Coronavirus a Bruxelles: caos europeo

L’emergenza sanitaria del COVID-19 è passata in pochi giorni da emergenza extraeuropea, di una lontananza rassicurante, anche a livello mediatico, ad essere al centro di ogni riflessione attualmente in corso su tutti i fronti prima in Italia, poi in Francia, in Germania e a seguire nella maggioranza degli Stati membri, proporzionalmente al numero di casi riscontrati di positività al virus, ai ricoveri e ai decessi.
Le circostanze spostano radicalmente l’attenzione in pochi giorni come forse mai prima, dalla costituzione dell’Unione, rallentandone in modo considerevole l’attività in tutti gli àmbiti di azione.
Un fenomeno che riporta le grandi azioni europee bruscamente ai suoi limiti istituzionali rispetto alla realtà del campo, dalla pianificazione su lungo raggio all’immediato, dalle lunghe negoziazioni alle prese di decisioni immediate dei singoli Stati europei. Non c’è più tempo. Diverse volte è stato lanciato l’allarme, prima dalla Cina, poi dall’Italia, sia a livello istituzionale sia dal personale medico impegnato in prima linea.
In materia di salute pubblica, lo Stato membro è sovrano: questa, infatti, non rientra nelle competenze attribuite attraverso i trattati dagli Stati all’Unione europea, che dispiega in questo caso degli strumenti ad hoc finalizzati al coordinamento sovrastatale, senza poter imporre nessuna politica dettagliata ma fornendo linee guida generali.
Il ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control) è uno degli strumenti di cui l’Unione si è dotata per questo scopo.
Un altro strumento è l’erogazione di fondi: la Presidente dell’Unione europea, Ursula Von Der Leyen, ha annunciato l’erogazione di 25 miliardi di euro per fronteggiare l’emergenza e sostenere le imprese, il lavoro e il sistema sanitario dei paesi europei colpiti dall’epidemia di Coronavirus e ha promesso linee guida rispetto a regole straordinarie in termini di flessibilità, oltre che dichiarare il pieno sostegno alle misure adottate dal governo Conte.
A Bruxelles il clima sta cambiando e il livello di attenzione si sta alzando: da semplici “spettatori” esterni, il passaggio alla minimizzazione, alla negazione e poi infine al panico, è sottile ed è in atto.
Dalle politiche europee alle circolari all’interno degli uffici delle varie Istituzioni: al momento, quattro nuovi casi di positività al Coronavirus sono stati dichiarati tra lo staff della Commissione, altri tre sono in attesa di esito del test diagnostico.
Il Parlamento, ha disposto il telelavoro al 70% dal 16 marzo, per ora unica delle principali Istituzioni europee presenti a Bruxelles (tra cui Consiglio e Commissione) a prendere disposizioni così drastiche per il proprio personale (politico e amministrativo). Lo stesso Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, si trova attualmente in quarantena volontaria.
Il coordinamento tra le diverse Istituzioni riflette così paradossalmente la limitata azione di coordinamento a livello europeo, almeno in questa fase iniziale, e non omogenea, di crisi sanitaria. Le sfide sono molteplici: provvedimenti alle frontiere, trasporti, campagne di informazione di salute pubblica, sembrano per ora non avere nessun tipo di univocità.
La questione è quale possa essere l’impatto dell’azione di coordinamento comunitaria nel limite delle proprie competenze, nelle modalità, nella velocità che le è propria, scandita da piani pluriennali di sviluppo a lungo termine, a fronte di necessità tempestive di provvedimenti che la prospettiva sempre più reale di una situazione di emergenza sanitaria europea impone.
Il coordinamento a livello europeo per quanto riguarda le linee guida, si avvale a sua volta del partenariato con l’OMS. Indicazioni sovrastatali, che si traducono in politiche e azioni diverse fra gli Stati membri, a seconda del grado di epidemia, situazione politica e demografica e, soprattutto, delle infrastrutture sanitarie, le risorse interne ed esterne.
Perfino a livello dei protocolli sanitari, delle indicazioni ai medici di base, delle modalità per effettuare il tampone e della durata della quarantena, non sembra esserci omogeneità nella pratica delle politiche interne agli Stati membri.
Informazione istituzionale e provvedimenti dello stesso Belgio, sede delle principali Istituzioni europee, sembrano procedere a scatti, mentre il virus appare lontano dal frenare la sua corsa, secondo una equazione epidemiologica che si ripete da uno Stato all’altro, senza però che l’uno riesca a cogliere preziose lezioni da chi in questa corsa, detiene un triste primato, come ora l’Italia.
Al momento, il Belgio conta 399 casi di contagi da Coronavirus e tre decessi, per un territorio non molto più esteso della Lombardia e con un numero di abitanti equivalente. Solo per i casi più gravi, necessitanti un ricovero, viene effettuato il tampone.
Tra le prime misure straordinarie annunciate il 9 marzo dal Consiglio nazionale di sicurezza belga: si sconsigliano gli assembramenti superiori alle 1.000 persone, ma questa è una raccomandazione, le scuole rimangono aperte, anche nel caso in cui si verifichino dei casi di contaminazione da Coronavirus, si invitano le aziende ad una maggiore flessibilità negli orari, a praticare il telelavoro.
A livello federale, l’intento è che le misure dal 10 marzo fino alla fine del mese, siano rese operative dalle regioni in maniera più uniforme possibile, cosa non del tutto scontata.
La lezione italiana sembra molto lontana in Belgio, anche se le misure messe in campo dal nostro Paese vengono lodate dalle Istituzioni europee, che hanno la sede fisica proprio sul territorio belga ‒ al suo interno quella italiana è tra le più importanti comunità straniere presenti sul territorio e ben rappresentata all’interno stesso delle Istituzioni europee aventi sede a Bruxelles ‒; si assiste, pertanto, all’aumentare dei casi in modalità analoghe al caso italiano, come rivedendo un film già visto di cui si conosce in anticipo, se non l’epilogo, almeno il seguito, sperando in una smentita.

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia