Tiziana Sallusti: “Più educazione civica al biennio delle Superiori”

Puoi trovarla al cancello d’ingresso, al mattino, ad incitare i ragazzi perché vadano in classe, o in aula magna, nel pomeriggio, per uno dei tanti eventi culturali che promuove, nell’idea di un continuo scambio fra scuola e società civile. Tiziana Sallusti è da otto anni il dirigente scolastico del Liceo Terenzio Mamiani, a Roma Prati, 1.150 studenti, 6 sezioni di Classico, tre di Scientifico e una di Linguistico: uno dei migliori istituti d’Italia, a giudicare dai voti che i ragazzi prendono poi all’Università. E di cicli scolastici lei se ne intende, visto che prima di approdare a un liceo ha guidato scuole primarie e medie di primo grado.

Sette italiani su dieci, secondo un sondaggio dell’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, chiedono che la scuola organizzi seriamente l’educazione civica. Come giudica questo dato, Preside?
Molto positivamente, certo. Sempre che siano anche sette su dieci gli italiani che pagano correttamente le imposte, che rispettano le leggi, la Costituzione, le minoranze, l’ambiente. Non vorrei, insomma, che questo verdetto così lusinghiero tradisse in qualche modo una voglia di scaricare ogni incombenza educativa all’esterno, e la tendenza a sentirsi personalmente chiamati fuori dal problema. L’educazione civica, i comportamenti socialmente corretti si insegnano in prima battuta in famiglia.

Ma si fa o non si fa l’educazione civica, a scuola?
Sulla carta lo strumento c’è. L’educazione civica degli anni più lontani si era già evoluta nel 1985 nella scuola primaria, quando si parlò dell’importanza di formare “l’uomo e il cittadino”. Poi il concetto ha preso un respiro ancora più ampio, con la legge 169 del 2008. Oggi si parla di Cittadinanza e Costituzione, pensando anche alla cittadinanza attiva. Saper scegliere come votare, conoscere le Istituzioni italiane ma anche quelle europee, migliorare le competenze. E le varie circolari che si sono succedute hanno portato ulteriori arricchimenti: cittadinanza come attenzione alle risorse, a non sprecarle, addirittura come educazione all’imprenditorialità.

Allora siamo a posto…
Non proprio, perché il tempo è molto poco e si finisce col non farla, dando più rilievo a nozioni che si ritengono più importanti. Alle scuole medie la nicchia è meglio modellata, alle scuole superiori “Costituzione e Cittadinanza” è materia inserita all’interno delle tre ore settimanali di Geostoria, ed è facile che venga trascurata. Certo, l’insegnante di valore, e ve ne sono tanti, è capace, con spunti e raffronti, di affrontarla parlando anche della civiltà greca o latina.

La Lega chiede che l’educazione civica diventi materia a sé, con tanto di voto.
Potrebbe essere materia a sé, e anche valutata: penso, ad esempio, che si potrebbe sperimentare al biennio delle Superiori, con insegnanti di Economia e Diritto. È poi importante anche l’uso di una metodologia interattiva, fin dalla più tenera età, con l’utilizzo di giochi di ruolo, ad esempio. Bisogna ammettere che gli Enti locali realizzano molte iniziative al riguardo, simulando anche riunioni di consigli comunali. Come pure, nella scuola superiore, sono considerate importanti esperienze di cittadinanza le rappresentanze di classe.

Il Liceo Mamiani è scuola aperta alla società, con le iniziative più varie, che vanno dai concerti all’arena cinematografica estiva, nel suo ampio cortile. Tutto questo ha a che fare con la cittadinanza attiva?
E come no! Ci apriamo alle Istituzioni, alla cultura. Non, attenzione, ai partiti. Voglio fare un esempio. È mancato quest’estate, alla fine di luglio, un grande giornalista, Stefano Trincia. Era presidente dell’Associazione “Studenti&Cittadini” e ha portato nel nostro Liceo, a dialogare con gli studenti, personaggi del calibro di Stefano Rodotà e dell’allora Presidente della Camera Laura Boldrini. E non è educazione civica, questa?

C’è chi dice che gli insegnanti siano abbandonati a sé stessi e che si investa poco nella loro formazione.
Non sono d’accordo. Il Ministero ha investito tanti soldi nella formazione. In ogni distretto scolastico ci sono le cosiddette “Scuole Polo”, che hanno il compito di organizzare iniziative di aggiornamento professionale per tutte le altre: corsi anti-bullismo, per dire la prima cosa che mi viene in mente. Tutti questi corsi sono gratuiti, ma la partecipazione degli insegnanti non è obbligatoria. Invece, 15-20 anni fa lo era, e dalla frequenza ai corsi dipendeva la modifica della classe stipendiale. Non dimentichiamo, poi, che ogni insegnante ha diritto a 500 euro l’anno da investire per la formazione. Anche in questo caso, dipende da come li spende. Su aggiornamento professionale ed educazione alla cittadinanza, possiamo fare di più, ma una cosa è certa: non siamo all’anno zero.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang