Covid 19-Die Welt, Fara: “La mafia ha trovato casa anche in Germania”

Alcuni organi di informazione tedeschi, sollecitando la signora Merkel a non cedere sul fronte dei corona-bond, ci informano che le mafie italiane altro non aspettano che l’arrivo della pioggia di soldi europei per arricchirsi ulteriormente. Occorre dire che gli amici tedeschi sono diventati molto competenti in materia, considerando che da decenni ospitano, con soddisfazione, gli interessi delle principali organizzazioni mafiose italiane, ma non solo.

Parlando della Germania, alla famosa frase “Pecunia non olet”, pronunciata da Vespasiano in risposta al figlio Tito che criticava la tassazione dell’urina raccolta nelle latrine gestite da privati, si potrebbe anche aggiungere “Pecunia non nocet”. Nonostante gli allarmi lanciati dalla nostra Magistratura e dalle nostre Forze di polizia, che segnalavano nel corso degli anni la penetrazione e il radicamento degli interessi mafiosi nella economia tedesca, i nostri amici tedeschi si erano ben guardati dal contrastarne la presenza e la pervasività.

“Pecunia non olet”, appunto. E i miliardi del riciclaggio dei proventi da traffico di droga, di armi e delle più diverse attività criminali a livello internazionale contribuivano alla crescita del Pil e della potenza economica germanica.

Ci volle la strage di Duisburg per far capire ai mezzi di informazione e all’opinione pubblica che la mafia aveva trovato casa (accogliente) in Germania. E, tuttavia, non pare siano state mai prese misure serie per contrastarne la presenza. Veniamo descritti come il Paese della mafia, ma si dimentica di segnalare che siamo anche il Paese che più la combatte, e che in questa lotta ha perso centinaia di magistrati, uomini delle Forze dell’ordine, esponenti politici e delle Istituzioni, giornalisti, sacerdoti, semplici cittadini.

Altri si sono ben guardati dal riconoscere la gravità dell’inquinamento o dal predisporre adeguati strumenti di contrasto. In Italia – a differenza di altri paesi come, per esempio, la Germania – la Magistratura è completamente indipendente dal potere politico, l’azione penale è obbligatoria. Come tutti sanno, le mafie preferiscono operare in paesi dove i controlli sono blandi e le economie accoglienti; che non dispiegano efficaci e puntuali azioni repressive e non conoscono la figura dell’associazione mafiosa e il concorso esterno; e dove neppure si prevedono particolari controlli, in fase preventiva, di appalti pubblici o sull’origine dei capitali e sulle partecipazioni societarie.

Noi non nascondiamo la polvere sotto il tappeto dell’interesse nazionale. Noi affermiamo i princìpi dello Stato di diritto in ogni circostanza e ad ogni costo, senza celare le magagne di casa nostra.

Ed infine, nonostante tutto, i tedeschi pensano di poterci dare lezione su un fenomeno sul quale (volendo) hanno tutto da imparare da chi lo ha sempre combattuto veramente a proprie spese.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali