Contagio Coronavirus stabile, speranze e dubbi dei Tg. Il report

Lo “stabilizzarsi” nel trend del contagio, che manifesta una crescita sempre più attenuata, viene interpretato positivamente da tutte le testate. I Tg Rai offrono le letture più ottimistiche, parlando di calo nei ricoveri e situazioni più gestibili nei reparti di terapia intensiva. Più caute le testate Mediaset, che lamentando l’ancora elevato numero delle vittime, segnalano i fronti critici che restano aperti, e soprattutto i ritardi e le inadempienze della macchina statale.

Grande spazio per tutti alla “strage dei camici bianchi”, che dall’inizio dell’epidemia ha registrato più di 80 vittime. Tg5 dedica venerdì una copertina/editoriale al ricordo di questi eroi “caduti in battaglia”, elogiando l’operato instancabile di medici e infermieri. Sempre i Tg Mediaset (e anche il Tg2) esultano, martedì, per il completamento del nuovo ospedale presso la Fiera di Milano, sottolineando il contributo di Guido Bertolaso. Il giudizio più duro arriva lunedì dalle parole del mass mediologo Klaus Davi, che ospite del Tg4 dice: “Uno Stato che non tutela i medici, che sono i nostri gioielli, non merita di essere definito tale”.

Tg4, il più piccolo (circa 950mila spettatori) ma assai agguerrito Tg del prime time, nel corso della settimana prende di petto sia l’Iss (parlando di una “Caporetto delle mascherine”) che il Viminale, accusando apertamente le istituzioni di comunicare in modo confuso, e di aggravare la situazione. Le critiche più dure sono rivolte all’Inps, a seguito del pasticciaccio (blocco del sistema e diffusione di dati sensibili) di mercoledì, che porta il Tg4, venerdì, a confezionare contro l’Istituto di Previdenza un doppio editoriale, ricorrendo perfino alle musiche del film Psycho. Grave anche il giudizio di Tg La7, che a dispetto delle dichiarazioni del presidente Inps Tridico, fornite mercoledì in diretta sul Tg1, rifiuta qualunque versione di “attacco di hacker”, imputando il malfunzionamento del sito a cause interne alla piattaforma.

Europa, soddisfazione per il “Nuovo piano Marshall”. Le scuse di Von Der Leyen al Tg1. Tg3, Sassoli sulla dittatura di Orban: “L’Unione non starà a guardare”
L’annuncio di un “Nuovo Piano Marshall”, e l’istituzione di un fondo da 100 miliardi per sostenere “l’occupazione e il reddito” nei paesi più colpiti (leggi Italia e Spagna), galvanizzano l’informazione. I Tg Rai registrano giovedì con soddisfazione questi sviluppi, accompagnati da una “richiesta di scuse” all’Italia arrivata dalla Presidente della Commissione Von Der Leyen, intervistata dal Tg1. Il voto in Ungheria, che consegna al premier Orban i “pieni poteri”, suscita reazioni diverse. Tg2 e i Tg Mediaset rilanciano le parole di Salvini, che “rispetta” questa evoluzione. Più allarmato Tg3, che martedì intervista in merito il Presidente dell’Europarlamento Sassoli. “Nessuno può usare questa pandemia per manipolare la nostra libertà” afferma Sassoli, assicurando che l’Unione prenderà provvedimenti.

Diversi spazi vanno allo sviluppo dell’epidemia in Europa e nel mondo, con la Spagna che supera l’Italia per numero di contagiati: ben 17 i richiami nei titoli. Lunedì Tg2 propone un’apertura singolare, dedicata a una New York spettrale, divenuta nelle ultime giornate l’epicentro dell’epidemia negli Stati Uniti, con oltre 500 morti nella sola giornata di venerdì.

Tg1 sopra gli 8 milioni. Il messaggio del Papa e l’editoriale di Carboni. La7 “traguarda” il governo Draghi. De Raho al Tg4: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”
L’ammiraglia Rai, che mercoledì 1 aprile ha raggiunto un pubblico di 8 milioni di spettatori, ha proposto in queste giornate interessanti approfondimenti, con coperture dedicate al sociale e volte soprattutto a lanciare un messaggio positivo. In proposito, si segnala un raro editoriale del direttore Carboni, che venerdì ha accompagnato la diffusione di un nuovo video-appello di Papa Francesco (ripreso da Tg5 e Tg2). A fine intervento, Giuseppe Carboni ha parlato direttamente al pubblico evocando la “carezza” del Papa del ’62, e augurandosi che il messaggio del Pontefice, rivolto ad una piazza “solo fisicamente vuota”, possa essere accolto da tutti, credenti o meno.

Tra le varie ed eventuali, infine segnaliamo:
1) il sondaggio di Tg La7 di lunedì, che ha avanzato l’ipotesi di un governo a guida Draghi per la gestione della Fase 2, che ha incontrato il consenso del 44% degli intervistati;
2) la lunga intervista del Tg4 di martedì al procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, che manifesta preoccupazione per le opportunità che la crisi potrà offrire alla criminalità organizzata, soprattutto nel Meridione: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione