Economia, società e politica alla prova dell’Intelligenza Artificiale

Il tema dell’Intelligenza Artificiale è al vertice dell’attenzione del mondo economico, politico e sociale: che la tecnologia digitale stia lavorando a una serie di prodotti-servizio innovativi è fatto noto; che molti di questi si basino su una filosofia progettuale antropomorfa, è un dato di fatto; che il senso di una minaccia incombente sia forte, forse anche a causa di questo fatto, è, ormai, banale dirlo.

Pochi giorni fa è stato presentato un interessante rapporto di ricerca da parte di Federmanager, in associazione con MIT Technology Review Italia e la Sapienza: Intelligenza Artificiale Innovazione Lavoro. Un’indagine su manager di oltre 500 imprese italiane, arricchita da commenti e riflessioni.

Di che cosa si parla? Di una famiglia di tecnologie che, nel loro reciproco combinarsi, si prefiggono di simulare alcuni meccanismi del pensiero umano per far funzionare delle macchine.

Il Rapporto richiama una tesi del Premio Nobel Economia 1987, Robert Solow, che ci appare condivisibile: «Difficile dire se l’Intelligenza Artificiale determinerà una sorta di rivoluzione tecnologica diversa da quelle che abbiamo già visto in passato. Al momento sembra che si stia configurando qualcosa di molto simile. Ma non sappiamo ancora abbastanza su come si configurerà un’economia basata sull’IA». Insomma, sarebbe troppo presto per dire se e in che misura le nostre (umane, umanissime) paure su questo mostro, fatto di BIT, siano fondate o meno.
L’analisi delle risposte fornite dalle imprese italiane, riportate nel Rapporto, parte quindi da questo elemento: per quanto se ne sappia oggi, tutto quel che si pensa (e dice) è probabile, eventuale, ipotetico. Nessuno, oggi, sa; tutti, oggi, immaginiamo; talvolta parla l’emozione, talvolta la ragione.

Volendo sintetizzare alla goccia il senso delle risposte, a sentirsi maggiormente preoccupati dovrebbero essere tutti i lavoratori che compiono mestieri operativi, ripetitivi. Per dirla con una battuta semplice: tutti quei lavori a bassa intensità di intelligenza naturale offrono il fianco a quella artificiale.
Fra i mestieri “a rischio”, la ricerca mette al primo posto, infatti, gli operai non specializzati.
La cronaca della contemporaneità economica sembra dominare, poi, le menti dei rispondenti. Le altre professioni considerate in prospettiva a rischio, infatti, sono quelle già oggi interessate dalla grande ondata della disintermediazione digitale – ovvero del passaggio di parte, o tutto, dei valori e volumi economici, dal fisico al digitale. Tre le categorie percepite più a rischio nel futuro: i commercianti, sui quali pesa il successo Amazon che tira la crescita dell’e-commerce; i consulenti finanziari, già stressati dal grande universo Fintech; i giornalisti, che già oggi soffrono l’incapacità storica dell’imprenditoria editoriale di reinventarsi.

Sul lato opposto della medaglia siedono, invece, le professioni del futuro; quelle illuminate dal meraviglioso “Sol dell’Avvenir” tecnologico. Nella classifica dei mestieri che dovrebbero crescere ci sono, infatti, quelli legati alla conoscenza teorico-pratica del digitale: Data Scientist, analista informatico, social media manager. A seguire, “vecchi” mestieri che potrebbero trovare, nel territorio nuovo dell’IA, nuovi spazi di successo: ricercatore applicato (R&S), operaio specializzato, tecnici vari. Per questi ultimi, avverte il Rapporto, conditio sine qua non sono la formazione e l’aggiornamento professionale: 96 imprese intervistate su 100 considerano, e non sorprende, indispensabile un tale percorso.

Che considerazioni emergono da questo studio? A nostro avviso tre: semplici e chiare.
La prima è che non è presto per preoccuparsi: non sappiamo come sarà il domani ma ne conosciamo la forma. Digitalizzato. La seconda è che, ad oggi, non si intravede una completa sostituzione macchina-uomo: la linea di difesa, però, s’innalza sempre più e le competenze richieste si fanno più sofisticate che in passato. La terza è che stiamo assistendo alla lenta posa della pietra tombale sul Novecento. Nulla di strano: è già successo prima e, non di rado, proprio per effetto della tecnologia – per esempio, l’elettrificazione del mondo.

Economia, politica e società – questo il mantra dell’Eurispes – sono affluenti comunicanti del medesimo lago: la realtà. L’uno contamina l’altro; si alternano nel contribuire all’alvo. L’Economia deve interrogarsi in merito ai modi di distribuzione della ricchezza, atteso che, probabilmente, il lavoro non ne sarà più il driver primario. La Società sarà presumibilmente ancora più dicotomizzata, sebbene su variabili differenti. Alla Politica il difficile compito di immaginare proattivamente un futuro fatto di queste realtà.
La ricetta, dunque, per la politica, come ogni mestiere, è la stessa. Ciò che serve, ciò che sempre servirà, è la più umana delle capacità: l’immaginazione di un futuro realisticamente realizzabile.

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario