Attualità

Revenge porn e pedofilia: chat porno su Telegram

L’isolamento domiciliare imposti dal Coronavirus ha riversato il bisogno di socialità, di affettività, di intimità interamente sulla Rete. Roberto De Vita pubblica su Skill On Air una riflessione sulla scoperta del più grande network italiano di revenge porn e pedopornografia su Telegram.

Il revenge porn è un fenomeno in rapida crescita ed evoluzione: nel mondo occidentale una persona su dieci è vittima di pornografia non consensuale. Sono vittime sempre più piccole e sono, soprattutto, donne. Nove su dieci sono ragazze: quest’ultime, oltre ad essere esposte nei loro volti e nei loro corpi, sono spesso anche colpite nelle loro identità. Si tratta di identità digitali sempre più fragili: nomi, cognomi, numeri di telefono, indirizzi di posta elettronica, profili Facebook o Instagram accompagnano la diffusione delle immagini, affinché rimanga indelebile la cicatrice di quella esposizione, di quella gogna.
Tutto ciò non origina esclusivamente da quella che era una coppia, un luogo protetto ma, molto spesso, nasce anche attraverso la condivisione di queste immagini tra amici: come se, in un grande esercizio ludico, non si stesse giocando con la vita e le delicatezze maggiori delle persone, con la parte più esposta dell’anima.
Nello stesso tempo, spesso, si rimane vittima dei grandi predatori. Non è un caso che l’FBI ed il Dipartimento di Giustizia mettano in evidenza come la pornografia non consensuale è legata, ed intimamente collegata, alla pedopornografia.
E, soprattutto, alla pedopornografia dinamica: qui, la cattura di un minore – attraverso l’utilizzazione e la strumentalizzazione di un’immagine trovata in chat o in Rete – si realizza con il ricatto sessuale, utile per produrre ulteriori immagini, ulteriori video. Un vero e proprio meccanismo estorsivo che diventa un grande alimento delle nuove forme di pedopornografia, trasformando un numero sempre maggiore di minori in schiavi sessuali nella disponibilità di grandi predatori.
Se questo poteva essere il racconto dell’orrore, ma proiettato all’immaginifico, la realtà cruda, descritta oltre i numeri dalla rivista Wired (https://www.wired.it/internet/web/2020/04/03/revenge-porn-network-telegram/?refresh_ce=), porta ad avere una immediata verificabilità di come, ahinoi, accanto alla pornografia non consensuale si consumino fatti ancor più gravi, spesso anche non raccontabili.
I segni che lasciano queste violenze sono talmente profondi, che il 50% delle vittime ha pensato in modo serio ed importante al suicidio. E, nella scala dei grigi, dal 50% per arrivare al 100% ci sono milioni di modalità, così come per farsi del male perché qualcuno ci ha ferito profondamente.
Purtroppo, in questi ultimi mesi – in cui l’emergenza sanitaria ha costretto il mondo, soprattutto quello dei più piccoli, ad una quarantena e ad un isolamento domiciliare collettivo – quel bisogno di socialità, di affettività, di intimità e di condivisione sessuale si è interamente riversato sulla Rete, in un esercizio di condivisione digitale senza paracadute e, per questo, capace di esporre il lato più fragile, lasciando cicatrici permanenti nel tempo.

Roberto De Vita è avvocato penalista e Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Istituto Eurispes

Ascolta audio

 

Ultime notizie
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Crescita

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione
Informazione

Tg: aperture concentrate sui contagi, l’informazione torna in lockdown

L’impennata dei contagi domina sul prime time, con 25 aperture dedicate alla crescita dei positivi ed agli appelli della politica. L’agenda mediatica...
di Eurispes e Coris Sapienza
International

The COVID-19 pandemic and the role of SMEs as innovators of sustainable inclusive employment

The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment in Times of Pandemic and Beyond. New Evidence from Regional and Local...
di Ronald McQuaid and Aleksandra Webb*
Crescita

Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

Le grandi sfide economiche globali dovute alla pandemia Covid-19 hanno creato uno stato di insicurezza. Grazie alla loro adattabilità e alla rapidità del processo decisionale, le Piccole e Medie Imprese (PMI) potrebbero essere idonee a guidare il cambiamento in questo contesto in dinamica evoluzione.
di Ronald McQuaid e Aleksandra Webb*