Def e dazi occupano il primetime. Mediaset schierata nella “guerra dei tortellini”

Un’altra settimana “sui generis” per l’informazione Tv. Il connubio tra le discussioni sul Def e lo spettro dei dazi americani produce un’attenzione sui temi economici che, con 47 presenze nei titoli e 18 aperture, “occupa” le edizioni di primetime.

Dopo un lunedì incentrato sul Def e sull’annuncio del Premier Conte della sterilizzazione dell’Iva, l’attenzione dell’informazione passa al tema caldo dei dazi: tra mercoledì e giovedì sono 11 le aperture dedicate ai pericoli per le nostre esportazioni agroalimentari, segnalati sia dal Premier che dal Ministro Di Maio ‒ entrambi a colloquio con il Segretario Usa Pompeo ‒ e richiamati giovedì nell’intervento a Milano del Presidente, Sergio Mattarella. Buone coperture, con alcune testate che, illustrando la genesi della decisione di Trump, segnalano che l’economia italiana rischia di essere penalizzata per una decisione assunta dall’Unione (i finanziamenti ad Airbus) da cui il Paese non ha tratto alcun vantaggio.

L’attenzione al made in Italy, inteso come “identità e tradizione”, si allarga divenendo talvolta paradossale. È il caso di Tg4 e Tg5 che martedì titolano sui “tortellini senza maiale” preparati a Bologna in segno di ospitalità per cittadini di religione musulmana: «Tutto bene. Ma siamo certi di poter contare su altrettanta reciprocità?» è la domanda, retorica e senza senso, che compare nel Tg di Clemente Mimun.

Tornando alla politica economica, lo scambio tra Conte e Renzi sul tema del cuneo fiscale conquista venerdì 6 titoli. Ampio spazio per i Tg Mediaset, che sempre venerdì rilanciano con Tg2 la protesta di Salvini davanti al Campidoglio. Più presente, nei servizi, la figura del Ministro Fioramonti, chiamato in causa martedì per le sue dichiarazioni sui crocifissi nelle scuole, e divenuto in pochi giorni il nuovo “bersaglio” delle destre: 2 titoli martedì, ed ampi servizi venerdì per Tg4, Tg5 e Tg2, che lo inquadrano ormai come il “Toninelli” del Conte 2.

Richiamata dal solo Tg La7 l’interrogazione parlamentare della Lega nei confronti del Premier Conte in merito a sospetti di favoritismo per l’ottenimento della sua cattedra universitaria, con Mentana che parla di “veleno”. Presenti, ma in secondo piano, le aperture al voto per i 16enni.

Migranti e Decreto rimpatri. I Tg ricordano la strage di Lampedusa

Giovedì, Carola Rackete e il tema dei migranti tornano in auge per il suo intervento-denuncia in sede Ue. Venerdì la firma dei Ministri Di Maio e Bonafede in calce al decreto rimpatri non suscita adeguata attenzione. I Tg Rai lunedì visitano l’isola di Lesbo, dove migliaia di migranti sopravvivono da mesi in una situazione al collasso. I numeri degli sbarchi, “triplicati nel mese di settembre”, spiccano nei servizi perché rilanciati da Salvini. La ricorrenza della strage di Lampedusa del 3 ottobre viene ripresa da tutte le testate, con titoli per Studio Aperto, Tg4 e Tg3.

Nei Tg le proteste di Hong Kong, mentre la Cina Popolare festeggia i suoi 70 anni. Impeachment e Brexit ai margini.
Le proteste di Hong Kong, affiancate martedì alle celebrazioni per i 70 anni della Repubblica popolare cinese, conquistano numerosi titoli, e producono molti servizi dedicati alla cronaca delle repressioni.
L’ipotesi di impeachment per Trump è richiamata nelle titolazioni solo dal Tg La7. Tg2 esita a parlar “male” dell’amico americano e, anzi, coglie l’occasione della visita del Segretario di Stato, Pompeo per ritornare nella serata di venerdì sui successi dell’economia americana, che ha portato la disoccupazione al 3,5%.
La nuova mossa del Premier inglese Johnson, che cerca di negoziare con Bruxelles un improbabile accordo sul doppio confine per l’Irlanda del Nord, figura in 5 titoli, senza accompagnarsi a particolari commenti.

Trieste e Parigi: quando la cronaca si impone in apertura. Le condanne per il caso Cucchi. I Tg Mediaset e “gli stranieri che compiono più reati”
La sparatoria alla Questura di Trieste, costata la vita a due giovani poliziotti, si impone venerdì in apertura per tutte le edizioni. Lo stesso accade su Studio Aperto e Tg2 per la strage al commissariato di Parigi ad opera di un funzionario recentemente convertitosi all’Islam (titoli per le altre testate).
La formulazione delle richieste di condanna per il caso Cucchi, con i Pm che hanno chiesto 18 anni per i due carabinieri responsabili del pestaggio, spiccano giovedì nei titoli di Studio Aperto, Tg3 e Tg La7, con Mentana che parla di «una giornata buia per l’immagine dell’Arma».
Le proteste a Napoli dei dipendenti della Whirlpool sono documentate in settimana sia dai Tg Rai sia dai Mediaset. Questi ultimi tornano inoltre sulle inadempienze del sistema scolastico, proponendo venerdì la denuncia di una madre di Sassari, costretta a togliere la figlia disabile da scuola per la mancanza di un insegnante di sostegno.

Da segnalare, venerdì, l’attenzione dei Tg Mediaset all’intervento del Capo della Polizia Gabrielli sulla sicurezza del nostro Paese. A fronte di un calo progressivo dei reati negli ultimi 10 anni, i servizi si sono focalizzati sull’aumento in quota percentuale degli stranieri sul totale dei denunciati ed arrestati: dal 29,2% del 2016 al 32% del 2018. Un inequivoco aumento di tre punti che, però, risulta essere l’unico “dato” che interessa, mentre le più ampie valutazioni del Capo della Polizia sul tema dei flussi e dell’integrazione, rimangono sullo sfondo.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione