Italia Paese per vecchi: fuga dei giovani italiani e anche degli stranieri

Una coincidenza numerica che lascia di stucco: tanti sono gli italiani emigrati all’estero, quanti gli stranieri residenti in Italia. Va corretto solo qualche decimale.

Nel 2017 erano infatti 5 milioni e 114mila i nostri connazionali iscritti all’Aire, l’anagrafe di chi risiede oltre i confini della penisola. E 5 milioni e 144mila sono gli immigrati che risiedono in Italia. A riportarlo è il Centro di ricerche e studi Idos, che sottolinea come, purtroppo, ad andarsene siano i più giovani e i più colti, e quando si stabilizzano altrove, allora, si decidono a fare figli. Ma anche i giovani stranieri cresciuti in Italia, cominciano ad abbandonarla per metter su famiglia fuori, magari dopo aver ottenuto la naturalizzazione. Il nostro, insomma, non è un Paese per giovani. Altro che immigrati che vengono a rubare il posto ai ragazzi italiani, come recita un trito ritornello del populismo nostrano. Del resto, ormai, un italiano su quattro ha più di 65 anni.
Ma veniamo ai numeri. Secondo l’Istat, l’anno scorso se ne sono andati in 114mila, un dato che l’Idos ritiene ampiamente sottostimato, visto che gli iscritti all’Aire (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero) per la prima volta, nel 2017, risultano essere 243mila: il fatto è che, molto spesso, chi se ne va non si cancella dall’anagrafe. E occorre notare che, l’anno scorso, ben 147mila immigrati sono diventati cittadini italiani, evitando che il calo divenisse voragine. Tra i 243mila iscritti all’Aire per la prima volta, ben un terzo (32,9 per cento) è minorenne (o emigrato o nato all’estero l’anno scorso) mentre il 18,5 per cento ha fra i 18 e i 29 anni. Dunque, la metà degli iscritti ha meno di trent’anni, tre su quattro meno di 45, mentre gli ultrasessantacinquenni sono appena il 7% (fra questi, gli espatriati in Portogallo o in Tunisia per avere la pensione esentasse). Tre emigrati su dieci hanno la laurea o un titolo post universitario, impoverendo così culturalmente il nostro Paese.
Sono ben 88mila gli italiani nati l’anno scorso all’estero. E, in totale, l’Idos calcola che sui citati oltre 5 milioni di connazionali oltreconfine, ben 2 milioni e 18mila siano quelli di seconda e terza generazione. Gli italiani, insomma, hanno una fecondità maggiore fuori che in patria. Un guaio, non riuscire a trattenere con occasioni di lavoro stimolanti e stabili le fasce d’età più fertili. Ma il fatto preoccupante è che entrambe le tendenze, lasciare il Paese da giovani e fare figli altrove, si stanno facendo strada anche fra gli stranieri in Italia: risultano, infatti, nel 2017, 44mila cancellazioni anagrafiche di immigrati, anche questo dato, per le ragioni di cui sopra, sottodimensionato.
E se ne vanno anche i giovani di origine straniera che sono diventati italiani per acquisizione: 25mila, per l’esattezza, tra il 2012 e il 2016, con età media 25 anni e per il cinquanta per cento nati da noi, tre quarti di loro vanno in un altro Paese dell’Unione europea, visto che hanno conquistato la libertà di circolazione. Anche loro pensano, purtroppo, che in Italia non vi sia futuro. «Frustrati nelle loro prospettive di realizzazione, esposti a sfruttamento e a lavori sottopagati, sia nativi che immigrati condividono sempre più il desiderio di andarsene – conclude Luca Di Sciullo, che dell’Idos è Presidente – Non c’è alternativa al rendere anche l’Italia un luogo competitivo di attrazione».

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento