Covid-19, Pmi come innovatori di occupazione inclusiva e sostenibile

L’attuale pandemia dovuta al Covid-19 ha colpito profondamente il mondo e rimane una minaccia senza precedenti, in grado di mettere in profonda crisi anche le economie mondiali più forti. La crisi economica che ne è derivata ha colpito particolarmente quei settori nei quali opera un gran numero di Piccole e Medie Imprese – PMI e di lavoratori autonomi (tra i quali, ad esempio, la ristorazione, le attività culturali, artistiche, di intrattenimento e gli altri servizi per il tempo libero, le attività turistiche, i trasporti come i taxi, il settore abitativo e immobiliare). Nelle attuali condizioni alcune Piccole e Medie Imprese cesseranno di esistere mentre altre si troveranno fortemente limitate, tanto nelle loro attività ordinarie quanto nelle loro possibilità di sviluppo.

Tuttavia, per alcune Piccole e Medie Imprese questa situazione può innescare un periodo di reinvenzione e di adattamento, solo che esse siano in grado di cogliere le opportunità che la crisi attuale comunque sta creando; ad esempio, nel modificare i termini del confronto con i concorrenti, nei cambiamenti che si generano nelle catene di fornitura dei beni e dei servizi, nei comportamenti dei consumatori. La flessibilità che caratterizza la gestione e il lavoro delle Piccole e Medie Imprese può consentire l’organizzazione di risposte rapide, che permettano a tali imprese di trovare soluzioni innovative a problemi esistenti o emergenti, di costruire dei vantaggi competitivi attraverso lo sviluppo delle capacità organizzative e strategiche di nicchia, portando così ad un aumento dell’innovazione e della produttività.

La distribuzione dei costi della contrazione economica dovuta alla pandemia non è equilibrata tra i diversi tipi di datori di lavoro, i loro dipendenti, i lavoratori autonomi, i governi. Nel Regno Unito, le norme fiscali e di tutela sociale sono già state modificate per sostenere le imprese e gli individui con sgravi fiscali e misure sui licenziamenti, secondo il provvedimento “Coronavirus Job Retention Scheme” (HM Revenue and Customs, 2020). Circa il 27% della forza lavoro del Regno Unito e fino all’80% in alcuni settori industriali utilizza il regime di esodo, in base al quale il governo paga una quota elevata dei salari per coloro il cui lavoro è temporaneamente sospeso a causa della pandemia (ONS, 2020).

Nonostante le difficoltà che questa crisi crea alle Piccole e Medie Imprese, l’Unione europea, l’Ocse e altre Istituzioni internazionali suggeriscono che essa potrebbe offrire anche alcune opportunità per promuovere una ripresa più sostenibile dal punto di vista sociale e ambientale (o “più verde”) a condizione che i governi siano in grado di avviare investimenti finalizzati a sostenere i sistemi sociali e occupazionali, le infrastrutture verdi, la ricerca.

Come abbiamo avuto modo di discutere alla 15^ Conferenza annuale promossa dalla Rete europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, svolta il 17-18 settembre 2020 in collaborazione tra l’Istituto IWAK dell’Università W.Goethe di Francoforte e l’Istituto italiano Eurispes (McQuaid e Webb, 2020), la re-ingegnerizzazione dell’economia dovrebbe riflettere sulle pratiche occupazionali che enfatizzano i benefici della flessibilità rispetto alla protezione del lavoro (dalle condizioni del lavoro alla salute e sicurezza dei lavoratori), pratiche che tendono ad essere ampiamente utilizzate dai datori di lavoro nell’economia competitiva. La pandemia ha evidenziato un processo di flussi e riflussi a lungo termine che investe chi si assume il rischio di operare secondo questa logica della maggiore flessibilità possibile della forza lavoro quando la domanda di lavoratori con determinate qualifiche cambia improvvisamente.

Il lavoro “a serata”, ovvero il lavoro a brevissimo termine ha una lunga storia “poco affascinante”. Nel secolo scorso, i “lavoratori a giornata”, impiegati nel cosiddetto “lavoro forfettario” (lump labour) erano quei lavoratori che si mettevano in fila di fronte ai magazzini portuali per essere assunti per un giorno di lavoro alla volta, se necessario. Le storiche lotte per la sicurezza del lavoro sembrano ripetersi oggi da parte dei lavoratori “a chiamata” (Gig workers) che si sono trovati senza alcuna protezione durante la pandemia. Nella situazione di incertezza sullo stato presente e futuro dell’economia causato dallo scompiglio della pandemia, è prevedibile che da un lato, ci sarà una maggiore richiesta di ulteriore flessibilità da parte dei datori di lavoro (e potenzialmente un’avversione ad assumere personale a tempo indeterminato); dall’altro, che i lavoratori cercheranno una maggiore sicurezza sia nel lavoro che nella tutela sanitaria e una rete di salvaguardia più efficace contro la disoccupazione.

Le grandi sfide economiche globali dovute alla pandemia Covid-19 hanno creato uno stato di insicurezza per molte Piccole e Medie Imprese, costringendole a trovare rapidamente nuovi modi di lavorare e, nello stesso tempo, a perseguire un’occupazione inclusiva. Grazie alla loro adattabilità e alla rapidità del processo decisionale, le Piccole e Medie Imprese potrebbero essere idonee a guidare il cambiamento in questo contesto in dinamica evoluzione. Tuttavia, i sistemi economici e, più in generale, le comunità dovranno cercare i modi per offrire maggiore occupazione e sicurezza economica a coloro che sono risultati particolarmente vulnerabili agli shock economici, come quello causato da Covid-19. La conseguente re-ingegnerizzazione socio-economica potrebbe portare a un cambiamento nell’equilibrio tra flessibilità e sicurezza del lavoro nelle Piccole e Medie Imprese, nel mondo del lavoro autonomo e forse in tutta l’economia in generale.

Un ulteriore elemento da considerare riguarda il fatto che i sistemi economici potrebbero dover sopportare anche ulteriori shock a causa di pressioni finanziarie, demografiche, ambientali e/o epidemiologiche, tanto nel breve quanto nel lungo periodo. Per identificare e rispondere a questi rischi futuri sono necessarie una economia e una società che siano il più resiliente e sostenibile possibile. Le Piccole e Medie Imprese, soprattutto quelle con capacità di crescere e innovare, potrebbero svolgere un ruolo importante nel rimodellare in termini di maggiore equità il futuro sistema socio-economico e metterlo in grado di sostenere la creazione di un “lavoro dignitoso”, come stabilito negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (ILO, 2018).

*Stirling Management School, Università di Stirling (UK)
Rete Europea sui Mercati del Lavoro Regionali – ENRLMM

L’articolo è disponibile anche in inglese
https://www.leurispes.it/the-covid-19-pandemic-and-the-role-of-smes-as-innovators-of-sustainable-inclusive-employment/

Riferimenti:

HM Revenue and Customs (2020), Coronavirus Job Retention Scheme, available at:  https://www.gov.uk/government/collections/coronavirus-job-retention-scheme[July 2020].

International Labour Organization (ILO) (2018) Women and Men in the Informal Economy: A Statistical Picture. Available athttps://www.ilo.org/global/publications/books/WCMS_626831/lang–en/index.htm [10 May 2020].

McQuaid, R. and A. Webb  (2020) ‘The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment: Some Issues Resulting from Shocks to the Economy Imposed by the COVID-19 Pandemic’, in: Larsen, C., Kipper, J., Schmid, A., and M. Ricceri (eds) The Importance of SMEs as Innovators of Sustainable Inclusive Employment (Rainer Hampp Verlag, Muenchen) pp. 33-45.Available at http://hdl.handle.net/1893/31652

Office for National Statistics (ONS) (2020), Furloughing of workers across UK businesses: 23 March 2020 to 5 April 2020, available at: https://www.ons.gov.uk/employmentandlabourmarket/peopleinwork/employmentandemployeetypes/articles/furloughingofworkersacrossukbusinesses/23march2020to5april2020[July 2020].

 Leggi anche

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

I limiti del sistema di Informazioni e dati sul mercato del lavoro in tempo di crisi pandemica

 

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra