È nato l’homo novus. Ecco perché tra generazioni si è aperta una faglia. Prima parte

I giovani, da quando le società occidentali hanno assunto forma post-industriale e post-moderna, sono diventati una categoria sociale rilevante per molti analisti: sociologi e politologi, psicologi, economisti e via dicendo. L’unica cosa certa è che sono meno numerosi che in passato.

Roba vecchia, insomma: chi volesse divertirsi a vagabondare un po’ fra gli archivi Rai degli anni Settanta, per dire, troverebbe gustosi dibattiti televisivi fra i “giovani” di allora (oggi degli arzilli nonnetti, le cosiddette pantere grigie) e gente come Lucio Battisti, o Pier Paolo Pasolini. In tempi di globalizzazione, poi, i giovani sono diventati millennial e z generation: così, hanno acquisito moltissimo in glamour, perdendo un po’ di nitidezza.
Muta la forma dei giovani, dunque ma non la questione che, da sempre, caratterizza il dibattito su di loro: cos’hanno di diverso da noi, che (a malincuore) giovani non siamo più? Dove sta la faglia fra noi e loro?

Alcuni giorni fa, l’Eurispes ha presentato e diffuso i risultati di una ricerca sui giovani, condotta, con i partner dell’Accademia Russa delle Scienze Sociali, in quattro paesi (Russia, Polonia, Germania e Italia). Il segnale di fondo che emerge dalla ricerca è a nostro avviso uno; questo: la programmazione di vita che i giovani conducono è totalmente slegata dai vincoli biologici e improntata alla massimizzazione dei gradi di libertà di ogni scelta individuale.

Tutto sommato, nulla di nuovo – dirà qualcuno molto meno giovane di chi scrive e che perciò avrà vissuto più volte l’esperienza di confronto coi giovani. Forse è così. Però, c’è un però. Vediamo.

Il “però” l’abbiamo capito riflettendo su un bellissimo, recente, romanzo di Sandro Veronesi: Il Colibrì. Alle volte, la letteratura apre delle finestre di pensiero che, altrimenti, nemmeno vedremmo tracciate sul muro. Così è stato per questo libro che racconta, apparentemente, la storia di un uomo e della famiglia, allargata e cosmopolita, della quale è il perno.

In realtà, il libro è l’analisi narrata di come la società italiana stia passando, molto rapidamente, da un modello di organizzazione familiare tradizionale, a un altro – fondato su una assoluta autonomia esistenziale e un marcato protagonismo individuale. In pratica, è il racconto di una società, quella italiana, la cui cellula costitutiva (la famiglia) si frammenta progressivamente.

Il modello di partenza è rappresentato dalla famiglia di origine del protagonista: si fonda sulla coppia genitoriale regolarmente sposata, con prole numerosa e traiettorie professionali certe dei figli (studi, ti laurei, hai un lavoro pregiato). Questo modello è il sole calante della società italiana tradizionale.
Il secondo modello, al polo opposto, è rappresentato dalla nipotina multi-etnica (figlia di una italiana e di un non precisato orientale) e mono-genitoriale (la mamma, nello specifico) del protagonista. È il sole nascente del pianeta globalizzato: e qui sta la faglia.
I primi, genitori e nonni, sono vecchi, tutti, inesorabilmente e inevitabilmente; la seconda, la nipotina, è l’uomo nuovo – così la chiama l’autore (attenzione alla discordanza di genere: non è un refuso).
Miraiji questo il nome (non italiano) della (italiana) nipote del protagonista, è femmina nel sesso fisico ma è l’uomo nuovo della società – e già questo è un punto fondamentale di discontinuità storica: il secolo XXI sarà quello della femminilizzazione delle società occidentali. Lo spazio del maschile è contendibile (per esempio, il calcio femminile ma anche Lara Croft) e all’uomo è richiesta l’assunzione di un’attitude femminile (la nuova paternità, più presente e attenta).
Miraiji è sola, figlia unica e per sempre tale (la mamma, figlia del protagonista, morirà) ma, al contempo, affettivamente ricca di connessioni: a zii che vivono in giro per il mondo, al fidanzato di Barcellona, a una nonna (croata) che vive in Germania, alla sorellastra tedesca e al padre italiano (il protagonista) che vive rigorosamente in Italia (è uomo del mondo vecchio, infatti).

Tiriamo le fila.
La nostra tesi è che l’homo novus sia una persona che sta prendendo forma progressivamente attraverso le generazioni. Cresce in discontinuità rispetto ai genitori e ai nonni: traccia una faglia di separazione, netta e definitiva ma lo fa senza strappi, senza affaticarsi in un conflitto. Non è più tempo di questa roba: lo stacco generazionale, la faglia, oggi si esprime su territori diversi dal passato: non nel vestire – genitori e figli vestono spesso allo stesso modo – non nella corporeità – genitori e figli curano il corpo negli stessi luoghi coi medesimi gesti – non nella ribellione alla tradizione – famiglia, lavoro, fede, partiti politici, cadono a pezzi sotto la medesima indifferenza di genitori e figli.

L’homo novus sta già crescendo oggi, nel perimetro della pubertà e dell’adolescenza e, quando diverrà più adulto, non ci somiglierà per nulla, ma proprio per nulla. Darà forma a una società nuova, centrata su una individualità che non riconosciamo; una società nuova che già intravediamo e che ci mette timore, perché (in fondo in fondo lo sappiamo tutti) percepiamo nel profondo la faglia che ce ne ha già tagliati fuori.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili