in un equilibrio inedito, che scaturirà dall’intrecciarsi delle relazioni economiche e sociali, in un quadro decisamente non confrontabile con quelli del passato. La globalizzazione tecnologica è la differenza: occorrerà, dunque, del pensiero nuovo, adeguato al diverso spirito dei tempi correnti e la capacità di esprimerlo in una nuova narrazione convincente»

Pubblichiamo di seguito la versione integrale del saggio

Rapporto Italia 2019. Saggio Pubblico/Privato

 

Ultime notizie
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli