Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

 

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo una riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

«Ci si è, con scarsi risultati, aggrappati per un lunghissimo periodo alla pretesa neoclassica di una supposta razionalità dell’homo oeconomicus e a rappresentare l’economia in termini di sola efficienza. Questa prospettiva ha generato l’orientamento di contrabbandare l’efficienza come sinonimo di razionalità, costruendo un mondo ideale in cui i soggetti economici si comportano come se fossero sempre razionali.

Ha assunto una eccessiva centralità l’economicismo, per il quale il principale oggetto di studio dell’economia è l’efficienza individuale e collettiva. A livello del singolo individuo, secondo questa impostazione, ogni soggetto è un agente economico razionale ed egoista in ogni àmbito decisionale così che il suo comportamento è di per sé efficiente, mentre a livello sociale si è riposta la fiducia nella mano invisibile del mercato, ossia nella certezza che il libero interagire delle transazioni, coordinate dal mercato, conduca naturalmente a risultati efficienti. Una visione eccessivamente semplicistica e fuori dalla realtà, che è ben più complessa.

In questa realtà, infatti, entrano con un ruolo dirompente, da un lato, la questione energetica e, dall’altro, la contraddizione indotta dalla innovazione tecnologica assurta a fattore di competizione esasperata, che rende insicuro il profitto degli investimenti produttivi e spinge, in America come in Europa o in Italia, inevitabilmente alla finanziarizzazione delle imprese.

In un’epoca di globalizzazione degli scambi, di internazionalizzazione dei mercati finanziari, di ampliamento del ruolo e della dimensione delle imprese multinazionali, di scandali e corruzioni, il mercato non è più il regolatore sovrano al quale possa essere affidato lo sviluppo delle società e delle nazioni. Questa perdita di ruolo della razionalità capitalistica spiega il fallimento dei piani di sviluppo economico, l’allontanamento dalla piena occupazione soprattutto nelle società europee, la impossibilità di regolare mercati borsistici e azionari nonostante la messa a punto di sempre più complessi strumenti normativi, la incapacità di assicurare una perfetta informazione agli operatori economici.

Le ambiguità del mercato e delle organizzazioni, la insufficiente definizione delle regole, la proliferazione di relazioni aziendali e interaziendali ambigue e opportunistiche, l’interazione personale diretta, le asimmetrie informative ed il fatto che gli operatori nelle loro decisioni valutino poche alternative, sono i principali fattori che spiegano i fallimenti dei quali siamo stati testimoni.

Il rimanere pervicacemente ancorati a modelli teorici formalmente perfetti, ma superati, il ricercare interpretazioni sul funzionamento dell’economia all’interno di paradigmi classici e neoclassici possono servire soltanto a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell’economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.

La ricerca di un nuovo modello di sviluppo dovrebbe essere il compito, oggi, della scienza economica: un modello che non sia rigidamente ancorato alla misurazione di indici quantitativi spesso inesatti (forse perché sono inadeguate le procedure di rilevazione di fenomeni come l’inflazione, il sommerso e così via) o a indicatori esclusivamente quantitativi come il Prodotto interno lordo, la produttività pro capite, il numero di ore lavorate. Essi devono essere affiancati da altri indicatori ai quali conferire centralità e rilevanza, come la qualità degli spostamenti nelle città, il degrado urbano e ambientale, il livello di soddisfazione rispetto al proprio lavoro e alle proprie competenze e ruoli professionali, la consistenza e la conservazione del patrimonio artistico e culturale, il grado di ospitalità delle strutture turistiche, la qualità dell’istruzione, gli indici relativi alla sicurezza, la qualità delle prestazioni di welfare e dei servizi pubblici, le disuguaglianze del reddito, la crescente incidenza delle vecchie e nuove povertà, il grado di solidarietà e di integrazione sociale. In diversi settori (dal turismo all’arte, dalla qualità dell’accoglienza alla tradizione enogastronomica, dalla bellezza del paesaggio al piacere del vivere in Italia) i nuovi indicatori spingerebbero il nostro Paese verso importanti primati rispetto ad altri paesi europei ed extra-europei e potrebbero fungere da guida per le future scelte strategiche del sistema economico nazionale».

(2006)

Leggi anche

https://www.leurispes.it/categoria/metafore-per-litalia/

Ultime notizie
Cosa vuol dire Mafia?

Amministrare la legalità: il difficile mestiere del Sindaco

Renato Natale, Sindaco di Casal di Principe, ci spiega la quotidianità dell’Amministrare un Comune come quello di Casal di Principe, un luogo di rinascita e di riscatto.
di Sergio Nazzaro
Metafore per l'Italia

Era il 1998*

Il Sud: metafora dell’incompiutezza L’insofferenza del Nord-Est e la sofferenza del Meridione rappresentano i poli di una tra le più profonde e antiche...
di Gian Maria Fara
Senza categoria

It was 1998

The South: a metaphor for incompleteness The intolerance of the North-East and the South's suffering represent the two sides of one of Italy's...
di Gian Maria Fara*
tigrai
Attualità

Il conflitto del Tigrai: una guerra civile e regionale che rischia di estendersi

Secondo Addis Abeba quella in corso in Tigrai non sarebbe neanche una guerra. Si tratterebbe “solo” di un’operazione interna di ordine pubblico. In realtà si tratta di una guerra insieme civile e regionale, che rischia di minacciare gli equilibri dell'intera regione.
di Marco Omizzolo*
tigrai
europa
Europa

Una Conferenza per il futuro dell’Europa

I presidenti del Parlamento Europeo, del Consiglio e della Commissione hanno annunciato l’intenzione di convocare una conferenza per raccogliere pareri e proposte dei cittadini e, in particolare, dei giovani, su come “plasmare il futuro del progetto europeo”.
di *Roberto Nigido
europa
leadership
Intervista

La funzione collettiva della leadership. Videointervista al Generale Fernando Giancotti, Presidente del CASD

La leadership è una funzione dell’azione collettiva, che la orienta sugli scopi comuni; quando essa si interfaccia con problemi e con sistemi molto complessi e rapidamente mutanti, deve avere una capacità di visione strategica, secondo il Generale di Squadra Aerea Fernando Giancotti, intervistato da Emilio Albertario
di emilio albertario
leadership
Internazionale

The Tigray conflict: a civil and regional war that risks spreading

According to Addis Ababa Government, the ongoing war in Tigray is not even a war.  Instead, it is an internal operation of public order to bring to justice the Popular Liberation Front leaders (PLF), which has apparently put itself outside the constitution, threatening the Ethiopian nation’s very integrity.  
di Marco Omizzolo*
Internazionale

Administering legality: the challenging job of a Mayor

Renato Natale, Mayor of Casal di Principe, explains the daily routine of managing a municipality like that of Casal di Principe, a place of rebirth and redemption.
di Sergio Nazzaro
criminale
Criminalità e contrasto

Petrol-mafie, la crisi globale non ferma le infiltrazioni criminali nell’economia legale

Le organizzazioni criminali approfittano della crisi per infiltrarsi nella economia legale: è quanto attestato anche dalla recente operazione Petrol-mafie condotta dalla Guardia di Finanza, che ha portato a 71 misure cautelari per i reati di frode fiscale e riciclaggio e al sequestro di beni per milioni di euro.
di redazione
criminale
foto
Attualità

Perché facciamo così tante foto?

Siamo tutti fotografi e inondiamo il mondo di immagini, in una sfida perenne con la parola. Perché facciamo così tante foto? Non solo perché abbiamo sempre a portata di mano gli smartphone, ma è anche perché siamo alla ricerca dell’attimo perfetto, dell’istante da immortalare e da condividere, per affidare poi tale narrazione al web.
di Alfonso Lo Sardo
foto