Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Giovambattista Palumbo

Green taxes: strumento di salute pubblica e giustizia redistributiva

Ammontano a quasi 50 miliardi di euro all’anno i danni ambientali e sanitari i cui costi si riverberano sulla generalità dei consociati. In un tale contesto, la legge di delega fiscale prevedeva nuove forme di fiscalità (green taxes), al fine di preservare e garantire l’equilibrio ambientale. Tale tassazione doveva essere finalizzata ad orientare il mercato verso modi di consumo e produzione sostenibili. Si prevedeva inoltre la revisione della disciplina delle accise sui prodotti energetici, anche in funzione del contenuto di carbonio, come previsto dalla proposta di Direttiva del Consiglio europeo in materia di tassazione dei prodotti energetici e dell’elettricità. Il gettito derivante dall’introduzione della carbon tax doveva essere destinato prioritariamente alla riduzione della tassazione sui redditi, in particolare sul lavoro generato dalla green economy, e alla revisione del finanziamento dei sussidi alle fonti di energia rinnovabili. Tutto questo, però, è per ora rimasto inattuato.

E questo nonostante che la fiscalità ambientale sia senz’altro una misura infrastrutturale chiave per la crescita sostenibile dell’Italia. La green economy vale infatti circa il 10% del Pil. In relazione all’introduzione di una tassazione ambientale, lo studio dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, Environmental Tax Reform in Europe: implications for income distribution and opportunities for eco-innovation, mette del resto in evidenza come i governi potrebbero diminuire le tasse sul reddito, spingere l’innovazione e tagliare le emissioni, introducendo tasse specifiche e mirate sulle singole attività inquinanti, reinvestendo poi il ricavato nel far crescere l’economia del futuro. A minore impatto ambientale. Le green taxes possono essere inoltre uno strumento d’incorporazione dei costi dei danni ambientali, individuando, ai fini della tassazione, parametri di riferimento, già adottati anche a livello Ue, quale quello della misurazione dell’intensità carbonica per unità di prodotto, o comunque la misurazione delle esternalità negative generate dalle specifiche attività su ambiente e sanità pubblica in primis.

Quindi, di fatto, sarebbe possibile introdurre un’imposta (diretta, magari sotto forma di sovraimposta), che colpisca direttamente i contribuenti (e solo quelli) che, tramite la produzione e/o la vendita di prodotti che creano emissioni inquinanti, scaricano comunque sulla collettività delle diseconomie e dei costi alla cui riparazione è quindi bene che contribuiscano. Questa imposta dovrebbe colpire non direttamente l’attività che dà origine all’emissione di sostanze inquinanti (come accade nel caso delle accise), ma “l’effetto” economico dell’attività e cioè il profitto derivante dalla produzione e/o vendita del prodotto inquinante, che uno (il produttore o il venditore) ottiene a scapito della collettività, che ne subisce gli effetti inquinanti. Perché poi non subiscano però il prelievo i consumatori finali dovrebbe esserci un attento controllo e divieto sulla traslazione dell’imposta in termini di aumento dei prezzi, dando magari alla competente Autorità specifici poteri di controllo e sanzione. Il tutto in applicazione del principio comunitario del “chi inquina paga”, espresso formalmente nell’art. 191 TFUE (e prima nell’art. 174 del Trattato di Nizza). La nozione di tributo ecologico individua così il proprio presupposto nel consumo o nella produzione, o comunque nel rilascio nell’ambiente di una unità fisica suscettibile di produrre un effetto negativo per l’ecosistema. È attraverso questo percorso, in definitiva, che può trovare legittimazione e giustificazione costituzionale il prelievo addizionale, in ossequio, peraltro, ad una nozione di capacità contributiva costruita sul presupposto del primato della funzione solidaristica dell’art. 53 della Costituzione.

Basterebbe dunque introdurre un’aliquota addizionale, che comporti un pagamento parametrato ad indici scientifici, che rapportino i costi esterni ambientali di un’impresa o di un settore al beneficio economico netto direttamente apportato alla collettività dalla stessa impresa, o dallo stesso settore, distinguendo magari l’aliquota di tassazione a seconda del settore economico e del grado di esternalità negativa generato dallo stesso settore a discapito della collettività. L’alternativa a tale sistema impositivo (compensazione delle esternalità negative) potrebbe altrimenti essere una tassazione basata su parametri di riferimento, già adottati a livello Ue, di misurazione dell’intensità carbonica per unità di prodotto.

Alle società che producono o vendono prodotti che presentano un livello di intensità carbonica superiore ai benchmark di riferimento dovrebbe allora essere applicata, sulla quota di profitti derivanti dalla produzione e/o vendita di tali prodotti, un’aliquota Ires addizionale rispetto a quella ordinaria. Il parametro di riferimento sarebbe dunque, in tal caso, l’«impronta di carbonio», la quale corrisponde alle emissioni complessive di gas a effetto serra provocate da un’organizzazione, un evento o un prodotto. Anche questa imposta, pur cambiando, rispetto alla precedente proposta, il parametro di riferimento, colpirebbe il soggetto che inquina. Oggi tale principio è invece completamente sovvertito. Basti pensare infatti che l’accisa sul gasolio è del 25% inferiore rispetto a quella sulla benzina, a parità di contenuto energetico, nonostante però che i costi esterni ambientali delle auto a gasolio siano, in media, del 78% maggiori delle auto a benzina. Intervenire dunque con un razionale sistema di fiscalità ambientale, oltre a maggiori entrate, comporterebbe una sostanziale giustizia redistributiva e un evidente incentivo a buone pratiche di salute pubblica.

 

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica