Contagio Coronavirus stabile, speranze e dubbi dei Tg. Il report

Lo “stabilizzarsi” nel trend del contagio, che manifesta una crescita sempre più attenuata, viene interpretato positivamente da tutte le testate. I Tg Rai offrono le letture più ottimistiche, parlando di calo nei ricoveri e situazioni più gestibili nei reparti di terapia intensiva. Più caute le testate Mediaset, che lamentando l’ancora elevato numero delle vittime, segnalano i fronti critici che restano aperti, e soprattutto i ritardi e le inadempienze della macchina statale.

Grande spazio per tutti alla “strage dei camici bianchi”, che dall’inizio dell’epidemia ha registrato più di 80 vittime. Tg5 dedica venerdì una copertina/editoriale al ricordo di questi eroi “caduti in battaglia”, elogiando l’operato instancabile di medici e infermieri. Sempre i Tg Mediaset (e anche il Tg2) esultano, martedì, per il completamento del nuovo ospedale presso la Fiera di Milano, sottolineando il contributo di Guido Bertolaso. Il giudizio più duro arriva lunedì dalle parole del mass mediologo Klaus Davi, che ospite del Tg4 dice: “Uno Stato che non tutela i medici, che sono i nostri gioielli, non merita di essere definito tale”.

Tg4, il più piccolo (circa 950mila spettatori) ma assai agguerrito Tg del prime time, nel corso della settimana prende di petto sia l’Iss (parlando di una “Caporetto delle mascherine”) che il Viminale, accusando apertamente le istituzioni di comunicare in modo confuso, e di aggravare la situazione. Le critiche più dure sono rivolte all’Inps, a seguito del pasticciaccio (blocco del sistema e diffusione di dati sensibili) di mercoledì, che porta il Tg4, venerdì, a confezionare contro l’Istituto di Previdenza un doppio editoriale, ricorrendo perfino alle musiche del film Psycho. Grave anche il giudizio di Tg La7, che a dispetto delle dichiarazioni del presidente Inps Tridico, fornite mercoledì in diretta sul Tg1, rifiuta qualunque versione di “attacco di hacker”, imputando il malfunzionamento del sito a cause interne alla piattaforma.

Europa, soddisfazione per il “Nuovo piano Marshall”. Le scuse di Von Der Leyen al Tg1. Tg3, Sassoli sulla dittatura di Orban: “L’Unione non starà a guardare”
L’annuncio di un “Nuovo Piano Marshall”, e l’istituzione di un fondo da 100 miliardi per sostenere “l’occupazione e il reddito” nei paesi più colpiti (leggi Italia e Spagna), galvanizzano l’informazione. I Tg Rai registrano giovedì con soddisfazione questi sviluppi, accompagnati da una “richiesta di scuse” all’Italia arrivata dalla Presidente della Commissione Von Der Leyen, intervistata dal Tg1. Il voto in Ungheria, che consegna al premier Orban i “pieni poteri”, suscita reazioni diverse. Tg2 e i Tg Mediaset rilanciano le parole di Salvini, che “rispetta” questa evoluzione. Più allarmato Tg3, che martedì intervista in merito il Presidente dell’Europarlamento Sassoli. “Nessuno può usare questa pandemia per manipolare la nostra libertà” afferma Sassoli, assicurando che l’Unione prenderà provvedimenti.

Diversi spazi vanno allo sviluppo dell’epidemia in Europa e nel mondo, con la Spagna che supera l’Italia per numero di contagiati: ben 17 i richiami nei titoli. Lunedì Tg2 propone un’apertura singolare, dedicata a una New York spettrale, divenuta nelle ultime giornate l’epicentro dell’epidemia negli Stati Uniti, con oltre 500 morti nella sola giornata di venerdì.

Tg1 sopra gli 8 milioni. Il messaggio del Papa e l’editoriale di Carboni. La7 “traguarda” il governo Draghi. De Raho al Tg4: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”
L’ammiraglia Rai, che mercoledì 1 aprile ha raggiunto un pubblico di 8 milioni di spettatori, ha proposto in queste giornate interessanti approfondimenti, con coperture dedicate al sociale e volte soprattutto a lanciare un messaggio positivo. In proposito, si segnala un raro editoriale del direttore Carboni, che venerdì ha accompagnato la diffusione di un nuovo video-appello di Papa Francesco (ripreso da Tg5 e Tg2). A fine intervento, Giuseppe Carboni ha parlato direttamente al pubblico evocando la “carezza” del Papa del ’62, e augurandosi che il messaggio del Pontefice, rivolto ad una piazza “solo fisicamente vuota”, possa essere accolto da tutti, credenti o meno.

Tra le varie ed eventuali, infine segnaliamo:
1) il sondaggio di Tg La7 di lunedì, che ha avanzato l’ipotesi di un governo a guida Draghi per la gestione della Fase 2, che ha incontrato il consenso del 44% degli intervistati;
2) la lunga intervista del Tg4 di martedì al procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, che manifesta preoccupazione per le opportunità che la crisi potrà offrire alla criminalità organizzata, soprattutto nel Meridione: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu