Salute

Ti assisto in famiglia: superano quota 5 mln i “caregiver” in Italia

109

Si chiamano “caregiver” familiari, e in Italia sono più di 5 milioni. Persone che si occupano direttamente, in casa, dell’assistenza ad un parente bisognoso di cure. Quella dell’assistenza  ‘fai da te’ e’ però una scelta spesso obbligata: in sei casi su dieci, infatti, le cure domestiche dirette, senza l’aiuto di una figura esterna, sono le uniche economicamente sostenibili per migliaia di nuclei familiari. Questo dato emerge da una indagine condotta dalla Swg, partendo da un campione di tremila persone, in occasione della ‘Settimana della buona salute 2018’, la campagna di sensibilizzazione per l’invecchiamento attivo promossa dal sindacato dei pensionati autonomi Fipac Confesercenti.

L’alta incidenza dell’assistenza familiare diretta – scelta dal 71 per cento dei prestatori di cure – e’ dovuta nel 59 per cento dei casi a motivazioni di tipo economico. Ad incidere, però, c’è anche una certa preferenza per le cure domestiche: il 32 per cento degli assistenti familiari, infatti, ammette di seguire personalmente il proprio parente perché preferisce non affidarne la cura a persone estranee. Una scelta dettata da fattori culturali, ma anche da una diffusa sfiducia nelle strutture private, di cui si avvale solo il 4 per cento. Poco significativo anche il ricorso al pubblico (4 per cento, ma c’e’ una quota di circa duecentomila persone che segnala la mancanza di disponibilità nelle strutture del proprio territorio.

Tra chi può permetterselo, invece, si consolida la preferenza per le badanti: il 16 per cento le impiega, per un esercito di circa un milione di addetti all’assistenza, uno su tre (il 35 per cento) in servizio per oltre 18 ore a settimana. Anche la ricerca della badante e’ improntata al ‘fai da te’: il 72 per cento ottiene il contatto attraverso il passaparola, mentre il 12 per cento tramite lo sportello comunale o un’altra struttura pubblica. Il 9 per cento si avvale dell’aiuto di associazioni e cooperative sociali, mentre il 5 per cento ricorre alla comunita’ religiosa.

Ma qual è la situazione dei “caregiver” in Europa? Molto alto il numero degli ‘informali’ ossia di coloro che effettuano tale attività al di fuori di un contesto professionale e, solitamente, a titolo gratuito per una persona cara, a differenza del “caregiver”‘formale, generalmente una badante, che lo fa per lavoro. Il dato europeo ci dice che nel nostro continente l’80 per cento dell’attività di cura in favore di soggetti non autosufficienti è garantita da parenti e amici e questo anche in paesi che beneficiano di un welfare molto avanzato.

Complessivamente, il numero dei “caregiver” informali è circa il doppio di quelli professionisti. Sono 100 milioni circa  Europa – secondo una statistica del 2017 – di cui due terzi rappresentati da donne. Ciò che manca, a livello europeo, è una regolamentazione omogenea del fenomeno, con differenze che permangono nei vari Stati,  su retribuzione e benefici pensionistici. Sostanziali differenze inoltre esistono quanto ai servizi di prevenzione, riabilitazione, cura e assistenza, in favore delle persone.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani