Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Un convegno può dirsi veramente riuscito se dalle tesi che sono state esposte, dagli incontri che si sono realizzati e dal confronto che ha ispirato, nascono dei fermenti, nuove idee, progetti e sinergie. È per questo ‒ e non solo per la folta partecipazione e per l’altissimo livello dei relatori ‒ che il meeting organizzato dalla Fondazione Magna Grecia a Palermo dal 4 al 6 ottobre è stato un successo.
Il titolo dell’assise, peraltro, Sud e Futuri, poteva legittimamente suscitare perplessità sulla ampiezza delle ipotesi possibili per una reale crescita di quell’area conosciuta come “Mezzogiorno” e nei confronti della quale molti sono stati i tentativi e le ricette che, nei decenni, sono state proposte con discutibili risultati.
Magna Grecia, invece, come ha sottolineato il suo Presidente Nino Foti, ha voluto fornire un approccio metodologico diverso, che partisse dalla individuazione degli errori commessi e da quella delle soluzioni possibili, indicando i settori strategici per lo sviluppo di un territorio che paga il prezzo di ritardi, di aspettative deluse e vocazioni mortificate. Spunti di riflessione e di indagine da offrire ad esperti e addetti ai lavori per provare ad invertire la rotta.
Il Rapporto che è stato presentato da Renato Poli ‒ cattedra Unesco sui sistemi anticipanti e Presidente di Skopia Anticipation services ‒ è stata la premessa argomentativa sulla quale si è innestato il dibattito, nel corso dei tre giorni, che ha visto discutere decine di esponenti di primo piano del panorama sociale, culturale, economico e politico, attraverso tavoli tematici (Governare il Mezzogiorno; I mille volti delle mafie; Sud: dove Europa e Africa preparano il futuro; Legalità e democrazia: la strada obbligata per il Mezzogiorno; Lavorare per lo sviluppo: orientamento, lavoro e occupabilità; Futuro e intelligenza artificiale: cogliere la nuova rivoluzione) e la testimonianza di esperienze vissute.
Ma quali sono le linee guida del Rapporto e quali misure suggerite? Essenzialmente gli asset su cui puntare sono i seguenti: qualità delle istituzioni, soprattutto amministrative, qualità della classe dirigente delle amministrazioni, responsabilità politica; unicità e cura del territorio inteso anche come patrimonio di risorse da usare in un’ottica di sostenibilità; questione culturale: educazione, formazione e reti sociali; spopolamento ed emigrazioni: da problema a opportunità; identità locale e attitudini.
E quali sono le misure da adottare? Un ridimensionamento dell’apparato amministrativo regionale, pervaso da abusi d’ufficio e collusione; una riorganizzazione generale di tutto l’apparato decisionale che oggi risulta privo di strumenti analitici; meccanismi di responsabilità e di sanzioni per la burocrazia inadempiente; sospensione di alcune prerogative regionali e il ripensamento radicale di un’autonomia di potere che è stata mal gestita; investimenti da intercettare e spendere per infrastrutture e servizi.
Il Rapporto evidenzia alcuni atteggiamenti, modi di essere, ma anche tendenze sociali e culturali in atto che vanno studiate perché ostacolano la crescita del Sud. Tra queste, «una rabbia e una frustrazione figlie della disperazione per la mancanza di lavoro e di prospettive; l’incapacità di affrontare il degrado che non è solo ambientale e sociale ma anche etico-morale; la fatica a staccarsi dal presente e la difficoltà di immaginare un futuro possibile; la “non cura” del territorio, ovvero il suo sostanziale stato di abbandono e la messa in pericolo delle sue risorse, che tutti, a ragion veduta, considerano come una vera ricchezza; la progressiva desertificazione del territorio e il suo lento ma inesorabile spopolamento come indizio di mancanza di speranza; comportamenti irrispettosi del bene comune che nascono da convenienze economiche; una scarsa competenza e informazione dei soggetti decisori; la bassa qualità amministrativa delle istituzioni e del capitale sociale; la difficoltà dei progetti a raggiungere la massa critica per scatenare l’effetto di ridondanza e creare indotto economico e sociale.
Una piattaforma di conoscenze e di dati, quella elaborata e presentata dalla Fondazione Magna Grecia in questo primo Annual International meeting, che Eurispes ha sostenuto e condiviso, a conferma della strategicità del Sud, della sua centralità nel Mediterraneo, e della necessità di affrontare la mai risolta questione meridionale nella considerazione delle nuove sfide, della dinamicità che la globalizzazione impone, e della estrema velocità con cui il futuro, oggi più che mai, fa sentire il suo respiro.

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro