Europa: il cono d’ombra sul Mediterraneo

I Tg di martedì 26 maggio – Tg4 e TgLa7 condividono l’apertura sulle ombre e le contraddizioni della politica dell’ Europa sull’immigrazione; gli “stili” sono diversi ma le preoccupazioni assai simili. Malgrado l’impegno della Mogherini si profila infatti più di un passo indietro dalle aperture sulla condivisione del flusso di profughi, sia per quelli già in Italia che per il futuro. Solo eritrei e siriani sarebbero “meritevoli” di assistenza e asilo. Tg1 segnala la fuga di notizie su un non meglio identificato piano militare targato Ue per colpire gli scafisti.
Alla ricerca di buone notizie, sulle testate Rai grande spazio alle dichiarazioni del Governatore Bankitalia Visco che vede l’uscita dalla crisi e invita a perseverare sulle riforme: affermazioni che, certo, non sorprendono affatto, ma ugualmente campeggiano nei titoli.

Nei giorni scorsi su Tg e talk si è più volte discettato sull’elenco di “impresentabili” che la commissione bicamerale antimafia avrebbe dovuto rendere noto oggi. In realtà nessuno ha spiegato di cosa si tratta veramente, e la confusione è aumentata per il pasticcio dell’odierna fuga di notizie e dalla decisione di rimandare la pubblicazione a venerdì, praticamente “fuori tempo massimo” per il voto di domenica. Indiscrezioni o meno, i Tg inquadrano sia Renzi che Salvini mentre affermano che nelle rispettive liste sono tutti “presentabili”. I teleutenti con ogni probabilità non hanno capito niente.

La campagna elettorale produce su Rai i consueti siparietti “memoria” della par condicio, mentre Mediaset non prova neanche a dissimulare equilibrio, a base di Toti e Berlusconi a gogò.
Studio Aperto fa l’en plein di titoli di cronaca nera, ma forse neanche se ne rende conto. Tra i tanti “casi” trattati segnaliamo che le rivelazioni sulle presenza di delinquenti stranieri a fianco di quelli laziali negli scontri di ieri prima e dopo il derby, sono presenti un po’ su tutti, così come la vicenda dell’aggressione della magistrata al Tribunale di Lodi ad opera probabilmente di una squilibrata armata di un coltello introdotto con eccessiva facilità.
Uber “bloccato” per concorrenza sleale dal Tribunale di Milano è presente su tutte le testate che sottolineano la vittoria delle istanze dei tassisti ( almeno provvisoriamente). Solo Tg2 ci parla di una sconfitta: quella “per l’umanità” rappresentata, secondo il Segretario di Stato vaticano Parolin, dalla vittoria del referendum sulle nozze gay nella cattolicissima Irlanda.

Dati auditel dei tg di lunedì 25 maggio 2015

Schermata 2015-05-26 alle 23.56.46

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali