Sostenibilità

Cibo ed energia: un approccio sostenibile

È un fatto che l’aumento della popolazione mondiale e la richiesta dei paesi emergenti di beneficiare dei vantaggi della crescita economica richiedano, in una spirale quasi impazzita e con sempre maggiore insistenza, un incremento dei consumi energetici.

Cibo ed energia sono strettamente legati da molteplici punti di vista: la produzione alimentare mondiale infatti dipende in gran parte dai combustibili fossili, principalmente dal petrolio.

Ciò pesa nel sistema alimentare mondiale al punto che ogni minaccia all’approvvigionamento petrolifero è una minaccia alla sicurezza alimentare, intesa come garanzia di accesso ad alimenti sicuri e sufficienti per ottenere una dieta nutriente.

Il moderno sistema di produzione agroindustriale, fino ad oggi è stato strutturato sulla presunzione di una illimitata disponibilità di energia fossile a basso costo: l’intera filiera agroindustriale consuma energia e dipende dai combustibili fossili, in quanto utilizza prodotti dell’industria chimica, principalmente fertilizzanti e pesticidi, macchine agricole e relativi combustibili; energia per l’approvvigionamento di acqua e per la sua distribuzione, per il trasporto dei prodotti agricoli, per la loro trasformazione e packaging ed infine per la distribuzione ai consumatori finali.

È anche un fatto che l’attuale sistema agroindustriale sia uno dei meno efficienti dal punto di vista energetico: il rapporto tra energia consumata per preparare l’alimento e l’apporto energetico dell’alimento è totalmente disequilibrato.

L’attuale sistema agroindustriale moderno cioè consuma più energia di quanta ne riesca a produrre.

Ora, se la produzione alimentare mondiale dipende ancora in gran parte dai combustibili fossili, e la stessa energia utilizzata per comporre il prodotto finito è spesso maggiore di quella derivata dal consumo del prodotto, il tutto comporta non solo un utilizzo ed una distribuzione dell’energia poco economici, ma anche un costo ambientale altissimo in termini di riscaldamento globale del pianeta e di emissioni di gas serra.

Il contributo delle emissioni di gas serra del settore agroalimentare italiano rappresenta il 18,8% del totale delle emissioni nazionali.

I cambiamenti delle scelte alimentari dei consumatori nelle modalità di acquisto (ad esempio prodotti locali, farmers markets, Gruppi di acquisto solidale, Commercio equo-solidale, ecc), nella composizione della dieta (aumento degli alimenti di origine vegetale e riduzione di quelli di origine animale) e nelle modalità di preparazione dei cibi (consumo di cibi freschi con ridotto packaging) potrebbero avere impatti rilevanti sui consumi energetici e sulle emissioni di CO2 del sistema agroindustriale nazionale ed internazionale.

Nel 1986 due nutrizionisti americani, J. Gussow e K. Clancy, introdussero per la prima volta il concetto di “dieta sostenibile”: le scelte alimentari possono avere non solo una valenza nutrizionale, un impatto sulla nutrizione e la salute dell’individuo, ma anche un impatto nel lungo periodo sulla sostenibilità del sistema agroalimentare (in termini di riduzione delle emissioni di CO2e pro capite dovute ai consumi).

Le loro analisi dimostrarono il forte legame tra scelte alimentari e problematiche relative all’uso e alla conservazione del suolo, dell’acqua e delle risorse energetiche.

Nel novembre del 2010, FAO e Biodiversity International hanno collaborato alla organizzazione di un simposio scientifico internazionale dal titolo “Biodiversità e Diete sostenibili: uniti contro la fame”.

Il convegno ha costituito l’occasione per riunire i maggiori studiosi dell’argomento allo scopo di definire congiuntamente quali debbano essere le “diete sostenibili” e sviluppare ulteriormente questo concetto in relazione all’accesso al cibo e alla nutrizione. Dagli esiti dell’incontro è nato il “Rapporto Diete Sostenibili e Biodiversità” (Sustainable Diets and Biodiversity).

È un segno evidente del fatto che la comunità internazionale (e quindi l’esigenza di un’azione congiunta, coerente e condivisa che superi i confini nazionali di fronte a un’emergenza ambientale che non ha confini) ha riconosciuto l’urgenza di trovare una definizione e una serie di principi guida per i regimi alimentari, al fine di affrontare il problema legato all’accesso al cibo e alla nutrizione, così come quello relativo alle diverse fasi della catena alimentare nell’ottica della sostenibilità.

La definizione finale presentata e approvata durante il simposio promosso da FAO e Biodiversity International afferma che: «le diete sostenibili sono diete a basso impatto ambientale che contribuiscono alla sicurezza alimentare e nutrizionale, nonché a una vita sana per le generazioni presenti e future. Le diete sostenibili concorrono alla protezione ed al rispetto della biodiversità e degli ecosistemi, sono culturalmente accettabili, economicamente eque e accessibili, adeguate, sicure e sane sotto il profilo nutrizionale e, contemporaneamente, ottimizzano le risorse naturali e umane».

In questo ambito, molto ancora resta da fare. Quella dell‘Expo2015 potrebbe essere la giusta occasione per intraprendere delle politiche atte ad affrontare la questione “cibo ed energia” partendo proprio da questi presupposti e da queste indicazioni di base. Immaginare, insomma, interventi normativi e di regolamentazione mirati, ma anche lavorare per una maggiore diffusione di una cultura sostenibile.

Ultime notizie
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli
Attualità

La lunga marcia verso le politiche

La lunga marcia verso le elezioni politiche del 2023, ha tagliato il primo traguardo del referendum costituzionale e delle regionali. Farà tappa a Roma nel giugno 2021, per assegnare la maglia di Primo cittadino della Capitale e dopo meno di un anno per scoprire il vincitore della corsa al Quirinale.
di Emilio Albertario
Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con disabilità....
di Ilaria Tirelli
Approfondimenti

Sharenting: cari genitori, prima di postare, pensate

Sharenting e troppe informazioni condivise sul web, quali sono i rischi di postare continuamente foto dei propri #figli? Siamo tutti potenzialmente degli over-sharer?
di Susanna Fara
Criminalità e contrasto

Giochi e Banche, tra etica e pubblica sicurezza

Alcune imprese del settore dei giochi lamentano un trattamento discriminatorio attuato dali Istituti di credito per quanto riguarda l’accesso ai finanziamenti con garanzie agevolate previsti dai decreti varati dal Governo.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Economia

La sfida per ospitare il Tribunale Unificato dei Brevetti è aperta

Milano ci riprova. Dopo aver vinto la sfida nazionale, è ufficialmente la candidata italiana ad accogliere il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB). I motivi per sostenere la canditatura sono molti.
di Giorgio Fedeli
Lavoro

Lavoro, infortuni e lockdown: in aumento le morti bianche

Gli infortuni, a volte gravi e nella peggiore dei casi anche mortali, costituiscono una delle evidenze più drammatiche dello stato di diffusa...
di Marco Omizzolo
Il punto a Mezzogiorno

Turismo in Calabria, una buona notizia

Il “tutti a casa” aveva fatto temere per il turismo in Calabria, che in questo territorio genera il 25% del Pil. Contro ogni previsione, la stagione, che sembrava compromessa e drammatica, non è stata negativa, anche se i dati parlano di presenze ben lontane dai numeri degli anni precedenti.
di Maurizio Lovecchio*
Attualità

Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dalla fine del lockdown, in Spagna i media si sono occupati sempre meno dei bollettini quotidiani sulla progressione della pandemia. In Italia, invece, nonostante un numero inferiore di casi, l’attenzione mediatica è rimasta altissima. Il confronto tra due delle testate più importanti, El Paìs e Corriere della Sera, una nostrana e una spagnola, è indicativo di una narrazione diversa della pandemia.
di Roberta Rega