Grecia-fobia e aumento degli euroscettici: quale futuro per il sogno europeo?

Le ripercussioni di un’Europa sempre più incerta e i contraccolpi di una crisi che ha lasciato segni profondi anche nel nostro Paese sembrano rimettere in discussione la fiducia di quanti fino a poco tempo fa si ritenevano euroconvinti.

Solo un anno fa, infatti, l’Eurispes segnalava come, nonostante la generalizzata sfiducia verso le Istituzioni di casa nostra, il cammino dell’euro continuava a convincere gli italiani, tanto che la maggioranza di essi, il 64,4%, si dichiarava sfavorevole ad una possibile uscita dall’Euro zona. Solo il 25,7% auspicava invece l’abbandono della moneta unica. Oggi la situazione non si è ribaltata drasticamente, ma l’aumento esponenziale di quanti non vedono più nell’introduzione dell’Euro una “benedizione”, dà il segnale che qualcosa sta cambiando. Ad inizio 2015, infatti, quattro italiani su dieci (40,1%) pensano infatti che l’Italia dovrebbe uscire dall’euro.

Non a caso, ad essere più scettici sul futuro dell’Euro sono soprattutto i giovanissimi, dai 18 ai 24 anni (44,6%). Inoltre, l’area politica di riferimento dei cittadini intervistati è un buon misuratore di quanto le dinamiche di tendenza – che si sono innescate nell’ultimo anno – siano anche legate all’azione di comunicazione di quegli schieramenti che hanno fatto dell’idea dell’Italia fuori dall’euro un vero e proprio cavallo di battaglia. Così soprattutto chi è di destra (54,8%) o appartiene al Movimento 5 Stelle (54,2%) esprime la propria delusione nei confronti dell’Euro.

Il 55,5% degli euro-delusi ritiene inoltre sia stata proprio la moneta unica una delle principali cause dell’indebolimento della nostra economia. Altri sono convinti, invece, che l’euro abbia avvantaggiato esclusivamente i paesi europei più ricchi (22,7%) e non si sia affiancata ad un’unione economica una reale unità dell’Europa (21,1%), intesa evidentemente a livello sociale e politico.

Ma quali sono le cause di questa inversione di tendenza? Certamente, esse sono numerose e complesse. Una in particolare sembra legarsi strettamente all’evoluzione della questione del debito greco e della crisi di un paese vicino, non solo geograficamente, all’Italia.

Abbiamo seguito tutti le vicende della Grecia che nell’ultimo anno hanno subìto un’escalation verso il basso quasi impensabile: dal 2007 è stato perso circa un quarto del Pil in termini reali, il debito pubblico è quasi doppio rispetto alla capacità di produrre ricchezza, la crisi del Sistema sanitario ha riportato indietro la Grecia di almeno cinquant’anni e si inizia a morire di malattie curabili; la disoccupazione si attesta su valori impressionanti, la povertà dilaga e colpisce tutte le classi sociali indistintamente. Insomma, le cronache ci restituiscono il quadro agghiacciante di un paese in ginocchio.

In un Rapporto del 18 dicembre scorso l’International Federation of Human Rights (Fidh) denuncia: «Gli obiettivi draconiani di deficit e debito imposti dalla Troika sono stati raggiunti con tagli alle spese pubbliche, inclusi i servizi essenziali come lavoro e sanità, senza alcuna considerazione dei bisogni minimi e senza il rispetto dei diritti essenziali», quasi questo fosse un semplice danno collaterale in una situazione di crisi.

Insomma, sono emersi con chiarezza i timori rispetto alle conseguenze negative che l’introduzione dell’euro e il mercato unico hanno prodotto nei diversi paesi, e dalle quali oggi non sembrano essere più esenti neppure quegli Stati a cui l’Unione ha portato inizialmente maggiori vantaggi.

Purtroppo quello della Grecia-fobia non è un fenomeno creato dai media, ma è una realtà con la quale abbiamo capito di dover fare i conti, perché siamo in Europa e nessuno dei paesi che ne fanno parte può dirsi al riparo rispetto ai meccanismi innescati dalle politiche di unione monetaria prima, e da quelle di austerità seguite alla crisi, poi. In molti ormai si chiedono: “accadrà anche a noi?”. L’assillo di questa domanda ha sicuramente influenzato anche gli orientamenti della nostra opinione pubblica, la quale inizia oggi a riflettere sull’Unione e sulle modalità con le quali l’Italia vi partecipa.

 

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità