Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Un convegno può dirsi veramente riuscito se dalle tesi che sono state esposte, dagli incontri che si sono realizzati e dal confronto che ha ispirato, nascono dei fermenti, nuove idee, progetti e sinergie. È per questo ‒ e non solo per la folta partecipazione e per l’altissimo livello dei relatori ‒ che il meeting organizzato dalla Fondazione Magna Grecia a Palermo dal 4 al 6 ottobre è stato un successo.
Il titolo dell’assise, peraltro, Sud e Futuri, poteva legittimamente suscitare perplessità sulla ampiezza delle ipotesi possibili per una reale crescita di quell’area conosciuta come “Mezzogiorno” e nei confronti della quale molti sono stati i tentativi e le ricette che, nei decenni, sono state proposte con discutibili risultati.
Magna Grecia, invece, come ha sottolineato il suo Presidente Nino Foti, ha voluto fornire un approccio metodologico diverso, che partisse dalla individuazione degli errori commessi e da quella delle soluzioni possibili, indicando i settori strategici per lo sviluppo di un territorio che paga il prezzo di ritardi, di aspettative deluse e vocazioni mortificate. Spunti di riflessione e di indagine da offrire ad esperti e addetti ai lavori per provare ad invertire la rotta.
Il Rapporto che è stato presentato da Renato Poli ‒ cattedra Unesco sui sistemi anticipanti e Presidente di Skopia Anticipation services ‒ è stata la premessa argomentativa sulla quale si è innestato il dibattito, nel corso dei tre giorni, che ha visto discutere decine di esponenti di primo piano del panorama sociale, culturale, economico e politico, attraverso tavoli tematici (Governare il Mezzogiorno; I mille volti delle mafie; Sud: dove Europa e Africa preparano il futuro; Legalità e democrazia: la strada obbligata per il Mezzogiorno; Lavorare per lo sviluppo: orientamento, lavoro e occupabilità; Futuro e intelligenza artificiale: cogliere la nuova rivoluzione) e la testimonianza di esperienze vissute.
Ma quali sono le linee guida del Rapporto e quali misure suggerite? Essenzialmente gli asset su cui puntare sono i seguenti: qualità delle istituzioni, soprattutto amministrative, qualità della classe dirigente delle amministrazioni, responsabilità politica; unicità e cura del territorio inteso anche come patrimonio di risorse da usare in un’ottica di sostenibilità; questione culturale: educazione, formazione e reti sociali; spopolamento ed emigrazioni: da problema a opportunità; identità locale e attitudini.
E quali sono le misure da adottare? Un ridimensionamento dell’apparato amministrativo regionale, pervaso da abusi d’ufficio e collusione; una riorganizzazione generale di tutto l’apparato decisionale che oggi risulta privo di strumenti analitici; meccanismi di responsabilità e di sanzioni per la burocrazia inadempiente; sospensione di alcune prerogative regionali e il ripensamento radicale di un’autonomia di potere che è stata mal gestita; investimenti da intercettare e spendere per infrastrutture e servizi.
Il Rapporto evidenzia alcuni atteggiamenti, modi di essere, ma anche tendenze sociali e culturali in atto che vanno studiate perché ostacolano la crescita del Sud. Tra queste, «una rabbia e una frustrazione figlie della disperazione per la mancanza di lavoro e di prospettive; l’incapacità di affrontare il degrado che non è solo ambientale e sociale ma anche etico-morale; la fatica a staccarsi dal presente e la difficoltà di immaginare un futuro possibile; la “non cura” del territorio, ovvero il suo sostanziale stato di abbandono e la messa in pericolo delle sue risorse, che tutti, a ragion veduta, considerano come una vera ricchezza; la progressiva desertificazione del territorio e il suo lento ma inesorabile spopolamento come indizio di mancanza di speranza; comportamenti irrispettosi del bene comune che nascono da convenienze economiche; una scarsa competenza e informazione dei soggetti decisori; la bassa qualità amministrativa delle istituzioni e del capitale sociale; la difficoltà dei progetti a raggiungere la massa critica per scatenare l’effetto di ridondanza e creare indotto economico e sociale.
Una piattaforma di conoscenze e di dati, quella elaborata e presentata dalla Fondazione Magna Grecia in questo primo Annual International meeting, che Eurispes ha sostenuto e condiviso, a conferma della strategicità del Sud, della sua centralità nel Mediterraneo, e della necessità di affrontare la mai risolta questione meridionale nella considerazione delle nuove sfide, della dinamicità che la globalizzazione impone, e della estrema velocità con cui il futuro, oggi più che mai, fa sentire il suo respiro.

Ultime notizie
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli
Attualità

La lunga marcia verso le politiche

La lunga marcia verso le elezioni politiche del 2023, ha tagliato il primo traguardo del referendum costituzionale e delle regionali. Farà tappa a Roma nel giugno 2021, per assegnare la maglia di Primo cittadino della Capitale e dopo meno di un anno per scoprire il vincitore della corsa al Quirinale.
di Emilio Albertario
Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con disabilità....
di Ilaria Tirelli
Approfondimenti

Sharenting: cari genitori, prima di postare, pensate

Sharenting e troppe informazioni condivise sul web, quali sono i rischi di postare continuamente foto dei propri #figli? Siamo tutti potenzialmente degli over-sharer?
di Susanna Fara
Criminalità e contrasto

Giochi e Banche, tra etica e pubblica sicurezza

Alcune imprese del settore dei giochi lamentano un trattamento discriminatorio attuato dali Istituti di credito per quanto riguarda l’accesso ai finanziamenti con garanzie agevolate previsti dai decreti varati dal Governo.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Economia

La sfida per ospitare il Tribunale Unificato dei Brevetti è aperta

Milano ci riprova. Dopo aver vinto la sfida nazionale, è ufficialmente la candidata italiana ad accogliere il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB). I motivi per sostenere la canditatura sono molti.
di Giorgio Fedeli
Lavoro

Lavoro, infortuni e lockdown: in aumento le morti bianche

Gli infortuni, a volte gravi e nella peggiore dei casi anche mortali, costituiscono una delle evidenze più drammatiche dello stato di diffusa...
di Marco Omizzolo
Il punto a Mezzogiorno

Turismo in Calabria, una buona notizia

Il “tutti a casa” aveva fatto temere per il turismo in Calabria, che in questo territorio genera il 25% del Pil. Contro ogni previsione, la stagione, che sembrava compromessa e drammatica, non è stata negativa, anche se i dati parlano di presenze ben lontane dai numeri degli anni precedenti.
di Maurizio Lovecchio*
Attualità

Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dalla fine del lockdown, in Spagna i media si sono occupati sempre meno dei bollettini quotidiani sulla progressione della pandemia. In Italia, invece, nonostante un numero inferiore di casi, l’attenzione mediatica è rimasta altissima. Il confronto tra due delle testate più importanti, El Paìs e Corriere della Sera, una nostrana e una spagnola, è indicativo di una narrazione diversa della pandemia.
di Roberta Rega