Digital gap, il ritardo nella digitalizzazione pesa sulle imprese italiane

digitalizzazione

La digitalizzazione è un fattore chiave per la crescita della produttività nelle economie moderne. Eppure la sua diffusione, avvenuta negli anni in maniera irregolare, ha aumentato per le imprese il fenomeno della dispersione della produttività e, al tempo stesso, ha aumentato la disuguaglianza salariale, riducendo anche l’inclusività. Queste tendenze sono particolarmente preoccupanti per l’Italia. Il sistema delle imprese italiane ha mostrato un divario crescente nell’adozione di tecnologie digitali e nella quota di investimenti negli asset immateriali rispetto ad altri paesi OCSE.

Il sistema produttivo italiano mostra un divario significativo rispetto ai paesi OCSE nella digitalizzazione

Negli ultimi 25 anni, l’economia italiana ha faticato per stare al passo con gli altri paesi. Dal 1995 al 2018 il Pil italiano è cresciuto di meno 0,6% annuo, circa il 2% in meno alla media OCSE. La dimensione dell’economia italiana è aumentata meno rispetto alla media OCSE fino al 2007, è diminuita in modo più significativo durante la recessione del 2008 e la crisi del debito sovrano, registrando poi una ripresa (sebbene inferiore) dal 2013. L’Italia ha sperimentato inoltre un rallentamento nella crescita della produttività più forte e più duraturo. In particolare, dal 1995 la produttività multifattoriale (MFP) ha smesso di crescere, diminuendo dal 2001 al 2009 e stagnando da allora in poi, mentre questo stesso indice è aumentato in media quasi del 13% tra gli altri paesi OCSE. Divario nella digitalizzazioneIn questo contesto, l’adozione e l’uso efficace delle tecnologie digitali può notevolmente migliorare la competitività delle nostre imprese. Tuttavia, il sistema produttivo italiano mostra un divario significativo rispetto agli altri paesi OCSE nella misura in cui le aziende si stanno avviando verso la trasformazione digitale. Diversi indicatori macroeconomici forniscono prove di questo divario digitale. In particolare, in termini di investimenti in asset relativi al settore ICT, che sono passati dall’essere in linea con la media OCSE durante la metà degli anni ‘90 (circa 0,4-0,5% del Pil) all’essere inferiori di un terzo rispetto all’1,2% della media OCSE nel 2017 (0,8% del Pil). 

Leggi anche

Il Rapporto per uscire dal gap digitale

Queste sono alcune delle evidenze contenute nel Rapporto “Closing the Italian Digital Gap: the Role of Skills, Intangibles and Policies” realizzato grazie alla collaborazione di diversi economisti e statistici dell’OCSE, della Banca d’Italia e dell’Istat. Lo studio individua i principali fattori che incidono sulla diffusione delle tecnologie digitali e sul ritorno economico per imprese italiane, evidenziando il ruolo cruciale delle politiche pubbliche. Dall’analisi emerge che la scarsa digitalizzazione delle imprese italiane è riconducibile ai bassi livelli di tre fattori: le competenze dei lavoratori, le capacità gestionali e l’accumulo di asset immateriali. Questi fattori sono fondamentali anche per massimizzare l’efficacia delle politiche pubbliche a sostegno della digitalizzazione delle imprese, come la diffusione di infrastrutture a banda larga e gli incentivi fiscali agli investimenti nelle tecnologie digitali. Infine, l’analisi mostra che la crisi del Covid-19 ha contribuito ad ampliare ulteriormente il divario digitale tra le imprese italiane, favorendo ex ante imprese più digitalizzate, e suggerendo che le politiche pubbliche svolgono un ruolo cruciale per la ripresa post-pandemia.

Gli interventi legati al PNRR

Questo rapporto si concentra su come colmare il “digital gap” italiano. Analizza le radici del fenomeno e si concentra sulle leve politiche più efficaci che possono aiutare a colmarlo. Lo fa adottando una prospettiva analitica approfondita che sfrutta un’infrastruttura di dati unica che permette di prendere in considerazione un ampio insieme di fattori, interni ed esterni all’impresa, che influiscono sull’adozione della tecnologia digitale e sui suoi ritorni. Dimostra che i tassi di adozione delle tecnologie digitali in Italia sono estremamente sbilanciati. Il Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza stanzia consistenti risorse per la digitalizzazione, l’innovazione e la competitività del sistema delle imprese. L’efficacia di questi interventi dipenderà in modo cruciale dalla capacità di sviluppo degli stessi, un pacchetto politico completo che integra gli incentivi finanziari alla tecnologia, gli investimenti infrastrutturali con interventi per migliorare le competenze digitali della forza lavoro e le capacità dei manager.

Il Rapporto è online al seguente link

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra