Ambiente

Rifiuti in Campania: aumenta la spesa pubblica, impenna la raccolta differenziata

616

Come emerso dal nostro ultimo Rapporto Italia, presentato lo scorso 30 gennaio alla Sapienza Università di Roma, lo Stato italiano, nel periodo da noi preso in esame (compreso fra il 2000 e il 2017), ha effettuato una spesa pubblica al Centro-Nord nettamente maggiore rispetto al Mezzogiorno.

In particolare, un cittadino dell’Italia centro-settentrionale si è visto mediamente erogare durante tale periodo 3.482 euro in più rispetto a un suo connazionale del Sud. Disaggregando poi i dati, è stato possibile osservare la netta disparità di trattamento tra le due macroaree del Paese anche all’interno dei principali capitoli di spesa pubblica, quali ad esempio: la sanità, la previdenza, l’amministrazione pubblica, l’industria, l’energia, tutte le infrastrutture, l’edilizia abitativa, gli interventi in àmbito sociale, come quelli in favore dell’occupazione, a sostegno delle famiglie, dell’infanzia, degli anziani, dei disabili, miranti a ridurre l’esclusione sociale, ecc. Anche per quanto riguarda il trattamento dei rifiuti (nel sistema dei Conti Pubblici Territoriali corrispondente alla voce: Smaltimento dei rifiuti), come si evince dal grafico di figura 1, la spesa pubblica effettuata al Centro-Nord è stata, negli anni considerati, sempre maggiore di quella del Mezzogiorno, eccezion fatta che per il 2014 e il 2016 (vedi Grafico 1). Tra il 2005 e il 2007, la spesa per tale settore in Italia centro-settentrionale si caratterizza per una forte impennata rispetto al tasso di crescita medio assunto nei quattro anni precedenti, addirittura balzando nell’arco di un solo anno da 158 a più di 206 euro pro capite, cabrando fino al valore massimo di 215 euro pro capite (nel 2007), per poi ridiscendere altrettanto bruscamente fino a poco più di 166 euro pro capite.
Tuttavia, spostiamo per un momento la nostra attenzione sugli anni 2014 e 2015, per i quali vale forse la pena soffermarsi per qualche interessante considerazione.

Grafico 1
Fonte: Fonte Eurispes. Elaborazione su base dati Sistema Conti Pubblici Territoriali (Relazione annuale CPT 2019).

Se proviamo infatti a sovrapporre al grafico di figura 1 l’andamento della spesa pro capite disaggregata della Regione Campania per lo Smaltimento dei rifiuti (vedi Grafico 2) si scopre che in corrispondenza degli anni 2014 e 2015 in Campania si spendono per i rifiuti cifre decisamente superiori a quelle spese in media al Mezzogiorno. Nel complesso la cosa è ancor più evidente se diamo uno sguardo separatamente ai singoli contributi forniti da ciascuna Regione meridionale alla spesa media del Mezzogiorno negli anni 2014 e 2015 (Grafico 3). Come si vede dai due diagrammi del grafico 3, per i suddetti due anni la spesa per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti in Campania è spiccatamente superiore, non solo a quella di tutte le altre Regioni del Mezzogiorno, ma addirittura rispetto a quella media del Centro-Nord.

Grafico 2
Fonte: Fonte Eurispes. Elaborazione su base dati Sistema Conti Pubblici Territoriali (Relazione annuale CPT 2019).

In altre parole, dopo il precedente periodo della grave emergenza rifiuti avutasi in Campania, e finita sotto i riflettori dei media di tutto il mondo, lo Stato italiano si decide a spendere finalmente una quota ragionevole di denaro in Campania, rispetto agli anni precedenti, nel settore dei rifiuti (negli anni immediatamente precedenti tale spesa aveva toccato punte minime spiccatamente incuneate verso il basso – come si vede in Figura 2 – con valori profondamente più bassi rispetto a quelli medi del Centro-Nord, nonché, nel 2010, rispetto a quelli medi dello stesso Mezzogiorno). Curiosamente, nel 2015, al trascorrere di appena un anno dalla prima iniezione ricostituente di spesa pubblica nel settore dei rifiuti (senza precedenti, almeno dal 2000, e più alta di quella elargita mediamente al Centro-Nord; vedi Grafico 2), la Campania vede il concomitante verificarsi di una notevole impennata nella raccolta differenziata dei rifiuti.


Grafico 3
Fonte: Fonte Eurispes. Elaborazione su base dati Sistema Conti Pubblici Territoriali (Relazione annuale CPT 2019).

Infatti, nonostante tra le cause della crisi dei rifiuti degli anni precedenti vi fosse stato un complicato intreccio di collusioni tra politica e criminalità organizzata, dal dossier 2015 di Legambiente, realizzato con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani e con più di una dozzina fra associazioni e consorzi nazionali in materia di recupero dei rifiuti), si evince che nel 2014 il 26,36% dei comuni della Campania ha differenziato il 65% e più dei suoi rifiuti, addirittura superando in questo modo molte regioni del Centro-Nord, tra cui ad esempio la Lombardia, il Piemonte e l’Emilia-Romagna. In particolare, la soglia del 65% (prevista dalla normativa vigente: D.lgs. 152/2006 al 31/12/2012) è stata raggiunta in Lombardia dal 22,70% dei comuni, in Piemonte dal 13,20%, in Umbria dal 10,87%, in Toscana dal 9,76%, in Emilia-Romagna dall’8,53% e in Liguria dall’1,28% dei suoi comuni. All’inizio del 2015, dunque, la Campania, posizionandosi dopo il Trentino-Alto Adige, diviene quinta regione d’Italia per la raccolta differenziata dei rifiuti, nonché unica regione ad assistere a un aumento della stessa (rispetto all’anno precedente) a un ritmo dal numero a due cifre intere, ossia pari al 15,26%. Inoltre, tra i vari comuni italiani raggiungenti la soglia di base del 65% (e per questo premiati come Comuni Ricicloni 2015), anche in Campania ve ne sono diversi che sono andati ben oltre suddetto obiettivo minimo imposto dalla normativa, uguagliando così le aree più virtuose d’Europa; il comune di Airola per esempio ha differenziato l’87,18% dei suoi rifiuti, quello di Marzano di Nola l’87,67%, il comune di Ginestra degli Schiavoni ne ha differenziati invece l’87,85% e quello di Moiano addirittura l’89,46%; e tra l’altro la maggioranza dei comuni campani è stata poi, in tale anno, prossima al valore minimo del 65%.
In sostanza, tali numeri rappresentano forse un esempio concreto di come la variazione della spesa pubblica assegnata a un territorio sia in grado di fare la differenza fra ciò che funziona e ciò che non funziona, in maniera molto più profonda e in tempi forse molto più rapidi di quelli che immaginiamo.

Ultime notizie
Recensioni

La dittatura del terzo like. Il dibattito politico è sostituito dai post

Siamo dominati dalla dittatura del like, nella quale l’importante è il consenso della massa informe che agisce sui social; nella quale la politica dimentica il senso stesso del suo essere, rimanendo comodamente immobile innanzi ai post, ai like, all’ignoranza.
di Ilaria Tirelli
Il punto

Uno Stato da ri-costituire

La frattura tra Sistema e Paese che abbiamo segnalato nei precedenti Rapporti stenta a ricomporsi; anzi, si è allargata nel corso dei...
di Gian Maria Fara
Diritti umani

Decreto sicurezza, senegalese e cieco discriminato “per legge”. I nuovi esclusi

Senegalese, povero e cieco: accolto e tutelato per motivi umanitari fino ad ora dallo Stato italiano, adesso sarà abbandonato a se stesso grazie al decreto sicurezza. Sono migliaia le donne e gli uomini che come Hamed sono precipitati nella precarietà e nell’isolamento.
di Marco Omizzolo
Informazione

Dal politichese agli slogan di odio e rabbia. Ecco come oggi parla la politica

Come si è trasformato il linguaggio della politica? Dal “tanto qui è tutto un magna magna” all’invito ad abbassare i toni, dal “vaffa” grillino, all’“aiutiamoli a casa loro”, dai “nuovi barbari” al “buonismo”: il pamphlet di Ettore Maria Colombo "Piove governo ladro", propone un dizionario sui modi di dire della politica.
di Alfonso Lo Sardo
Politica

Blocco prescrizione e lodo Conte bis. Macrì: “Macchinoso e di dubbia costituzionalità”

Sui problemi posti dal blocco della prescrizione al momento della pronuncia della sentenza di primo grado (blocco sul quale ho espresso la...
di Vincenzo Macrì
Sicurezza

Rapporto Italia 2020, Gen.Governale (DIA): “Centrato il problema della crisi delle classi dirigenti”

Gen. Giuseppe Governale, 32esima edizione del Rapporto Italia dell’Eurispes: quali sono state le sue impressioni ascoltando le parole del Presidente, Gian Maria...
di redazione
Sicurezza

Gdf, Gen. Ricozzi: “Dare sicurezza significa anche essere percepiti come forza di sicurezza”

Gen. Carlo Ricozzi, come sempre, anche quest’anno il Rapporto Italia dell’Eurispes ha sondato la fiducia degli italiani nei confronti delle Forze di...
di Valentina Renzopaoli
Attualità

Coronavirus, la Cina pubblica il report verità per annientare le fake news

Coronavirus: un recente studio tenta di fare il punto sull’attuale situazione in Cina, per dimostrare la validità delle misure messe in pratica dal governo cinese.
di Ludovico Semerari
Ambiente

Rifiuti in Campania: aumenta la spesa pubblica, impenna la raccolta differenziata

Come emerso dal nostro ultimo Rapporto Italia, presentato lo scorso 30 gennaio alla Sapienza Università di Roma, lo Stato italiano, nel periodo...
di Marco Ascione
Mezzogiorno

Rapporto Italia 2020, Caligiuri: “Colpiscono dati che smentiscono fake news su immigrazione e Sud”

Professor Caligiuri, qual è stata la sua impressione dopo aver ascoltato le parole del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, che ha illustrato...
di Valentina Renzopaoli