Sondaggi & Ricerche

Pigrizia e poco sport per gli italiani in crisi

174

Sport per pochi e per applicare la massima di Giovenale “Mens sana in corpore sano” occorre un grosso sforzo di volontà. Uno sforzo che solo un italiano su tre ha deciso di compiere. Infatti, secondo i dati Eurispes (2014), appena il 34,3% pratica regolarmente attività fisica o uno sport. Un dato decisamente preoccupante che conferma la pigrizia dell’indole italiana: i dati più recenti dell’Eurobarometro (2009) vedevano il nostro Paese agli ultimi posti in Europa, insieme a Grecia, Bulgaria e Portogallo, per numero di cittadini dediti regolarmente a uno sport. Una pigrizia assolutamente bipartisan per quel che riguarda i sessi. Il numero di uomini che ammette di non fare sport o di non svolgere regolarmente alcuna attività sportiva è pressoché identico a quello delle donne: il 63% contro il 62,1%.

A praticare con maggior assiduità sport o più in generale un’attività fisica sono i giovanissimi  tra i 18 e i 24 anni. Poco più della metà, il 52,5%, degli under 24 applica il motto di Giovenale. Non a caso la fascia d’età, tra quelle ancora lavorativamente attive, meno impegnata a fare sport è quella compresa tra i 25 e i 34 anni (34,9%). La percentuale di “sportivi” aumenta leggermente (38,4%) col passare degli anni (tra i 35 e i 44 anni) quando il corpo comincia a dare i primi segnali di invecchiamento e, quindi, si inizia a sentire la necessità di tornare in forma. Allo stesso tempo si gestiscono meglio le questioni legate alle tante novità della vita adulta, dal lavoro alla famiglia, e si riesce a ritagliare più spazio per se stessi. Il numero di chi fa attività sportiva subisce quindi una lieve flessione tra i 45 e i 64 anni passando a 35,8%.

Forever young? Per alcuni anziani sembra proprio essere un imperativo, tant’è che  quasi un over65 su cinque, combatte l’avanzare degli anni non solo con l’aiuto di medici o di farmaci, ma adottando probabilmente il rimedio migliore, quello appunto di praticare un’attività fisica.

Il matrimonio sembra essere invece la tomba dello sport praticato: solo una persona sposata su quattro (25,1%) fa attività fisica con regolarità.

Le cose cambiano sensibilmente tra i single che fanno sport nel 46,5% dei casi.

Fare sport però costa. Dall’iscrizione all’abbonamento per la palestra o per la piscina, dal contapassi alle scarpe e alla tuta da jogging, dall’attrezzatura da sci alla racchetta da tennis, tenersi in forma ha un costo che può variare da sport a sport. E in un periodo di crisi così pesante e lungo come quello che sta vivendo l’Italia, anche i costi vanno, purtroppo, a incidere sulla sana pratica sportiva. Il 35,4% di chi non rinuncia a mantenersi in forma non va oltre, per farlo, i 50 euro mensili, mentre il 24,9% arriva a spendere fino a 100 euro.

Ma se la crisi bussa alle porte delle famiglie e costringe a tagliare un po’ su tutte le spese, non manca chi si ingegna per mantenersi in  forma a “costo 0”.  Due italiani su dieci praticano sport in casa, magari seguendo programmi ad hoc trasmessi da numerosi canali Tv, o dopo aver “riesumato” dalla soffitta una vecchia cyclette. A dimostrazione del fatto che fare o meno sport è purtroppo anche una questione meramente economica.

Ultime notizie
Intervista

Camilleri come Verga e Pirandello. “Il vigatese è italiano come la lingua dei Malavoglia”

Andrea Camilleri non è solo un caso letterario. È una figura poliedrica di intellettuale, capace di esprimere la corda universale della sicilianità, come hanno fatto i grandi della letteratura isolana: da Verga a Pirandello. Ne parliamo con Franco Lo Piparo, professore filosofia del linguaggio all’Università di Palermo.
di Massimiliano Cannata
Il punto

Regioni: tutte a statuto speciale

Occorre che lo Stato ritorni ad essere protagonista e guida del futuro degli italiani. Occorrerebbe riscoprire il senso di comunità e di...
di Gian Maria Fara
agricoltura

Mafia nei mercati ortofrutticoli. Sud Pontino epicentro della filiera criminale

Mafia nei mercati ortofrutticoli: quando la criminalità riesce a mettere le mani sui grandi mercati ortofrutticoli o sul sistema della logistica, condiziona l'intera filiera agricola italiana e internazionale. Si tratta di un avanzamento importante e pericoloso della strategia delle agromafie italiane.
di Marco Omizzolo
Intervista

Salvini e il bluff della crisi di “ferragosto”. Il Papeete è un format politico

Crisi di governo: Matteo Salvini protagonista del “mistero buffo” di Ferragosto. L'analisi di Aldo Cazzullo, cronista di razza, editorialista e firma di punta del Corsera. «Più passano i giorni, più l'azzardo di Salvini si rivela sempre più tale. La mia impressione è che abbia sbagliato i tempi».
di Massimiliano Cannata
Informazione

Comunità sostituite da “communities”. L’identità corre sui social

Ha un senso oggi parlare, nel nostro Paese, di comunità? Quand'é che un insieme di persone diventa una comunità e in quale circostanza perde questa sua connotazione?
di Alfonso Lo Sardo
Economia

Fed e Bce: la simmetria accomodante nelle politiche monetarie

Il mese di luglio ha registrato importanti segnali e decisioni riguardo le prospettive di politica monetaria sulle due sponde dell’Atlantico. Sia la Bce che la Fed hanno fornito elementi di valutazione delle prossime mosse in questo àmbito, sul fronte europeo, e una decisione concreta in casa americana.
di Antonio De Chiara
Istruzione

L’educazione civica torna sui banchi di scuola. L’Eurispes applaude

Con l’approvazione da parte del Senato del Ddl sull’introduzione dell’insegnamento scolastico dell’educazione civica, la materia sarà reintrodotta nella scuola primaria e in quella secondaria. Al tema il magazine L’Eurispes.it ha dedicato una “campagna” di informazione e aperto un vero e proprio dibattito, consultando insegnanti, esperti di diritto e politici.
di redazione
International

Religione in Russia. Gli ortodossi praticanti sono solo il 3%. “Servono più sacerdoti”

Quanti sono i cittadini russi di religione ortodossa? Quanti i credenti-praticanti? Quale ruolo svolgono la Chiesa Ortodossa e l’associazionismo cristiano nella società russa? A queste domande ha messo un punto fermo una recente ricerca sociologica.
di Evpati Selov
International

Sudafrica, il Pil torna a volare. Ma la disuguaglianza alimenta l’immigrazione

I BRICS ospitano, in totale, circa il 42% della popolazione mondiale, ricoprono circa il 25% dell’estensione terrestre e il loro Pil ammonta...
di Bartolomeo Gatteschi
Cultura

Scuola e formazione. Italia, Paese delle riforme mancate

In Italia, i dati sulla dispersione scolastica, indice sensibile della qualità del sistema scolastico di una nazione, mostrano un generale miglioramento della...
di Roberto Bevacqua