Sud: Credito d’imposta per 2,5 miliardi

Parlamento

Si scalda il dibattito politico in vista delle elezioni amministrative di primavera. I sindaci “arancioni” di Milano, Genova e Cagliari hanno scritto una lettera per ricerca l’unità perduta all’interno della compagine di centrosinistra. Un messaggio che ha agitato gli animi delle formazioni che nel 2013 si presentarono unite alle Politiche. Gli ex Sel di Sinistra italiana hanno detto che sarà molto difficile sottoscrivere delle alleanze con il Partito democratico di Matteo Renzi. I fan del premier sono intanto pronti ad inaugurare l’appuntamento della prossima “Leopolda”: un must per la componente renziana del Pd. Un palco dal quale il segretario è pronto a rivendicare i risultati raggiunti durante il suo mandato. Obiettivi non condivisi dalla minoranza dei Dem.

In Senato alle 9:30 si svolgerà la discussione sulla questione di fiducia posta ieri dal Governo sull’approvazione del maxiemendamento interamente sostitutivo del provvedimento recante norme penali sull’omicidio stradale. Le dichiarazioni di voto avranno inizio alle 11; a seguire, la chiama e la votazione finale. A seguire, l’ordine del giorno prevede l’inizio dell’esame del disegno di legge di conversione del dl recante misure urgenti per interventi nel territorio. Nel pomeriggio il governo si presenterà a Palazzo Madama per rispondere ad alcune interrogazioni sulla riorganizzazione del pubblico impiego e delle amministrazioni dello Stato. La commissione Affari costituzionali porterà avanti l’iter dei ddl sulla riforma del Terzo settore e sulla concessione e il riconoscimento della cittadinanza. L’esame del documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra contribuenti e fisco sarà al centro delle attività della commissione Finanze. La commissione Lavori pubblici proseguirà il confronto sul ddl di riforma della Rai e sulla legge delega in materia di appalti. Nel pomeriggio – al termine delle audizioni connesse – riprenderà in commissione Industria l’esame della Legga annuale sul mercato e la concorrenza.

In piena sintonia con la consuetudine non si terranno sedute dell’assemblea di Montecitorio durante la sessione di bilancio. La legge di Stabilità è infatti al centro dei lavori della commissione Bilancio. Cominciano ad arrivare le prime proposte di modifica elaborate da governo e relatori. Il primo pacchetto, come annunciato, è quello per il Mezzogiorno, con lo stanziamento di quasi due miliardi e mezzo in quattro anni per far scattare il credito d’imposta automatico, con tre fasce. Niente da fare, al momento, per il rafforzamento degli sgravi per le assunzioni, che potrebbero essere vincolati alla verifica dei fondi con l’Agenzia di coesione, che sarà “sotto osservazione”, come viene spiegato, e potrebbero semmai scattare dal 2017. Nel corso della seduta di oggi potrebbero essere presentate anche le correzioni al capitolo giochi, con una revisione della tassazione ma anche una nuova stretta alla pubblicità, così come l’intero pacchetto cultura-sicurezza da 2 miliardi, annunciato da Matteo Renzi nei giorni scorsi per combattere il terrorismo. Ancora non si è invece arrivati a una soluzione definitiva sul fronte della salvaguardia dei risparmiatori delle quattro banche salvate dal decreto-legge del governo, che è stato assorbito dalla legge di Stabilità.

La commissione Bilancio intanto ha completato la prima scrematura degli emendamenti presentati dai deputati, approvando solo una manciata di micro-modifiche: dallo sblocco delle risorse per la gestione della chiusura degli Opg per le Regioni a statuto speciale ai criteri per la ripartizione del fondo anti-povertà che deve essere proporzionale al numero di figli e alla presenza di disabili.

L’emendamento sul credito d’imposta e i superammortamenti, che dovrebbe essere votato nel corso della giornata, prevede lo sconto automatico, come sempre chiesto in primis dal Presidente della commissione Francesco Boccia, per gli investimenti delle imprese che già operano nel Mezzogiorno o che lì si insediano, con tre tetti e tre fasce: 20% per le piccole fino a 1,5 milioni di investimento, 15% per le medie fino a 5 milioni e 10% per le grandi fino a 15 milioni. Nel pomeriggio si svolgeranno in commissione Attività produttive delle audizioni nell’ambito della discussione della risoluzione riguardante le prospettive della filiera chimica italiana, di rappresentanti delle regioni Emilia-Romagna, Sardegna, Sicilia e Veneto.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali