Battaglia, caos, sdegno, rabbia…

I Tg di venerdì 13 febbraio – Questi alcuni dei sostantivi che campeggiano in apertura su tutti i Tg per descrivere ciò che è accaduto in nottata alla Camera dei Deputati, “antipasto” di una giornata che ha visto l’abbandono di tutte le opposizioni e la paradossale conferenza stampa congiunta di Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Sel (Cinque Stelle non si è voluta confondere nel “gruppone”). Per le botte da orbi che hanno causato 13 espulsioni e due contusi, su Tg1 è andata in onda una sorta di moviola con diverse inquadrature e alcuni dei protagonisti in campo pronti a dare la propria versione. Tutto ciò accade a nostro giudizio quando i rappresentanti sono troppo uguali ai rappresentati, quando l’“uno vale uno” finisce col diventare “uno vale l’altro”. È evidente che soprattutto per alcuni (leggi Brunetta & c.) i toni dell’opposizione all’avanzamento della riforma costituzionale sono fuori luogo, visto che fino ad una settimana fa l’avevano sostanzialmente apprezzata. Per altri certamente non è così, ma certo gli interventi di Fassina e Civati che si fanno forti dell’Aula semi vuota per avvalorare le loro tesi e critiche, non fanno onore all’onestà intellettuale. I Tg Mediaset, ma anche Tg2, non fanno certo sconti a Renzi che in questo incontro-scontro alla “viva il parroco” sembra trovarsi particolarmente a suo agio. I tweet presidenziali di giornata assomigliano a tanti altri precedenti. Gli Italiani non hanno sentito nominare neanche uno degli articoli in discussione della riforma del Senato, ma la partita – è evidente – non si gioca sui contenuti.
Abbandonando Renzi all’assalto dei “sorci verdi” (ripresi da tutti) che Brunetta ha preconizzato, il resto delle scalette si assomiglia alquanto. L’avvitarsi del caos in Libia è “alto” e porta Gentiloni – per questioni di orario e di sprint ripreso solo da Tg2 e da Mentana – a dichiarare che l’Italia è pronta a intervenire direttamente contro il califfato di Derna e quello costituendo di Sirte, entro una cornice condivisa internazionalmente.
La neonata di Catania morta a poche ore dalla nascita è obbligatoriamente e trasversalmente presente su tutti. Anche in questo caso sono Tg2 e Tgla7 a dare l’ultim’ora delle annunciate dimissioni dell’assessore alla sanità siciliana Borsellino. Le indagini appena iniziate si prospettano lunghe e complesse.
L’ennesimo naufragio a sud di Lampedusa è presente oramai solo su Tg3 e Tg2, che ha il merito di segnalare la condanna a 30 anni per lo scafista aguzzino responsabile dei morti dell’ottobre 2013.
Tg3 dedica spazio alle indagini della Procura di Roma e della Consob sui movimenti dubbi in borsa intorno alle azioni delle banche popolari, “rumors” che chiamerebbero in campo il finanziere Serra, amico e sponsor di Renzi. Un’altra questione che ha animato i commenti borsistici, quella della vendita del 7% di azioni Mediaset da parte di Fininvest, per alcuni chiaro indice delle preoccupazioni di Arcore per l’imminente futuro aziendale dopo la rottura del Patto del Nazareno, risulta troppo “scivolosa” per l’informazione Tv, che conseguentemente evita di parlarne. Rilevanti per Mediaset, invece, le critiche alle smorfie e ai selfie di Obama resi pubblici per spingere i giovani utilizzare l’Obama-care.
Per chi non lo sapesse siamo alla quarta serata di Sanremo. A ricordarcelo sono, immancabilmente, le tre testate Rai, mentre le altre “tacciono” per non avvantaggiare la concorrenza.

Dati auditel dei Tg di giovedì 12 febbraio 2015
Tg1 – ore 13:30 3.987.000, 22,97% ore 20:00 7.041.000, 26,62%.
Tg2 – ore 13:00 2.890.000, 17,89% ore 20:30 2.021.000, 7,16%.
Tg3 – ore 14:30 1.988.000, 12,05% ore 19:00 2.354.000, 11,48%.
Tg5 – ore 13:00 3.163.000, 19,42% ore 20:00 4.908.000, 18,26%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.813.000, 13,59% ore 18:30 1.054.000, 6,26%.
Tg4 – ore 11.30 377.000, 5,36% ore 18:55 842.000, 4,13%.
Tg La7 – ore 13:30 647.000, 3,72% ore 20:00 1.346.000, 5,07%.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang