Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Battaglia, caos, sdegno, rabbia…

I Tg di venerdì 13 febbraio – Questi alcuni dei sostantivi che campeggiano in apertura su tutti i Tg per descrivere ciò che è accaduto in nottata alla Camera dei Deputati, “antipasto” di una giornata che ha visto l’abbandono di tutte le opposizioni e la paradossale conferenza stampa congiunta di Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Sel (Cinque Stelle non si è voluta confondere nel “gruppone”). Per le botte da orbi che hanno causato 13 espulsioni e due contusi, su Tg1 è andata in onda una sorta di moviola con diverse inquadrature e alcuni dei protagonisti in campo pronti a dare la propria versione. Tutto ciò accade a nostro giudizio quando i rappresentanti sono troppo uguali ai rappresentati, quando l’“uno vale uno” finisce col diventare “uno vale l’altro”. È evidente che soprattutto per alcuni (leggi Brunetta & c.) i toni dell’opposizione all’avanzamento della riforma costituzionale sono fuori luogo, visto che fino ad una settimana fa l’avevano sostanzialmente apprezzata. Per altri certamente non è così, ma certo gli interventi di Fassina e Civati che si fanno forti dell’Aula semi vuota per avvalorare le loro tesi e critiche, non fanno onore all’onestà intellettuale. I Tg Mediaset, ma anche Tg2, non fanno certo sconti a Renzi che in questo incontro-scontro alla “viva il parroco” sembra trovarsi particolarmente a suo agio. I tweet presidenziali di giornata assomigliano a tanti altri precedenti. Gli Italiani non hanno sentito nominare neanche uno degli articoli in discussione della riforma del Senato, ma la partita – è evidente – non si gioca sui contenuti.
Abbandonando Renzi all’assalto dei “sorci verdi” (ripresi da tutti) che Brunetta ha preconizzato, il resto delle scalette si assomiglia alquanto. L’avvitarsi del caos in Libia è “alto” e porta Gentiloni – per questioni di orario e di sprint ripreso solo da Tg2 e da Mentana – a dichiarare che l’Italia è pronta a intervenire direttamente contro il califfato di Derna e quello costituendo di Sirte, entro una cornice condivisa internazionalmente.
La neonata di Catania morta a poche ore dalla nascita è obbligatoriamente e trasversalmente presente su tutti. Anche in questo caso sono Tg2 e Tgla7 a dare l’ultim’ora delle annunciate dimissioni dell’assessore alla sanità siciliana Borsellino. Le indagini appena iniziate si prospettano lunghe e complesse.
L’ennesimo naufragio a sud di Lampedusa è presente oramai solo su Tg3 e Tg2, che ha il merito di segnalare la condanna a 30 anni per lo scafista aguzzino responsabile dei morti dell’ottobre 2013.
Tg3 dedica spazio alle indagini della Procura di Roma e della Consob sui movimenti dubbi in borsa intorno alle azioni delle banche popolari, “rumors” che chiamerebbero in campo il finanziere Serra, amico e sponsor di Renzi. Un’altra questione che ha animato i commenti borsistici, quella della vendita del 7% di azioni Mediaset da parte di Fininvest, per alcuni chiaro indice delle preoccupazioni di Arcore per l’imminente futuro aziendale dopo la rottura del Patto del Nazareno, risulta troppo “scivolosa” per l’informazione Tv, che conseguentemente evita di parlarne. Rilevanti per Mediaset, invece, le critiche alle smorfie e ai selfie di Obama resi pubblici per spingere i giovani utilizzare l’Obama-care.
Per chi non lo sapesse siamo alla quarta serata di Sanremo. A ricordarcelo sono, immancabilmente, le tre testate Rai, mentre le altre “tacciono” per non avvantaggiare la concorrenza.

Dati auditel dei Tg di giovedì 12 febbraio 2015
Tg1 – ore 13:30 3.987.000, 22,97% ore 20:00 7.041.000, 26,62%.
Tg2 – ore 13:00 2.890.000, 17,89% ore 20:30 2.021.000, 7,16%.
Tg3 – ore 14:30 1.988.000, 12,05% ore 19:00 2.354.000, 11,48%.
Tg5 – ore 13:00 3.163.000, 19,42% ore 20:00 4.908.000, 18,26%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.813.000, 13,59% ore 18:30 1.054.000, 6,26%.
Tg4 – ore 11.30 377.000, 5,36% ore 18:55 842.000, 4,13%.
Tg La7 – ore 13:30 647.000, 3,72% ore 20:00 1.346.000, 5,07%.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica