Politica

Burocrazia italiana, siamo (ancora) la Cenerentola d’Europa

1058

Burocrazia italiana al penultimo posto in Europa, meglio solo della Grecia. Il Governo Lega-M5S prova a riformarla con il decreto “concretezza”, da poco approvato.
«La burocrazia? Una difficoltà per ogni soluzione». Lo diceva il politico inglese dei primi del Novecento, Herbert Samuel. Sono forse cambiate le cose? No, almeno in Italia e a segnalare lo stato di inefficienza sono sia le imprese sia i cittadini, alle prese con lungaggini e ritardi che penalizzano non solo la qualità della vita ma anche l’andamento della produzione e dell’economia.

Certo, la sensazione che si ha è che la riorganizzazione della Pubblica amministrazione non sia considerata un problema centrale, e forse è per questo che non riscuote il consenso e l’attenzione generale. Un po’ come se si trattasse di un impegno cosi gravoso che nessun provvedimento o volontà politica potrebbe mai veramente risolvere. Nel frattempo, intanto, i dati raccolti da studi e ricerche effettuate sul livello dei servizi offerti dalla cosiddetta P.A non sono lusinghieri. Prendiamo, ad esempio, l’ultima in ordine di tempo, lo studio della Cgia di Mestre sui dati della Commissione europea relativi agli indici di qualità dei servizi offerti dagli uffici pubblici nei diciannove paesi dell’Eurozona. Ebbene, la classifica non concede nulla di buono: il nostro Paese è al penultimo posto e lo salva dall’ultima posizione, solo la Grecia. Primi in classifica, Finlandia, Lussemburgo e Paesi Bassi; a seguire, Germania, Irlanda, Austria, Belgio, Francia, Estonia, Portogallo, Malta, Cipro, Lituania, Slovenia, Spagna, Lettonia, Slovacchia, Italia, Grecia.

Va comunque detto che, nonostante risulti negativo il rendimento della pubblica amministrazione, esistono comunque settori che si distinguono per qualità. Ad esempio, il comparto della sanità al Nord, molti settori delle forze dell’Ordine, diversi centri di ricerca e istituti universitari, che garantiscono standard qualitativi eccellenti. Tutto questo fa capire che si tratta di un problema di sistema, di riorganizzazione strutturale e della mancata applicazione di criteri di efficacia. Quali sono le critiche che vengono mosse alla nostra burocrazia? La mancata individuazione di livelli di responsabilità, la scarsa trasparenza dei procedimenti amministrativi, l’incertezza giuridica, l’onerosità di molti adempimenti. Sì, perché alla scarsa qualità media dei servizi erogati dalla pubblica amministrazione si deve aggiungere, paradossalmente, l’alto costo degli stessi, dovuto per lo più alla carente digitalizzazione e all’elevato numero di addetti.

Un’altra indagine é quella condotta da Eurobarometro – Commissione europea – sulla complessità delle procedure amministrative denunciate dagli imprenditori dei 28 Paesi dell’Unione. Ebbene, l’Italia si colloca al quarto posto di questa graduatoria, con l’84% degli intervistati che si dichiara molto insoddisfatto dalla inefficienza della burocrazia, un problema, a sentir loro, poco considerato. Rispetto a noi, solo la Grecia, la Romania e la Francia presentano una situazione peggiore, mentre il dato medio dell’Unione europea si attesta intorno al 60%.

Ma in che modo il Governo M5S-Lega considera prioritario il problema della burocrazia? Se, da una parte, si constata la scarsa attrattività di questo argomento e la conseguente sua marginalizzazione da parte dei leader dei due schieramenti, non si può certo dire che il governo non si sia posto la questione, se è vero, come è vero, che lo scorso ottobre è stato approvato il disegno di legge (collegato alla legge di Bilancio 2019) “concretezza” che contiene le linee guida della riforma Bongiorno, dal nome del ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno.

Ma quali sono gli aspetti qualificanti del testo? Diciamo subito che ci si ispira al principio della concretezza, e che il riassetto degli uffici pubblici prevede la riforma della dirigenza, la semplificazione delle procedure, il contrasto al diffuso fenomeno dell’assenteismo, nuove assunzioni. Per quanto riguarda la lotta ai cosiddetti “furbetti del cartellino” o del badge, il pacchetto prevede l’uso di impronte digitali o il riconoscimento dell’iride: misure forti che non poche polemiche hanno sollevato. In via più generale, l’obiettivo delle nuove norme è quello di individuare soluzioni concrete per garantire l’efficienza della pubblica amministrazione, il miglioramento immediato dell’organizzazione amministrativa e l’incremento della qualità dei servizi erogati ai cittadini.

Nella fattispecie, è stata prevista l’istituzione, presso il Dipartimento della funzione pubblica, del “Nucleo delle azioni concrete di miglioramento dell’efficienza amministrativa” (Nucleo della concretezza), che avrà una funzione di supporto alle attività delle pubbliche amministrazioni. Questo organismo verificherà l’attuazione delle disposizioni in materia di organizzazione e funzionamento delle pubbliche amministrazioni, al fine di individuare eventuali azioni correttive. Tra le altre misure, l’obbligo per le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, nonché per le Agenzie e gli enti pubblici non economici, di elaborare il piano dei fabbisogni del personale, per assicurare il ricambio generazionale e la migliore organizzazione del lavoro e la possibilità di procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di una spesa pari al 100% di quella relativa al personale di ruolo cessato nell’anno precedente (turn over al 100%), ma anche la possibilità di procedere ad assunzioni nel triennio 2019-2021, in deroga a talune previsioni e secondo procedure semplificate.

Intenzioni più che condivisibili, e traguardi che potranno essere valutati solo dopo l’applicazione delle misure previste che dovrà attendere l’approvazione dei decreti attuativi. Un modo come un altro per dire che non c’é alcuna fretta e nessuna vera emergenza.

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo