Contagio Coronavirus stabile, speranze e dubbi dei Tg. Il report

Lo “stabilizzarsi” nel trend del contagio, che manifesta una crescita sempre più attenuata, viene interpretato positivamente da tutte le testate. I Tg Rai offrono le letture più ottimistiche, parlando di calo nei ricoveri e situazioni più gestibili nei reparti di terapia intensiva. Più caute le testate Mediaset, che lamentando l’ancora elevato numero delle vittime, segnalano i fronti critici che restano aperti, e soprattutto i ritardi e le inadempienze della macchina statale.

Grande spazio per tutti alla “strage dei camici bianchi”, che dall’inizio dell’epidemia ha registrato più di 80 vittime. Tg5 dedica venerdì una copertina/editoriale al ricordo di questi eroi “caduti in battaglia”, elogiando l’operato instancabile di medici e infermieri. Sempre i Tg Mediaset (e anche il Tg2) esultano, martedì, per il completamento del nuovo ospedale presso la Fiera di Milano, sottolineando il contributo di Guido Bertolaso. Il giudizio più duro arriva lunedì dalle parole del mass mediologo Klaus Davi, che ospite del Tg4 dice: “Uno Stato che non tutela i medici, che sono i nostri gioielli, non merita di essere definito tale”.

Tg4, il più piccolo (circa 950mila spettatori) ma assai agguerrito Tg del prime time, nel corso della settimana prende di petto sia l’Iss (parlando di una “Caporetto delle mascherine”) che il Viminale, accusando apertamente le istituzioni di comunicare in modo confuso, e di aggravare la situazione. Le critiche più dure sono rivolte all’Inps, a seguito del pasticciaccio (blocco del sistema e diffusione di dati sensibili) di mercoledì, che porta il Tg4, venerdì, a confezionare contro l’Istituto di Previdenza un doppio editoriale, ricorrendo perfino alle musiche del film Psycho. Grave anche il giudizio di Tg La7, che a dispetto delle dichiarazioni del presidente Inps Tridico, fornite mercoledì in diretta sul Tg1, rifiuta qualunque versione di “attacco di hacker”, imputando il malfunzionamento del sito a cause interne alla piattaforma.

Europa, soddisfazione per il “Nuovo piano Marshall”. Le scuse di Von Der Leyen al Tg1. Tg3, Sassoli sulla dittatura di Orban: “L’Unione non starà a guardare”
L’annuncio di un “Nuovo Piano Marshall”, e l’istituzione di un fondo da 100 miliardi per sostenere “l’occupazione e il reddito” nei paesi più colpiti (leggi Italia e Spagna), galvanizzano l’informazione. I Tg Rai registrano giovedì con soddisfazione questi sviluppi, accompagnati da una “richiesta di scuse” all’Italia arrivata dalla Presidente della Commissione Von Der Leyen, intervistata dal Tg1. Il voto in Ungheria, che consegna al premier Orban i “pieni poteri”, suscita reazioni diverse. Tg2 e i Tg Mediaset rilanciano le parole di Salvini, che “rispetta” questa evoluzione. Più allarmato Tg3, che martedì intervista in merito il Presidente dell’Europarlamento Sassoli. “Nessuno può usare questa pandemia per manipolare la nostra libertà” afferma Sassoli, assicurando che l’Unione prenderà provvedimenti.

Diversi spazi vanno allo sviluppo dell’epidemia in Europa e nel mondo, con la Spagna che supera l’Italia per numero di contagiati: ben 17 i richiami nei titoli. Lunedì Tg2 propone un’apertura singolare, dedicata a una New York spettrale, divenuta nelle ultime giornate l’epicentro dell’epidemia negli Stati Uniti, con oltre 500 morti nella sola giornata di venerdì.

Tg1 sopra gli 8 milioni. Il messaggio del Papa e l’editoriale di Carboni. La7 “traguarda” il governo Draghi. De Raho al Tg4: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”
L’ammiraglia Rai, che mercoledì 1 aprile ha raggiunto un pubblico di 8 milioni di spettatori, ha proposto in queste giornate interessanti approfondimenti, con coperture dedicate al sociale e volte soprattutto a lanciare un messaggio positivo. In proposito, si segnala un raro editoriale del direttore Carboni, che venerdì ha accompagnato la diffusione di un nuovo video-appello di Papa Francesco (ripreso da Tg5 e Tg2). A fine intervento, Giuseppe Carboni ha parlato direttamente al pubblico evocando la “carezza” del Papa del ’62, e augurandosi che il messaggio del Pontefice, rivolto ad una piazza “solo fisicamente vuota”, possa essere accolto da tutti, credenti o meno.

Tra le varie ed eventuali, infine segnaliamo:
1) il sondaggio di Tg La7 di lunedì, che ha avanzato l’ipotesi di un governo a guida Draghi per la gestione della Fase 2, che ha incontrato il consenso del 44% degli intervistati;
2) la lunga intervista del Tg4 di martedì al procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho, che manifesta preoccupazione per le opportunità che la crisi potrà offrire alla criminalità organizzata, soprattutto nel Meridione: “Se lo Stato non aiuta le imprese, lo faranno le mafie”.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento