Infrastrutture verdi e digitali, dal loro sviluppo dipenderà la neutralità climatica

infrastrutture

Le infrastrutture contribuiscono alla costruzione della società futura costituendone, per definizione, gli elementi portanti. Oxford Economics nel 2017 ha stimato il gap infrastrutturale italiano in 373 miliardi di dollari per il periodo 2016-2040, con un bisogno di spesa in infrastrutture del 30% maggiore rispetto al trend allora in corso. La crisi pandemica ha dimostrato che tale gap era in realtà sottostimato, con gravi carenze nelle infrastrutture sociali (scuole, ospedali, edilizia sociale). Anche in chiave infrastrutturale, le transizioni gemelle sono i pilastri alla base della politica di ripresa economica: sullo sviluppo di infrastrutture verdi e digitali si giocherà dunque il raggiungimento degli obiettivi europei e internazionali di neutralità climatica e quelli individuati dall’Agenda 2030.

Gli indirizzi del Governo Draghi

La trasformazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, parallelamente alla denominazione del Ministero dell’Ambiente in Ministero per la Transizione Ecologica, sono cambiamenti emblematici della nuova visione di sviluppo orientata verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale. Il PNRR affronta il recupero del gap infrastrutturale italiano in modo trasversale alle sue Missioni. Agli investimenti specifici per la transizione verso mobilità e logistica verdi, si accompagnano gli interventi in infrastrutture digitali, sociali e idriche per un totale complessivo di risorse pari a circa 62 miliardi. Oltre ai finanziamenti, i recenti interventi normativi sono finalizzati ad efficientare e velocizzare i cantieri: da una parte il Decreto “Governance e Semplificazioni” (DL 31 maggio 2021 n. 77) che ha previsto, tra l’altro, iter più rapidi per la realizzazione delle opere, il rafforzamento del dibattito pubblico, l’introduzione dell’appalto integrato e nuove procedure per gli appalti. Sono inoltre stati messi in campo strumenti di policy come la nomina dei 20 Commissari Straordinari per 45 grandi opere, per un valore complessivo di 13,5 miliardi, oltre alla costituzione dell’unità di contatto per il coordinamento e il sostegno ai commissari interna al MIMS.

La ripartizione delle risorse

I progetti sono finanziati con 40,7 miliardi di euro provenienti dal RRF, 331 milioni dal REACT-EU, 10,6 miliardi dal Fondo complementare e 10,3 miliardi dallo scostamento di bilancio. Viste le tempistiche previste dal NGEU, l’integrazione delle risorse tramite fondi nazionali permette il finanziamento di progetti con un orizzonte temporale che vada anche oltre il termine del 2026, come il completamento dell’Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria.  
In termini di destinazione geografica, il 56% delle risorse per le infrastrutture (34,7 miliardi di euro) è destinata al Mezzogiorno. Con riferimento invece agli ambiti di intervento, alle infrastrutture per una mobilità sostenibile è dedicata una quota pari al 67% del totale; per la digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura lo 0,8%; per la rivoluzione verde e la transizione ecologica il 25%; inclusione e coesione sociale al 6,3%. Non tutti i progetti previsti sono di competenza esclusiva del MIMS, poiché per alcuni si prevede la collaborazione anche tra diversi Ministeri (Transizione ecologica, Transizione digitale, Cultura, Giustizia, Dipartimento per il Sud e la Coesione territoriale).

Leggi anche

Il nuovo paradigma infrastrutturale

In un contesto in continua evoluzione, il Covid potrebbe aver messo in discussione certezze e visione dei territori e delle città che credevamo acquisite. Basti pensare ai cambiamenti della morfologia economica e sociale dei territori italiani in risposta alle esigenze di decentramento e distanziamento fisico; o all’incremento dello smart working e del fenomeno che durante la pandemia è stato definito come “South working”, ovvero la tendenza a lavorare (ma anche studiare) dal Sud quando il datore di lavoro è localizzato al Nord.

Necessarie strategie di sviluppo che integrino territori e infrastrutture

La mutazione delle geografie spaziali comporterà un cambiamento anche delle infrastrutture che le definiscono. Per evitare di aggravare il già esistente gap tra territori centrali e periferici, aree urbane e aree rurali, sarà di vitale importanza definire delle strategie di sviluppo che integrino i territori e le infrastrutture come componenti significative delle loro politiche di azione. In questo contesto, è necessario ragionare su nuove categorie e paradigmi anche per le nostre aree urbane, in cui inclusione sociale, protezione ambientale e innovazione digitale siano coinvolte nello stesso processo. In tale ottica, la chiave per la rigenerazione infrastrutturale potrebbe passare per la promozione del finanziamento integrato dei progetti di sviluppo da parte di investitori istituzionali e privati, potenzialmente in grado di generare un flusso di investimenti a cascata. 

*Responsabile per l’Istituto dell’Osservatorio per lo Sviluppo dei Territori Eurispes/RGS.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra