Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.

 

Lo “spirito del tempo” nella cultura politica si esprime attraverso anche strane e a volte molto opportune dimenticanze. La tormentata litigiosità del momento sembra voler ricacciare costantemente all’indietro, nel rimosso, le grandi problematiche nazionali. Tra di esse, una, in particolare, può essere espressa e contenuta nella domanda: ma il Sud dove è finito?

Il Mezzogiorno si trova dove è sempre stato, in un progressivo, lento, inesorabile declino. Esso simboleggia più che mai questo Occidente, terra dell’occaso, del tramonto, di una civiltà quasi naturalmente rivolta verso la perdita dei suoi valori, della sua cultura. Ernesto de Martino scorgeva già i segni di questo disagio culturale quando avvertiva nel Meridione, insieme all’isolamento economico e sociale, il progressivo venir meno della presenza, dell’esserci nel mondo.

Le apocalissi culturali rappresentano nell’individuo e per l’individuo il materializzarsi di una condizione economica ed esistenziale dove la “crisi della presenza” si manifesta come incapacità di vivere la consapevolezza di un cambiamento, la certezza che questo “mondo magico” possa essere aperto alla ragione, alla modernità, al progresso. Queste tracce culturali sono compresenti e operanti nel tessuto meridionale e ne costituiscono i microrganismi ormai divenuti parte integrante del Dna complessivo di una parte del Paese che dispera, che non crede.

Quella parte del Paese che di fronte al ritorno del “Grande elettore” potrebbe rispondere come, nei Fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij, il Grande Inquisitore risponde a Cristo tornato sulla terra dopo millenni: «Cosa sei tornato a fare? Ora noi non abbiamo più bisogno di te! Il peso della libertà ci era divenuto insopportabile, per questo abbiamo scelto altri a cui affidarlo». Quando il peso della libertà diventa insopportabile, spesso si cerca la via d’uscita scegliendo nuovi padroni. Il Sud povero, oppresso, inutilmente caricato da scelte industriali irresponsabili (insediamenti improduttivi, opere pubbliche inservibili), vive dei suoi tormenti e agisce comunque in forza dei suoi equilibri negativi. Da queste terre dimenticate, i cittadini continuano a chiedere un intervento, una presenza che riaffermi il valore, la credenza in un ethos comune di Stato, di nazione. Perché il Sud non resti, per dirla con Franz Kafka, un’eterna corda sospesa fra la terra e il cielo, ugualmente incapace di rimanere in terra e di raggiungere il cielo.
(1995)

 

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro