Italia Paese per vecchi: fuga dei giovani italiani e anche degli stranieri

Una coincidenza numerica che lascia di stucco: tanti sono gli italiani emigrati all’estero, quanti gli stranieri residenti in Italia. Va corretto solo qualche decimale.

Nel 2017 erano infatti 5 milioni e 114mila i nostri connazionali iscritti all’Aire, l’anagrafe di chi risiede oltre i confini della penisola. E 5 milioni e 144mila sono gli immigrati che risiedono in Italia. A riportarlo è il Centro di ricerche e studi Idos, che sottolinea come, purtroppo, ad andarsene siano i più giovani e i più colti, e quando si stabilizzano altrove, allora, si decidono a fare figli. Ma anche i giovani stranieri cresciuti in Italia, cominciano ad abbandonarla per metter su famiglia fuori, magari dopo aver ottenuto la naturalizzazione. Il nostro, insomma, non è un Paese per giovani. Altro che immigrati che vengono a rubare il posto ai ragazzi italiani, come recita un trito ritornello del populismo nostrano. Del resto, ormai, un italiano su quattro ha più di 65 anni.
Ma veniamo ai numeri. Secondo l’Istat, l’anno scorso se ne sono andati in 114mila, un dato che l’Idos ritiene ampiamente sottostimato, visto che gli iscritti all’Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) per la prima volta, nel 2017, risultano essere 243mila: il fatto è che, molto spesso, chi se ne va non si cancella dall’anagrafe. E occorre notare che, l’anno scorso, ben 147mila immigrati sono diventati cittadini italiani, evitando che il calo divenisse voragine. Tra i 243mila iscritti all’Aire per la prima volta, ben un terzo (32,9 per cento) è minorenne (o emigrato o nato all’estero l’anno scorso) mentre il 18,5 per cento ha fra i 18 e i 29 anni. Dunque, la metà degli iscritti ha meno di trent’anni, tre su quattro meno di 45, mentre gli ultrasessantacinquenni sono appena il 7% (fra questi, gli espatriati in Portogallo o in Tunisia per avere la pensione esentasse). Tre emigrati su dieci hanno la laurea o un titolo post universitario, impoverendo così culturalmente il nostro Paese.
Sono ben 88mila gli italiani nati l’anno scorso all’estero. E, in totale, l’Idos calcola che sui citati oltre 5 milioni di connazionali oltreconfine, ben 2 milioni e 18mila siano quelli di seconda e terza generazione. Gli italiani, insomma, hanno una fecondità maggiore fuori che in patria. Un guaio, non riuscire a trattenere con occasioni di lavoro stimolanti e stabili le fasce d’età più fertili. Ma il fatto preoccupante è che entrambe le tendenze, lasciare il Paese da giovani e fare figli altrove, si stanno facendo strada anche fra gli stranieri in Italia: risultano, infatti, nel 2017, 44mila cancellazioni anagrafiche di immigrati, anche questo dato, per le ragioni di cui sopra, sottodimensionato.
E se ne vanno anche i giovani di origine straniera che sono diventati italiani per acquisizione: 25mila, per l’esattezza, tra il 2012 e il 2016, con età media 25 anni e per il cinquanta per cento nati da noi, tre quarti di loro vanno in un altro Paese dell’Unione europea, visto che hanno conquistato la libertà di circolazione. Anche loro pensano, purtroppo, che in Italia non vi sia futuro. «Frustrati nelle loro prospettive di realizzazione, esposti a sfruttamento e a lavori sottopagati, sia nativi che immigrati condividono sempre più il desiderio di andarsene – conclude Luca Di Sciullo, che dell’Idos è Presidente – Non c’è alternativa al rendere anche l’Italia un luogo competitivo di attrazione».

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili