Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre grazie all’organizzazione dell’Associazione Frontline Defenders e al contributo di In Difesa di. Tra loro ho avuto l’onore di esserci anch’io, eletto Human Rights Defender per gli studi, l’impegno e i risultati ottenuti in difesa dei diritti umani di donne e uomini che in Italia sono vittime di tratta internazionale a scopo di grave sfruttamento lavorativo, caporalato, emarginazione.
Quattro giorni di confronti, riflessioni e approfondimenti su ciò che accade dentro e oltre i confini nazionali ed europei. Donne e uomini provenienti dalla Somalia, Arabia Saudita, Cina, Bolivia, Argentina hanno denunciato, con la forza della loro esperienza, violenze e omicidi di Stato di cui sono vittime da anni e contro le quali da anni si battono con una fierezza che spinge ad avere ancora fiducia nell’uomo. Ancora molti sono gli Stati che praticano violenza e discriminazioni, omicidi e torture al solo scopo di ridurre al silenzio giornalisti, blogger, testimoni di giustizia, ambientalisti, ricercatori indipendenti, insegnanti, transgender, lesbiche e omosessuali. Alcuni testimoni hanno denunciato, non senza una comprensibile emozione, le loro condizioni di vita e i pericoli che ogni giorno corrono insieme con le loro organizzazioni e comunità, portando a testimonianza i segni lasciati sui loro corpi o gli anni di carcere passati in celle dove la tortura e la violenza erano l’unico pane quotidiano.
Vale in Eritrea, Sud Sudan, Egitto, Arabia Saudita, Cina, Bangladesh e in molti altri paesi nel mondo. Alcuni non hanno potuto mostrare il loro volto ne pronunciare il loro nome per il pericolo di morte che corrono sistematicamente in ogni luogo del mondo essi vivano. Il loro anonimato è il segno di quanta strada ancora la democrazia debba fare in paesi che pure sono centrali nello scacchiere internazionale come la Russia o la Cina.
A me il compito di raccontare che cosa è stato organizzato in termini di lotta, autodeterminazione, consapevolezza ed emancipazione in Italia nella battaglia contro ogni forma di schiavitù, sfruttamento, discriminazione e violenza contro i migranti, a volte impiegati come schiavi nelle nostre campagne (e non solo), discriminati perché capaci di resistere alle violenze del padrone o semplicemente perché ricattabili. La loro lotta è un impegno in difesa della democrazia che abbiamo il dovere di accompagnare, sostenere e condurre con loro. Basti pensare che secondo l’ultimo Rapporto Agromafie dell’Eurispes, il giro d’affari delle agromafie in Italia nella sola agricoltura è di circa 25 miliardi di euro. Il mio intervento in assemblea ha ricordato che la difesa dei diritti umani vale non solo fuori i confini europei ma anche al suo interno, superando stereotipi diffusi che nascondono invece realtà di sfruttamento ed umiliazioni molto gravi.
Parlare di agromafia in Italia dinnanzi al Commissario Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e a Michel Forst, Special Rapporteur delle Nazioni Unite per gli human rights defenders, citando i dati contenuti nell’ultimo Rapporto dell’Eurispes e alcune tra le storie di vita di braccianti migranti impiegati in condizioni di grave sfruttamento nelle campagne del Paese, ha permesso di offrire un quadro aggiornato e rinnovato nella dialettica e rappresentazione del fenomeno, premessa per prossimi impegni e nuovi appuntamenti. Lo sfruttamento è business, accondiscendenza nei confronti dei poteri mafiosi e di filiere ancora poco trasparenti. Abbiamo il dovere di indagare, approfondire, per difendere i diritti umani, per sostenere gli imprenditori seri e capaci da coloro che invece vìolano diritti e regole del mercato agendo in modo criminale e scorretto, per privilegiare il diritto contro la logica del profitto ad ogni costo, la produzione agricola di qualità dall’Italian sounding che è un’offesa per la storia, cultura e capacità di saper ben fare del nostro Paese. Presto, peraltro, questa riflessione la porteremo direttamente alle Nazioni Unite mettendo in luce nuovi dati, prove e rinnovate modalità di analisi e contrasto alle agromafie.
Tutti i difensori dei diritti umani presenti a Dublino ‒ con i loro linguaggi, colori, esperienze, cicatrici ‒ sono la prova che nel mondo viaggia ancora un sogno che è quello di costruire una società migliore in cui nessuno, riprendendo Martin Luther King, possa essere discriminato per il colore della propria pelle ma anche per la sua nazionalità, orientamento sessuale, appartenenza di classe, idee politiche. Difendere la terra dalla predazione e da ogni processo che ne alteri gli equilibri ecologici è un principio di sopravvivenza e di democrazia, come anche Papa Bergoglio riconosce e sottolinea ormai sistematicamente.
Ascoltando tante donne e uomini del Sudamerica parlare, nei loro racconti, di lotta alle devastazioni ambientali, di difesa del territorio e della vita dei villaggi dagli squadroni della morte dei loro governi, dei loro compagni e compagne uccisi in raid assassini dalle forze di polizia locali, ho visto la violenza di un mondo che non vuole rassegnarsi e la bellezza di un altro, invece, che non vuole soccombere e per questo ha deciso di resistere. A questi difensori dei diritti umani non è stato regalato nulla. Si sono conquistati ogni metro fatto, ogni parola pronunciata, ogni cicatrice. Dublino è stata una grande occasione per ricordare che chiudersi in sé, dentro i propri confini, è sempre la strada più facile per impoverirsi, isolarsi e restare indietro sul piano dei diritti e dell’agire democratico. La chiusura autarchica significa dominio del più forte, che dentro un mondo globale vuol dire ‒ come la vicenda dei dazi Usa sui prodotti agricoli anche italiani sta dimostrando ‒ che a vincere sono i più grandi, i meglio organizzati, i più cinici rispetto alle regole proprie della democrazia.
Qualcuno ci ha raccontato, per anni, che bisognava tenere i piedi per terra. Io so che volare, a volte, serve per alzare lo sguardo, so che resiste nel mondo la voglia di giustizia e libertà che anima ancora le menti e i corpi di tante persone che, in diverse aree di questo mondo, vivono le ragioni del fare e soprattutto del fare nella direzione di un cambiamento che riconosca giustizia, futuro, libertà, democrazia a tutti. “Nessuno escluso” è ciò che spero presto diventi la bussola del cambiamento.
Resto convinto che la storia la cambia chi decide di cambiare il modo di lavorare, ragionare, parlare, raccontare e vivere nel mondo. La scelta inevitabile è quella di socializzare i saperi, rafforzare uno spirito libero, indipendente e critico, con-fondere nel senso di tenere insieme le persone, allargare i diritti, sconfiggere le disuguaglianze. Dicono sia un sogno: a me da Dublino pare un sogno possibile. Fiero di essere stato nominato Human Rights Defender.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare