Ti assisto in famiglia: superano quota 5 mln i “caregiver” in Italia

Si chiamano “caregiver” familiari, e in Italia sono più di 5 milioni. Persone che si occupano direttamente, in casa, dell’assistenza ad un parente bisognoso di cure. Quella dell’assistenza  ‘fai da te’ e’ però una scelta spesso obbligata: in sei casi su dieci, infatti, le cure domestiche dirette, senza l’aiuto di una figura esterna, sono le uniche economicamente sostenibili per migliaia di nuclei familiari. Questo dato emerge da una indagine condotta dalla Swg, partendo da un campione di tremila persone, in occasione della ‘Settimana della buona salute 2018’, la campagna di sensibilizzazione per l’invecchiamento attivo promossa dal sindacato dei pensionati autonomi Fipac Confesercenti.

L’alta incidenza dell’assistenza familiare diretta – scelta dal 71 per cento dei prestatori di cure – e’ dovuta nel 59 per cento dei casi a motivazioni di tipo economico. Ad incidere, però, c’è anche una certa preferenza per le cure domestiche: il 32 per cento degli assistenti familiari, infatti, ammette di seguire personalmente il proprio parente perché preferisce non affidarne la cura a persone estranee. Una scelta dettata da fattori culturali, ma anche da una diffusa sfiducia nelle strutture private, di cui si avvale solo il 4 per cento. Poco significativo anche il ricorso al pubblico (4 per cento, ma c’e’ una quota di circa duecentomila persone che segnala la mancanza di disponibilità nelle strutture del proprio territorio.

Tra chi può permetterselo, invece, si consolida la preferenza per le badanti: il 16 per cento le impiega, per un esercito di circa un milione di addetti all’assistenza, uno su tre (il 35 per cento) in servizio per oltre 18 ore a settimana. Anche la ricerca della badante e’ improntata al ‘fai da te’: il 72 per cento ottiene il contatto attraverso il passaparola, mentre il 12 per cento tramite lo sportello comunale o un’altra struttura pubblica. Il 9 per cento si avvale dell’aiuto di associazioni e cooperative sociali, mentre il 5 per cento ricorre alla comunita’ religiosa.

Ma qual è la situazione dei “caregiver” in Europa? Molto alto il numero degli ‘informali’ ossia di coloro che effettuano tale attività al di fuori di un contesto professionale e, solitamente, a titolo gratuito per una persona cara, a differenza del “caregiver”‘formale, generalmente una badante, che lo fa per lavoro. Il dato europeo ci dice che nel nostro continente l’80 per cento dell’attività di cura in favore di soggetti non autosufficienti è garantita da parenti e amici e questo anche in paesi che beneficiano di un welfare molto avanzato.

Complessivamente, il numero dei “caregiver” informali è circa il doppio di quelli professionisti. Sono 100 milioni circa  Europa – secondo una statistica del 2017 – di cui due terzi rappresentati da donne. Ciò che manca, a livello europeo, è una regolamentazione omogenea del fenomeno, con differenze che permangono nei vari Stati,  su retribuzione e benefici pensionistici. Sostanziali differenze inoltre esistono quanto ai servizi di prevenzione, riabilitazione, cura e assistenza, in favore delle persone.

Ultime notizie
alcol consumo
Salute

Alcol e marketing, necessarie limitazioni per social network e giovanissimi

Per l’OMS, l’alcol è un “bene che desta preoccupazione per la salute pubblica”. Per questo servono limitazioni al marketing indiscriminato che avviene sulle piattaforme digitali, soprattutto per difendere le categorie deboli come i soggetti dipendenti e i giovani.
di Roberta Rega
alcol consumo
cyberpunk
Tecnologia

Cyberpunk e rivoluzione digitale: una nuova etica che superi la dicotomia normativa

Il cyberpunk ha creato un immaginario che supera la dicotomia tra bene e male, anche su questioni ancora aperte a livello normativo. Ma è poi davvero possibile regolamentare interamente un sistema efficace perché libero, come ad esempio le cryprovalute e i Bitcoin?
di avv. Alessio Briguglio*
cyberpunk
pnrr
Italia Domani

Il PNRR tra nuovi ministeri e nuove programmazioni

Con il nuovo Governo, il PNRR ha visto alcune sue componenti e strutture cambiare per competenze e funzioni. Tra i primi obiettivi individuati dal Ministro Fitto figura la rimodulazione del Piano italiano per motivi legati a costi e tempistiche.
di Claudia Bugno*
pnrr
accoglienza
Intervista

In Italia manca un sistema di accoglienza: intervista a Simone Andreotti, Presidente coop. In Migrazione

In Italia manca un vero sistema di accoglienza in grado di esprimere progettualità, e in cui i migranti non siano visti come una questione di ordine pubblico ma come opportunità per il Sistema-Paese. Intervista a Simone Andreotti Presidente di In Migrazione.
di Marco Omizzolo*
accoglienza
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione