Cultura & Turismo

Un esempio di eco-innovazione per un turismo sostenibile: le Isole Egadi

116

Le isole minori in Italia sono centinaia, delle quali solo circa 80 sono abitate, con una popolazione residente di oltre 200mila persone e 36 Comuni. L’economia tradizionale in queste isole si è basata sempre sul mare, con la pesca e le attività ad essa collegate. Negli anni più recenti le attività economiche prevalenti sono diventate quelle collegate al turismo, che ha certamente contribuito allo sviluppo economico, ma causato pressioni su aree spesso molto fragili dal punto di vista degli equilibri ambientali, mettendo a rischio l’ambiente naturale che è il vero capitale di questi territori.

Occorre, dunque, mirare ad un turismo ecocompatibile, qualificato e destagionalizzato, capace di garantire oltre al settore turistico il rilancio di attività produttive come l’agricoltura, la pesca, la maricoltura, l’artigianato e la trasformazione dei prodotti della terra e del mare.

L’arcipelago delle Isole Egadi, con le tre isole di Favignana, Levanzo e Marettimo, rappresenta una realtà significativa del patrimonio naturalistico e paesaggistico delle isole minori del Mediterraneo; l’arcipelago è infatti sede dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi, la più grande area marina protetta del Mediterraneo.

Le tre isole devono affrontare tutte le tipiche problematiche delle aree ristrette ed isolate, alle quali si aggiungono quelle derivanti dalle pressioni sull’ambiente e sui servizi derivanti dal flusso turistico estivo quando, nel mese di agosto, la sola isola di Favignana ospita circa 60mila presenze giornaliere, a fronte di una popolazione residente di circa 4.500 persone.

Questi numeri sono legati soprattutto alla vicinanza delle isole alla costa con un flusso turistico, spesso solo giornaliero, dai centri di Trapani, Marsala e Palermo.

Il Progetto Egadi dell’Enea. Le caratteristiche naturalistiche, ambientali, della tipologia del turismo e dei relativi impatti sull’intero arcipelago, sono alla base della motivazione che ha portato l’Enea a sviluppare nelle isole un progetto pilota di eco-innovazione per un turismo sostenibile.

Obiettivo del Progetto Egadi, della durata di 4 anni a partire dal maggio 2011, è quello di sperimentare un modello di turismo basato sui princìpi dello sviluppo sostenibile che implica la necessità di studiare, progettare e implementare tecnologie e metodologie eco-compatibili in molteplici settori, stimolando strategie di impresa e di governance innovative allo scopo di migliorare la qualità dell’offerta turistica e valorizzarne la destinazione. L’approccio è di tipo sistemico – sul modello delle “Smart Islands” – e segue la strategia del “compromesso” virtuoso tra le esigenze e le regole di un turismo sostenibile e le priorità di una piccola comunità che si trova ad affrontare gli aspetti problematici e le “pressioni” di questo turismo.

All’interno del Progetto è stata realizzata anche un’indagine sulla percezione delle problematiche ambientali da parte di turisti, residenti e imprese, eseguita attraverso specifici questionari realizzati e somministrati: in 2 anni di indagine sono stati distribuiti ai turisti 5.700 questionari in totale. Di questi, ne sono tornati indietro compilati e ritenuti validi 682. Le risposte hanno evidenziato la carenza di servizi e il caos in terra e in mare come fattori di maggiore criticità.

Ultime notizie
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani