Trinidad e Tobago: la lotta alla criminalità organizzata

trinidad e tobago

Ci sono paesi che nell’immaginario comune sono sinonimo di bellezza, e tali sono. Eppure, a causa della loro posizione geografica, diventano luoghi di transito per il business del crimine organizzato. Trinidad e Tobago, un’isola di fronte alla costa del Venezuela, affronta diversi problemi legati al crimine organizzato, che vanno dal traffico di esseri umani, al traffico di animali esotici che minacciano la bellezza naturale del luogo. Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, Jenny Constantine ci aiuta a capire queste dinamiche particolari. La sua carriera la vede per 18 anni nelle Forze dell’ordine, con una grande esperienza nell’investigazione di attività criminali organizzate, nell’insegnamento di tecniche investigative e nella ricerca sul crimine organizzato.

 

Criminalità organizzata a Trinidad e Tobago

Qual è il significato della parola “criminalità organizzata” a Trinidad e Tobago, che tipo di pericolo rappresenta realmente?

A Trinidad e Tobago il crimine organizzato è associato principalmente alla droga, alle armi da fuoco e al traffico di animali selvatici. Trinidad e Tobago non ha una definizione ufficiale di “crimine organizzato”. Molto probabilmente perché le attività sono dinamiche e in continua evoluzione, quindi una definizione specifica può essere problematica per scopi legislativi e di applicazione della legge. In termini di pericolo – poiché i reati della criminalità organizzata sono un insieme di opportunità pericolose in continua evoluzione, minacciano seriamente la salute, la sicurezza e l’incolumità dei cittadini – il risultato è, ad esempio, l’aumento dei crimini perpetrati con armi da fuoco commessi ogni anno. Tutto questo può anche mettere in pericolo la stabilità economica del paese. Le Forze dell’ordine si sono adattate ai cambiamenti della criminalità, identificando le tendenze e creando nuove unità con personale addestrato per indagare i crimini, redigendo nuove leggi in risposta agli sviluppi più recenti e creando partnership con le Forze dell’ordine di altri paesi e accordi bilaterali con i governi per contrastare questi crimini.

Una delle maggiori preoccupazioni è ovviamente dovuta alla vicinanza con il Venezuela, che secondo varie analisi potrebbe portare all’aumento della presenza del crimine organizzato collegato con tutto il Sud America.

Con l’attuale e continua crisi economica in Venezuela c’è stato un notevole aumento di particolari tipi di attività criminali: traffico di armi da fuoco, droga, traffico di animali selvatici e, soprattutto, traffico di esseri umani. La maggior parte di queste attività criminali provengono da paesi come la Colombia (ad esempio, droga attraverso il Venezuela, le armi da fuoco) e il Venezuela (fonte del traffico di esseri umani, droga, armi da fuoco, traffico di fauna selvatica). Trinidad e Tobago offre possibilità uniche, a partire dalla sua posizione, ideale come punto di trasbordo per i mercati lucrativi come l’Europa e il Nord America. Nessuno studio ufficiale è stato fatto per determinare se la situazione economica in Venezuela ha portato ad un aumento del crimine organizzato a Trinidad e Tobago. Personalmente ho avviato una ricerca su questo argomento, ma le restrizioni dovute all’attuale crisi pandemica ne hanno bloccato il progresso. Spero di completarla nel prossimo futuro.

Il traffico di esseri umani si traduce, per molte donne, in schiavitù sessuale, uno dei fronti più delicati: perché Trinidad ha acquisito l’etichetta di destinazione del turismo sessuale e come combattere questo fenomeno?

Trinidad e Tobago non è considerata in alcun modo una destinazione di turismo sessuale. Credo fermamente che sia una distorsione cooptata dai media che hanno contribuito a questa terribile definizione. Dico questo perché non c’è nessuna ricerca valida e affidabile che ha dimostrato che le persone vengano a Trinidad e Tobago per turismo sessuale, come avviene in alcuni paesi asiatici. Quando svolgiamo operazioni di polizia, la maggior parte delle persone sono del posto, o abbiamo un piccolo numero di immigrati residenti nel paese. La richiesta di donne dai paesi Latini nell’industria del sesso a Trinidad e Tobago è radicata nelle persuasioni coloniali di bellezza – pelle più chiara, generalmente caratteristiche diverse dalle donne locali. Da quando è iniziata la crisi economica venezuelana ci sono state un certo numero di donne e ragazze venezuelane che sono state salvate dalla riduzione in schiavitù a scopo di sfruttamento sessuale. Sia cittadini locali sia venezuelani sono stati accusati del reato di traffico di esseri umani. Per combattere questo crimine, le autorità hanno promulgato una legge – il Trafficking in Persons Act, capitolo 12:10. Inoltre, diverse unità di polizia sotto il Ministero della Sicurezza Nazionale sono state incaricate di indagare e perseguire gli autori di questi crimini, affinché siano giudicati dalla giustizia in tribunale. La collaborazione nelle indagini su questi crimini è facilitata anche dalla cooperazione con gli organi di polizia regionale e internazionale, nonché con le autorità centrali, se necessario.

 

Altri aspetti del crimine locale

Un altro fronte è la lotta contro la pirateria: il mare che vi separa dalla terraferma con il Venezuela è ovviamente preda del controllo dei trafficanti di droga che vogliono difendere le loro rotte.

La vulnerabilità dei pescatori in mare aperto al crimine e alla criminalità è una dura realtà. Una volta c’erano report di rapine (più vicino alla riva) piuttosto che di pirateria in mare sulla penisola meridionale di Trinidad. I report mostravano come i principali autori fossero pescatori venezuelani disperati e piccoli criminali, che commettevano questi crimini sperando di fare soldi con l’estorsione attraverso il rapimento per il riscatto, il furto di motori di barche e altri materiali da rivendere o barattare per fare soldi. Purtroppo, il problema diventa sempre più grave, i confini possono essere facilmente violati. Le zone sono pattugliate a intermittenza dalle Forze dell’ordine, quindi è concreto il rischio di essere catturati lì.

Un altro campo d’azione della criminalità è il commercio di specie animali protette, attraverso cui la criminalità genera importanti guadagni; com’è la situazione attuale?

Il commercio di fauna selvatica ha visto aumenti significativi da quando si è sviluppata la crisi economica in Venezuela, unita ad un aumento della domanda da parte di un pubblico ignaro e dei proprietari di negozi di animali. La maggior parte delle persone non capisce che l’attività è dannosa per la salute e la sicurezza. Inoltre, non è visto come un vero e proprio crimine. C’è stato un aumento delle campagne di sensibilizzazione da parte di organizzazioni senza scopo di lucro come Nurture Nature, che evidenziano il pericolo del commercio al pubblico. La Guardia Costiera e i guardiacaccia hanno registrato diversi successi nell’interdizione in mare sia di animali selvatici sia domestici (come mucche, capre, polli e cani) che i contrabbandieri hanno tentato di introdurre. C’è stata anche una grande collaborazione tra la società civile e le Forze dell’ordine che ha portato a sequestri a terra di animali selvatici e all’arresto di persone che erano in possesso degli animali. I colpevoli sono stati accusati, riconosciuti colpevoli e poi multati o imprigionati. La lotta contro il traffico di animali selvatici è costante in questo momento.

 

Il futuro della sicurezza locale

Come vede le prossime sfide di sicurezza per Trinidad e Tobago e cosa è veramente necessario per contrastare queste realtà criminali e rendere sicura la popolazione?

In futuro, credo fermamente che le sfide di sicurezza per Trinidad e Tobago saranno: 1) un aumento delle attività cyber-criminali; 2) rendere efficienti ed efficaci i confini marittimi. In primo luogo, con l’emergere della pandemia del Covid-19, le attività si sono spostate online creando opportunità ideali per i criminali informatici. I criminali stanno usando comunicazioni criptate “end-to-end” per pianificare ed eseguire i crimini. Questo è un problema per le Forze dell’ordine non solo a Trinidad e Tobago, ma in tutto il mondo. Una possibile soluzione a questo problema sarà la formazione e lo sviluppo contemporaneo di tecnologie avanzate insieme all’acquisto delle attrezzature necessarie per gestire le attività imminenti di cyber-crime. La seconda questione è la sicurezza delle frontiere marittime. Le ripetute violazioni delle frontiere del paese hanno indicato che bisogna fare di più per proteggere la salute, la sicurezza e per la protezione dei cittadini. Per contrastare queste attività ci deve essere innanzitutto un approccio e una volontà di tutto il governo per identificare e risolvere i problemi che causano le violazioni e incoraggiano la criminalità. A questo possono seguire tattiche più strategiche e collaborative da parte delle Forze dell’ordine. La collaborazione tra le agenzie è importante per proteggere i confini.

 

Lintervista è disponibile anche in inglese

Trinidad and Tobago: the fight against organized crime

Ultime notizie
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere