Coronavirus, misure anticrisi. Serve un fisco intelligente

I vari decreti che si sono succeduti in queste ultime settimane hanno introdotto molte misure di contrasto, dirette agli effetti economici derivanti dalla crisi da Covid-19. E tra queste anche molte misure fiscali, che vanno dalla sospensione di adempimenti e versamenti all’introduzione di agevolazioni e crediti di imposta. Molto è stato fatto, molto si può ancora fare e molto sarà senz’altro fatto. E, proprio al fine di dare il proprio contributo, di seguito, in maniera molto sintetica e cercando soprattutto, laddove possibile, di indicare strade “innovative”, una sorta di decalogo fiscale proposto dall’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali, diretto dall’Avv. Giovambattista Palumbo.

1) Introdurre l’istituto del riporto all’indietro delle perdite, il cosiddetto “carry back”, così da rendere possibile la compensazione dell’utile 2019 con le perdite 2020. In sostanza, si tratterebbe di estendere la possibilità del riporto della perdita non solo per i redditi futuri, come avviene nella vigente disciplina, ma anche (e soprattutto, visto il prevedibile calo di fatturato per le imprese nel 2020 rispetto al 2019) per i redditi passati (anche sulla base dell’esperienza di altri ordinamenti, come Francia, Germania, Olanda e Gran Bretagna).
2) Prevedere la possibilità di versare gli acconti delle imposte con il metodo previsionale per evitare che le aziende anticipino liquidità, e senza effetti sanzionatori, anche nel caso in cui la previsione si riveli errata.
3) Applicare a tutti i contribuenti uno “sconto” (ad esempio) del 10% sugli acconti da versare, oggi previsto per i soli soggetti che esercitano attività per le quali sono stati approvati i relativi Isa (Indici Sintetici di Affidabilità), rimodulando i versamenti in acconto per Irpef, Ires e Irap in due rate al 40% e al 50%, o in un’unica soluzione al 9%.
4) Considerare il periodo 2019-2020 come un unico periodo fiscale, applicandovi un sistema di tassazione separata (sistema che consiste in un regime fiscale differente rispetto a quello tradizionale degli scaglioni Irpef, e che oggi può essere applicato solo ad alcune tipologie di reddito a formazione pluriennale), con un’aliquota Irpef corrispondente alla media (previsionale, salvo conguaglio senza sanzioni laddove poi il reddito risultasse effettivamente superiore) del reddito conseguito nel biennio 2019/2020. 
5) Alzare il limite della compensazione orizzontale da 700.000 euro ad almeno 1 milione di euro.
6) Sospensione o quanto meno adeguamento degli ISA (Indici sintetici di affidabilità, che hanno sostituito gli studi di settore) alla nuova, eccezionale, situazione di crisi economica determinata dal Coronavirus, dato che i parametri attuali, calibrati su una situazione economica ormai non più esistente, risulterebbero oggi falsati. L’applicazione degli ISA, in caso di una bassa “votazione”, determina peraltro anche effetti negativi, tra i quali il blocco dei rimborsi, con, quindi, ulteriore crisi di liquidità.
7) Diminuzione dell’aliquota Irap ordinaria del 3,9% (almeno per il 50%), quantomeno per i settori colpiti dall’epidemia (turismo in primis).
8) Al fine di ridurre il carico fiscale gravante sui soggetti titolari di concessioni di gestione aeroportuale, abrogare e/o sospendere, almeno temporaneamente, per il periodo d’imposta 2020, l’addizionale Ires del 3,5%, per effetto del quale i gestori aeroportuali, per il triennio 2019-2020-2021, sono obbligati ad applicare un’aliquota maggiorata Ires del 27,5% rispetto a quella ordinaria del 24%.
9) Riduzione dell’Ires per le aziende che in passato hanno delocalizzato e che ora decidono di riportare in Italia la produzione.
10) Introdurre agevolazioni sulla falsariga di quanto già previsto nelle ZES (Zone Economiche Speciali) e ZFU (Zone Franche Urbane), prendendo spunto (adattandolo alla situazione) da quanto già fatto in occasione di altre emergenze, laddove, ad esempio, l’articolo 8 del decreto n. 109/18 (decreto per “ponte Morandi” e “terremoto”) prevedeva la creazione di una zona franca urbana, stabilendo che le imprese che avevano la sede principale o una sede operativa all’interno della ZFU e che avessero subìto una riduzione del fatturato almeno pari al 25% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente, potessero richiedere le seguenti agevolazioni:

esenzione dalle imposte sui redditi del reddito derivante dall’attività d’impresa fino a concorrenza di un determinato importo;
esenzione dall’Irap del valore della produzione netta derivante dallo svolgimento dell’attività, entro un determinato limite;
esenzione dalle imposte municipali proprie per gli immobili impiegati per l’esercizio dell’attività economica.

Al di là delle singole proposte, il messaggio che in questo momento di emergenza dovrebbe passare è quello che sul fisco, così come in tutti gli altri settori del nostro Ordinamento giuridico, bisognerebbe avere un approccio diverso dal tradizionale, che provi anche a percorrere strade che fino ad oggi non è stato possibile ipotizzare, cercando magari di trarre dal momento di sconforto la forza per innovare e migliorare, laddove anche la leva fiscale, oltre che quella finanziaria, può essere senz’altro fondamentale per superare le attuali difficoltà.

Giovambattista Palumbo è il Direttore dell’Osservatorio Politiche Fiscali dell’Eurispes

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra