Coronavirus, misure anticrisi. Serve un fisco intelligente

I vari decreti che si sono succeduti in queste ultime settimane hanno introdotto molte misure di contrasto, dirette agli effetti economici derivanti dalla crisi da Covid-19. E tra queste anche molte misure fiscali, che vanno dalla sospensione di adempimenti e versamenti all’introduzione di agevolazioni e crediti di imposta. Molto è stato fatto, molto si può ancora fare e molto sarà senz’altro fatto. E, proprio al fine di dare il proprio contributo, di seguito, in maniera molto sintetica e cercando soprattutto, laddove possibile, di indicare strade “innovative”, una sorta di decalogo fiscale proposto dall’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali, diretto dall’Avv. Giovambattista Palumbo.

1) Introdurre l’istituto del riporto all’indietro delle perdite, il cosiddetto “carry back”, così da rendere possibile la compensazione dell’utile 2019 con le perdite 2020. In sostanza, si tratterebbe di estendere la possibilità del riporto della perdita non solo per i redditi futuri, come avviene nella vigente disciplina, ma anche (e soprattutto, visto il prevedibile calo di fatturato per le imprese nel 2020 rispetto al 2019) per i redditi passati (anche sulla base dell’esperienza di altri ordinamenti, come Francia, Germania, Olanda e Gran Bretagna).
2) Prevedere la possibilità di versare gli acconti delle imposte con il metodo previsionale per evitare che le aziende anticipino liquidità, e senza effetti sanzionatori, anche nel caso in cui la previsione si riveli errata.
3) Applicare a tutti i contribuenti uno “sconto” (ad esempio) del 10% sugli acconti da versare, oggi previsto per i soli soggetti che esercitano attività per le quali sono stati approvati i relativi Isa (Indici Sintetici di Affidabilità), rimodulando i versamenti in acconto per Irpef, Ires e Irap in due rate al 40% e al 50%, o in un’unica soluzione al 9%.
4) Considerare il periodo 2019-2020 come un unico periodo fiscale, applicandovi un sistema di tassazione separata (sistema che consiste in un regime fiscale differente rispetto a quello tradizionale degli scaglioni Irpef, e che oggi può essere applicato solo ad alcune tipologie di reddito a formazione pluriennale), con un’aliquota Irpef corrispondente alla media (previsionale, salvo conguaglio senza sanzioni laddove poi il reddito risultasse effettivamente superiore) del reddito conseguito nel biennio 2019/2020. 
5) Alzare il limite della compensazione orizzontale da 700.000 euro ad almeno 1 milione di euro.
6) Sospensione o quanto meno adeguamento degli ISA (Indici sintetici di affidabilità, che hanno sostituito gli studi di settore) alla nuova, eccezionale, situazione di crisi economica determinata dal Coronavirus, dato che i parametri attuali, calibrati su una situazione economica ormai non più esistente, risulterebbero oggi falsati. L’applicazione degli ISA, in caso di una bassa “votazione”, determina peraltro anche effetti negativi, tra i quali il blocco dei rimborsi, con, quindi, ulteriore crisi di liquidità.
7) Diminuzione dell’aliquota Irap ordinaria del 3,9% (almeno per il 50%), quantomeno per i settori colpiti dall’epidemia (turismo in primis).
8) Al fine di ridurre il carico fiscale gravante sui soggetti titolari di concessioni di gestione aeroportuale, abrogare e/o sospendere, almeno temporaneamente, per il periodo d’imposta 2020, l’addizionale Ires del 3,5%, per effetto del quale i gestori aeroportuali, per il triennio 2019-2020-2021, sono obbligati ad applicare un’aliquota maggiorata Ires del 27,5% rispetto a quella ordinaria del 24%.
9) Riduzione dell’Ires per le aziende che in passato hanno delocalizzato e che ora decidono di riportare in Italia la produzione.
10) Introdurre agevolazioni sulla falsariga di quanto già previsto nelle ZES (Zone Economiche Speciali) e ZFU (Zone Franche Urbane), prendendo spunto (adattandolo alla situazione) da quanto già fatto in occasione di altre emergenze, laddove, ad esempio, l’articolo 8 del decreto n. 109/18 (decreto per “ponte Morandi” e “terremoto”) prevedeva la creazione di una zona franca urbana, stabilendo che le imprese che avevano la sede principale o una sede operativa all’interno della ZFU e che avessero subìto una riduzione del fatturato almeno pari al 25% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente, potessero richiedere le seguenti agevolazioni:

esenzione dalle imposte sui redditi del reddito derivante dall’attività d’impresa fino a concorrenza di un determinato importo;
esenzione dall’Irap del valore della produzione netta derivante dallo svolgimento dell’attività, entro un determinato limite;
esenzione dalle imposte municipali proprie per gli immobili impiegati per l’esercizio dell’attività economica.

Al di là delle singole proposte, il messaggio che in questo momento di emergenza dovrebbe passare è quello che sul fisco, così come in tutti gli altri settori del nostro Ordinamento giuridico, bisognerebbe avere un approccio diverso dal tradizionale, che provi anche a percorrere strade che fino ad oggi non è stato possibile ipotizzare, cercando magari di trarre dal momento di sconforto la forza per innovare e migliorare, laddove anche la leva fiscale, oltre che quella finanziaria, può essere senz’altro fondamentale per superare le attuali difficoltà.

Giovambattista Palumbo è il Direttore dell’Osservatorio Politiche Fiscali dell’Eurispes

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione