Coronavirus, la Cina pubblica il report contro le fake news

È stato affidato allo Shanghai Institute for International Studies (SIIS) il compito di divulgare attraverso un report, le strategie messe in campo da Pechino per vincere la battaglia contro il coronavirus.
Un recente studio, intitolato Coronavirus Battle in China: Process and Prospect, tenta di fare il punto sull’attuale situazione in Cina, per dimostrare la validità delle misure messe in pratica dal governo cinese e mettere in luce il ruolo svolto dalle autorità locali e nazionali nel contrastare il virus, analizzare l’impatto economico dello stesso, ed evidenziare alcune forme di cooperazione internazionale particolarmente utili a contrastare la diffusione delle epidemie.
Per gli autori, l’unico modo possibile a disposizione del governo cinese per arrestare il diffondersi dell’epidemia era quello di isolare l’intera provincia dello Hubei. Questo perché, in assenza di un vaccino contro il coronavirus, confinare l’epicentro dell’epidemia sarebbe l’unico modo per impedire il propagarsi del virus, interrompendo così la catena di trasmissione.
In questa fase, il governo cinese è impegnato sia nel fornire supporto alle aree del paese maggiormente colpite, sia nell’evitare il più possibile la diffusione del nuovo morbo. Tra le principali azioni intraprese si possono citare l’invio di 6.000 operatori sanitari nella provincia dello Hubei e la costruzione, da metà gennaio, di tre ospedali in grado di accogliere un totale di circa 3.500 pazienti. È attualmente in corso un’opera di sensibilizzazione, rivolta principalmente alle comunità rurali, per disincentivare gli spostamenti delle persone e per aumentare la consapevolezza dell’importanza di una corretta igiene personale. Sono state messe in atto una serie di iniziative rivolte al controllo dei prezzi e della qualità di determinati prodotti, come mascherine e sapone liquido, la cui domanda, dall’inizio della crisi, è schizzata alle stelle. Al livello centrale il Governo, dopo aver stanziato 1 miliardo di yuan per gestire l’emergenza, è impegnato a coordinare una serie di iniziative su più livelli che vanno dalla riattivazione delle fabbriche – che ancora non sono in grado di funzionare a pieno regime – alla creazione di piattaforme online volte a fornire informazioni medico-sanitarie alla popolazione.

La situazione nel paese resta in forte evoluzione e risulta particolarmente complesso riuscire a fare valutazioni precise sull’impatto che il coronavirus sta avendo sull’economia cinese, specialmente in un’analisi di medio-lungo periodo. Ciononostante, il report mette in luce come l’attuale situazione stia mettendo fortemente sotto stress il livello occupazionale, il debito delle amministrazioni locali e la tenuta dello yuan. Viene fatto notare come gli impatti sulle piccole e medie imprese, nei settori maggiormente colpiti, siano difficilmente misurabili e, infine, come per il 2020, venga stimata una contrazione del Pil di circa un punto, un punto e mezzo percentuale.
Sempre in relazione all’impatto economico, gli autori evidenziano come ad essere maggiormente interessati siano il settore dei servizi, quello manifatturiero ed il commercio. Il primo risentirebbe degli effetti del coronavirus negli àmbiti del turismo, della logistica e dell’intrattenimento. Il secondo è messo a dura prova sia dall’incertezza dei tempi necessari per riprendere la produzione, sia dagli effetti che questo blocco rischia di avere sull’intera catena di produzione globale – soprattutto per quanto riguarda beni quali automobili, telefoni e prodotti elettronici. Il commercio, infine, rischia di entrare in crisi a causa del blocco – messo in atto da diversi paesi – dei voli diretti e delle rotte commerciali dalla Cina. Avrebbero, invece, beneficiato dalla crisi i settori dell’e-commerce, dell’online gaming e dell’intrattenimento.
Nonostante il quadro fin qui delineato, gli autori affermano di restare ottimisti in relazione agli impatti di medio e lungo periodo. In quest’ottica, viene citato il modo in cui il Paese è uscito dalle precedenti crisi epidemiche, la resilienza della popolazione e dell’economia cinese, la dimensione del mercato interno e, infine, il fatto di essere il leader mondiale in settori quali le tecnologie 5G e l’intelligenza artificiale.

Il report si conclude con tre proposte di cooperazione internazionale in tema di gestione delle epidemie: la prima riguarda l’ottimizzazione dei meccanismi per la diffusione delle informazioni, con un esplicito riferimento al contrasto di notizie false; la seconda è quella di rafforzare lo scambio di conoscenze relative al controllo delle epidemie, con uno specifico riferimento ai paesi sviluppati in grado di fornire un maggior livello di supporto tanto in termini di equipaggiamento medico, quanto in relazione alla condivisione di pratiche per la gestione delle crisi epidemiche; infine, l’invito, promosso dagli autori, all’intera comunità internazionale ad evitare discriminazioni contro le regioni e le popolazioni colpite da epidemie.

Il Report completo è consultabile dal link: http://www.siis.org.cn/Content/Info/4U9RHN8T966P

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare