Revenge porn e pedofilia: chat porno su Telegram

L’isolamento domiciliare imposti dal Coronavirus ha riversato il bisogno di socialità, di affettività, di intimità interamente sulla Rete. Roberto De Vita pubblica su Skill On Air una riflessione sulla scoperta del più grande network italiano di revenge porn e pedopornografia su Telegram.

Il revenge porn è un fenomeno in rapida crescita ed evoluzione: nel mondo occidentale una persona su dieci è vittima di pornografia non consensuale. Sono vittime sempre più piccole e sono, soprattutto, donne. Nove su dieci sono ragazze: quest’ultime, oltre ad essere esposte nei loro volti e nei loro corpi, sono spesso anche colpite nelle loro identità. Si tratta di identità digitali sempre più fragili: nomi, cognomi, numeri di telefono, indirizzi di posta elettronica, profili Facebook o Instagram accompagnano la diffusione delle immagini, affinché rimanga indelebile la cicatrice di quella esposizione, di quella gogna.
Tutto ciò non origina esclusivamente da quella che era una coppia, un luogo protetto ma, molto spesso, nasce anche attraverso la condivisione di queste immagini tra amici: come se, in un grande esercizio ludico, non si stesse giocando con la vita e le delicatezze maggiori delle persone, con la parte più esposta dell’anima.
Nello stesso tempo, spesso, si rimane vittima dei grandi predatori. Non è un caso che l’FBI ed il Dipartimento di Giustizia mettano in evidenza come la pornografia non consensuale è legata, ed intimamente collegata, alla pedopornografia.
E, soprattutto, alla pedopornografia dinamica: qui, la cattura di un minore – attraverso l’utilizzazione e la strumentalizzazione di un’immagine trovata in chat o in Rete – si realizza con il ricatto sessuale, utile per produrre ulteriori immagini, ulteriori video. Un vero e proprio meccanismo estorsivo che diventa un grande alimento delle nuove forme di pedopornografia, trasformando un numero sempre maggiore di minori in schiavi sessuali nella disponibilità di grandi predatori.
Se questo poteva essere il racconto dell’orrore, ma proiettato all’immaginifico, la realtà cruda, descritta oltre i numeri dalla rivista Wired (https://www.wired.it/internet/web/2020/04/03/revenge-porn-network-telegram/?refresh_ce=), porta ad avere una immediata verificabilità di come, ahinoi, accanto alla pornografia non consensuale si consumino fatti ancor più gravi, spesso anche non raccontabili.
I segni che lasciano queste violenze sono talmente profondi, che il 50% delle vittime ha pensato in modo serio ed importante al suicidio. E, nella scala dei grigi, dal 50% per arrivare al 100% ci sono milioni di modalità, così come per farsi del male perché qualcuno ci ha ferito profondamente.
Purtroppo, in questi ultimi mesi – in cui l’emergenza sanitaria ha costretto il mondo, soprattutto quello dei più piccoli, ad una quarantena e ad un isolamento domiciliare collettivo – quel bisogno di socialità, di affettività, di intimità e di condivisione sessuale si è interamente riversato sulla Rete, in un esercizio di condivisione digitale senza paracadute e, per questo, capace di esporre il lato più fragile, lasciando cicatrici permanenti nel tempo.

Roberto De Vita è avvocato penalista e Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Istituto Eurispes

Ascolta audio

 

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare