Covid 19-Die Welt, Fara: “La mafia ha trovato casa anche in Germania”

Alcuni organi di informazione tedeschi, sollecitando la signora Merkel a non cedere sul fronte dei corona-bond, ci informano che le mafie italiane altro non aspettano che l’arrivo della pioggia di soldi europei per arricchirsi ulteriormente. Occorre dire che gli amici tedeschi sono diventati molto competenti in materia, considerando che da decenni ospitano, con soddisfazione, gli interessi delle principali organizzazioni mafiose italiane, ma non solo.

Parlando della Germania, alla famosa frase “Pecunia non olet”, pronunciata da Vespasiano in risposta al figlio Tito che criticava la tassazione dell’urina raccolta nelle latrine gestite da privati, si potrebbe anche aggiungere “Pecunia non nocet”. Nonostante gli allarmi lanciati dalla nostra Magistratura e dalle nostre Forze di polizia, che segnalavano nel corso degli anni la penetrazione e il radicamento degli interessi mafiosi nella economia tedesca, i nostri amici tedeschi si erano ben guardati dal contrastarne la presenza e la pervasività.

“Pecunia non olet”, appunto. E i miliardi del riciclaggio dei proventi da traffico di droga, di armi e delle più diverse attività criminali a livello internazionale contribuivano alla crescita del Pil e della potenza economica germanica.

Ci volle la strage di Duisburg per far capire ai mezzi di informazione e all’opinione pubblica che la mafia aveva trovato casa (accogliente) in Germania. E, tuttavia, non pare siano state mai prese misure serie per contrastarne la presenza. Veniamo descritti come il Paese della mafia, ma si dimentica di segnalare che siamo anche il Paese che più la combatte, e che in questa lotta ha perso centinaia di magistrati, uomini delle Forze dell’ordine, esponenti politici e delle Istituzioni, giornalisti, sacerdoti, semplici cittadini.

Altri si sono ben guardati dal riconoscere la gravità dell’inquinamento o dal predisporre adeguati strumenti di contrasto. In Italia – a differenza di altri paesi come, per esempio, la Germania – la Magistratura è completamente indipendente dal potere politico, l’azione penale è obbligatoria. Come tutti sanno, le mafie preferiscono operare in paesi dove i controlli sono blandi e le economie accoglienti; che non dispiegano efficaci e puntuali azioni repressive e non conoscono la figura dell’associazione mafiosa e il concorso esterno; e dove neppure si prevedono particolari controlli, in fase preventiva, di appalti pubblici o sull’origine dei capitali e sulle partecipazioni societarie.

Noi non nascondiamo la polvere sotto il tappeto dell’interesse nazionale. Noi affermiamo i princìpi dello Stato di diritto in ogni circostanza e ad ogni costo, senza celare le magagne di casa nostra.

Ed infine, nonostante tutto, i tedeschi pensano di poterci dare lezione su un fenomeno sul quale (volendo) hanno tutto da imparare da chi lo ha sempre combattuto veramente a proprie spese.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili