Società

L’io sovrano nell’epoca dell’individualismo egocentrico. Lo “scontro” tra pubblico e privato

186

L’io al centro del mondo, iper-connesso e onnipresente, partorito dal mondo digitalizzato dei social network ha messo in crisi l’eterno dualismo “pubblico-privato”.

Nel saggio Privato Pubblico. Alla ricerca del senso perduto, del Professor Alberto Mattiacci, che apre la sezione “Pubblico-Privato” del Rapporto Italia 2019, l’autore chiarisce che le lenti delle diverse scuole economiche che si sono date battaglia nel secolo scorso – (neo)liberisti con i (neo)kesiani -, rendono una visione comunque opaca della realtà, in quanto i vettori dell’economia hanno sostanzialmente abbandonato i carrier tradizionali: le declinanti grandi soggettività collettive hanno lasciato intero lo spazio all’individuo-persona che popola la società dell’individualismo di massa.
«L’individualismo egocentrico che, in epoca globo-digitalizzata, ha trovato sponda e leva nei social network: l’io al centro del mondo, l’“io” sovrano (e sovranista), l’io onnisciente, l’io iper-connesso e onnipresente. Questo io espanso e consapevole di esserlo è un protagonista che mancava ai palcoscenici del passato», scrive Mattiacci. Il saggio affronta, quindi, la condizione per la quale la stessa arcaica contrapposizione tra pubblico e privato in economia risulta superata, e suggerisce la necessità di una nuova articolazione che sia al contempo lessicale e strutturale.
Scrive Mattiacci nel saggio che qui proponiamo nella versione integrale: «Questo fatto ha il rango di fatto “storicamente rilevante e non sarà affatto ininfluente sul modo in cui il tema della relazione pubblico-privato prenderà forma nella società – e, quindi, nel confronto fra i partiti (o, più verosimilmente, fra i leader politici) ‒ nel futuro prossimo». Prosegue: «La relazione pubblico/privato oggi va impostata e domani si risolverà, in altri termini, in un equilibrio inedito, che scaturirà dall’intrecciarsi delle relazioni economiche e sociali, in un quadro decisamente non confrontabile con quelli del passato. La globalizzazione tecnologica è la differenza: occorrerà, dunque, del pensiero nuovo, adeguato al diverso spirito dei tempi correnti e la capacità di esprimerlo in una nuova narrazione convincente»

Pubblichiamo di seguito la versione integrale del saggio

Rapporto Italia 2019. Saggio Pubblico/Privato

 

Ultime notizie
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Politica

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua
Europa

L’Europa? Mattiello: “Un condominio litigioso dove ci si fa concorrenza sleale”

Sognare una “Repubblica d'Europa” che ricoscopra valori comuni, scavalchi le demagogie dei nazionalismi, costruisca una nuova realtà politica, economica e culturale: è l'idea proposta nel libro La Repubblica d'Europa (Add Editore). Ne parliamo con Davide Mattiello, coautore del testo.
di Pina Sodano