Società

Tiziana Sallusti: “Più educazione civica al biennio delle Superiori”

1444

Puoi trovarla al cancello d’ingresso, al mattino, ad incitare i ragazzi perché vadano in classe, o in aula magna, nel pomeriggio, per uno dei tanti eventi culturali che promuove, nell’idea di un continuo scambio fra scuola e società civile. Tiziana Sallusti è da otto anni il dirigente scolastico del Liceo Terenzio Mamiani, a Roma Prati, 1.150 studenti, 6 sezioni di Classico, tre di Scientifico e una di Linguistico: uno dei migliori istituti d’Italia, a giudicare dai voti che i ragazzi prendono poi all’Università. E di cicli scolastici lei se ne intende, visto che prima di approdare a un liceo ha guidato scuole primarie e medie di primo grado.

Sette italiani su dieci, secondo un sondaggio dell’ultimo Rapporto Italia dell’Eurispes, chiedono che la scuola organizzi seriamente l’educazione civica. Come giudica questo dato, Preside?
Molto positivamente, certo. Sempre che siano anche sette su dieci gli italiani che pagano correttamente le imposte, che rispettano le leggi, la Costituzione, le minoranze, l’ambiente. Non vorrei, insomma, che questo verdetto così lusinghiero tradisse in qualche modo una voglia di scaricare ogni incombenza educativa all’esterno, e la tendenza a sentirsi personalmente chiamati fuori dal problema. L’educazione civica, i comportamenti socialmente corretti si insegnano in prima battuta in famiglia.

Ma si fa o non si fa l’educazione civica, a scuola?
Sulla carta lo strumento c’è. L’educazione civica degli anni più lontani si era già evoluta nel 1985 nella scuola primaria, quando si parlò dell’importanza di formare “l’uomo e il cittadino”. Poi il concetto ha preso un respiro ancora più ampio, con la legge 169 del 2008. Oggi si parla di Cittadinanza e Costituzione, pensando anche alla cittadinanza attiva. Saper scegliere come votare, conoscere le Istituzioni italiane ma anche quelle europee, migliorare le competenze. E le varie circolari che si sono succedute hanno portato ulteriori arricchimenti: cittadinanza come attenzione alle risorse, a non sprecarle, addirittura come educazione all’imprenditorialità.

Allora siamo a posto…
Non proprio, perché il tempo è molto poco e si finisce col non farla, dando più rilievo a nozioni che si ritengono più importanti. Alle scuole medie la nicchia è meglio modellata, alle scuole superiori “Costituzione e Cittadinanza” è materia inserita all’interno delle tre ore settimanali di Geostoria, ed è facile che venga trascurata. Certo, l’insegnante di valore, e ve ne sono tanti, è capace, con spunti e raffronti, di affrontarla parlando anche della civiltà greca o latina.

La Lega chiede che l’educazione civica diventi materia a sé, con tanto di voto.
Potrebbe essere materia a sé, e anche valutata: penso, ad esempio, che si potrebbe sperimentare al biennio delle Superiori, con insegnanti di Economia e Diritto. È poi importante anche l’uso di una metodologia interattiva, fin dalla più tenera età, con l’utilizzo di giochi di ruolo, ad esempio. Bisogna ammettere che gli Enti locali realizzano molte iniziative al riguardo, simulando anche riunioni di consigli comunali. Come pure, nella scuola superiore, sono considerate importanti esperienze di cittadinanza le rappresentanze di classe.

Il Liceo Mamiani è scuola aperta alla società, con le iniziative più varie, che vanno dai concerti all’arena cinematografica estiva, nel suo ampio cortile. Tutto questo ha a che fare con la cittadinanza attiva?
E come no! Ci apriamo alle Istituzioni, alla cultura. Non, attenzione, ai partiti. Voglio fare un esempio. È mancato quest’estate, alla fine di luglio, un grande giornalista, Stefano Trincia. Era presidente dell’Associazione “Studenti&Cittadini” e ha portato nel nostro Liceo, a dialogare con gli studenti, personaggi del calibro di Stefano Rodotà e dell’allora Presidente della Camera Laura Boldrini. E non è educazione civica, questa?

C’è chi dice che gli insegnanti siano abbandonati a sé stessi e che si investa poco nella loro formazione.
Non sono d’accordo. Il Ministero ha investito tanti soldi nella formazione. In ogni distretto scolastico ci sono le cosiddette “Scuole Polo”, che hanno il compito di organizzare iniziative di aggiornamento professionale per tutte le altre: corsi anti-bullismo, per dire la prima cosa che mi viene in mente. Tutti questi corsi sono gratuiti, ma la partecipazione degli insegnanti non è obbligatoria. Invece, 15-20 anni fa lo era, e dalla frequenza ai corsi dipendeva la modifica della classe stipendiale. Non dimentichiamo, poi, che ogni insegnante ha diritto a 500 euro l’anno da investire per la formazione. Anche in questo caso, dipende da come li spende. Su aggiornamento professionale ed educazione alla cittadinanza, possiamo fare di più, ma una cosa è certa: non siamo all’anno zero.

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata