Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

Era lungo 155 chilometri, e non era solo un muro alto 3,60 metri, ma anche un fossato profondo 3,5 metri, un corridoio battuto da ronde e cani da guardia, filo spinato, e un altro muro elettrificato e 302 torri di guardia, 20 bunker e 14mila guardie a presidio di tutto il perimetro. Il Muro di Berlino era più di un muro: era un mondo che portava ad un altro mondo.
Quella che venne definita “l’operazione Rose” scattò a mezzanotte tra il 12 e il 13 agosto del 1961. Migliaia di militari e poliziotti al comando del giovane Honecker iniziarono a costruire il Muro, adducendo necessità di difesa della DDR ed edificando materialmente il simbolo fisico della strenua contrapposizione geopolitica, la guerra fredda, fra imperialismo americano e russo-sovietico. Restò in piedi ben 28 lunghi anni, quel muro. La democrazia federale, pur tra mille contraddizioni socio-economiche, fiorì ad Ovest. A Est dominò invece la più organizzata autocrazia del secolo, all’insegna dello Stato autoritario e la sua temuta e occhiuta polizia “Stasi”, dedita al pervasivo controllo delle vite dei tedeschi orientali e alla ferrea vigilanza sul rispetto del loro divieto di espatrio, punito penalmente, e beffardamente ribattezzato “Fuga dalla Repubblica”.
Considerato un paese con posto di lavoro assicurato da 800 a 1.200 marchi al mese, e una presunta qualità della vita relativamente migliore rispetto ad altri Stati filo-sovietici, la Germania Est cominciò ben presto a declinare, e dagli anni Sessanta si segnalò per eccesso di deficit pubblico, arretratezza dell’apparato tecno-produttivo e persistenti crisi dei consumi. Si calcola che nel decennio pre-muro, i tedeschi orientali emigrati all’estero fossero 3,6 milioni. Questa massiccia emigrazione di quasi un quinto della popolazione della DDR, ebbe un forte significato geopolitico: il rifiuto della legittimità di un regime filo-sovietico su territorio tedesco
Non solo le persone non riuscivano a oltrepassare il muro ma vivevano disagi impensabili in Occidente: nella DDR per avere una automobile antiquata come la Trabant, un comune cittadino poteva attendere anche 10 anni. Honecker e i suoi resistettero al potere ancora per anni, ma quando nel 1989 l’impero sovietico iniziò a sgretolarsi nel suo centro, il muro nella periferia tedesca fu inesorabilmente travolto dalla storia. E per le cinque regioni orientali tedesche (le due Sassonie, il Brandeburgo, la Turingia, il Meclenburgo-Pomerania) si aprì, di lì a un anno, un nuovo capitolo storico nella veste di figlie geografiche di un dio minore della grande madre Germania.
Paradosso della storia, la Germania ha come premier da un quarto di secolo Angela Merkel, che ha vissuto i primi 36 anni della sua vita proprio nella DDR, in Brandeburgo, salvo poi scalare nella Germania riunificata la premiership tra le fila dei cristiano-democratici al governo del paese.
Le famiglie politiche tedesche animano, dalla caduta del Muro, una interminabile querelle sui meriti da attribuirsi per la sua rimozione. Secondo i cristiano-democratici tedeschi, la cortina di ferro non resistette all’attrazione fatale, sui cittadini dell’Est, del successo ad Ovest delle politiche fondate, sin dal Dopoguerra, sul sostegno alla libera iniziativa e ad un poderoso apparato industriale, proseguite, ispirandosi all’economia sociale di mercato, dai governi guidati da Helmut Kohl dal 1982 al 1998.
La replica dei socialdemocratici propone invece una narrazione che considera la caduta del Muro una palese affermazione delle idealità e delle pratiche politiche riformiste a scapito di quelle presunte rivoluzionarie, monopolizzate propagandisticamente ‒ a partire dal secondo decennio del Novecento ‒ da potenti autocrati nell’Urss e, dal Dopoguerra, dai loro accoliti nel satellite DDR. Willy Brandt, Helmuth Schmidt e altri leader della Spd tedesca, all’incapacità di garantire, alla stregua della Repubblica federale, i diritti sociali promessi dai marxisti rivoluzionari nella DDR, opposero le buone condizioni di vita e di progresso raggiunte dalle classi lavoratrici grazie alle conquiste, in Germania Ovest, della socialdemocrazia riformista.
L’eredità del Muro, non è però solo una sofisticata querelle tra intellettuali e partiti politici. La memoria popolare è viva e lo dimostrano le decine di migliaia di tedeschi ed europei che, secondo la stampa tedesca, si sono riunite nella capitale riunita per celebrare anche questo trentesimo anniversario. «Nessun muro che emargini esseri umani e limiti la libertà è così alto o largo da non poter essere abbattuto», ha scandito la cancelliera Angela Merkel parlando al Memoriale del Muro. Le ha fatto eco, dal palco della festa di piazza organizzata dietro la Porta di Brandeburgo, il Presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier : «I nuovi Muri nel nostro Paese li abbiamo costruiti noi stessi e solo noi stessi possiamo abbatterli». Steinmeier e i capi di Stato di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno apposto una rosa, ciascuno in una fenditura orizzontale del Muro ancora conservato al Memoriale sulla Bernauer Strasse, la via delle finestre murate, simbolo delle tragedie umanitarie del Novecento.
Non mancano però le note dolenti. La caduta del Muro e della cortina di ferro che divise l’Europa del Dopoguerra aveva, all’epoca, fatto sperare in un’era di distensione e unità, di disarmo, permettendo l’estensione ovunque del modello delle democrazie liberali. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti sono percepibili nelle pubbliche opinioni. I confini sono parzialmente tornati. A Strasburgo, nel Parlamento europeo volano accuse ai paesi ‒ liberati trenta anni fa dalla glacia comunista, come l’Ungheria o la Polonia ‒ di rimettere in discussione lo stato di diritto. La stessa egemonia tedesca nell’Unione, temuta e paventata da Mitterand nel Novecento e dispiegatasi nel nuovo secolo, non rassicura, per forza ed impatto, gli europeisti, come Jurgen Habermas, attenti alla salvaguardia degli equilibri politici nel vecchio continente.
Una cosa è certa, europeisti o meno, il vecchio Muro vive ancora in altrettanti simbolici muri che separano, a causa del diverso grado di sviluppo, le regioni del vecchio continente nella percezione che alimenta il disagio di milioni di europei. Ciò non toglie che la caduta di quel Muro nel 1989 resti, nella storia mondiale, evento di grande e indelebile rilievo.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento