Recensioni

La “lobby delle lobby” ha raggiunto l’obiettivo: lasciare la professione nel grigiore

256
L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

La “lobby delle lobby” ha raggiunto il suo scopo e il suo mondo ufficioso, ma non per questo meno importante e determinante nella formazione, ad esempio, delle leggi e dei processi decisionali, è rimasto dal punto di vista legislativo in un limbo indefinito.
Il volume fresco di stampa di Vincenzo Mascellaro e Carlo Pappagallo (Politica e potere, l’Italia delle lobby, edizioni Minerva, prefazione di Giancarlo Caselli e di Gian Maria Fara), fa il punto su un tema di pungente attualità, affrontando il tema delle lobby in Italia a trecentosessanta gradi.

È il primo volume organico redatto dopo la legge Severino (2012) sul “traffico di influenze illecite”, reato la cui applicazione si è rivelata nei fatti fumosa e vaga. Il provvedimento di regolamentazione generale del settore che avrebbe dovuto fare seguito alla legge è rimasto invece sospeso nel nulla. Una regolamentazione strutturata e organica non è mai arrivata e la professione di lobbista resta ammantata nel grigio della diffidenza con cui viene pronunciata troppo spesso la parola. Il lobbista è un soggetto che l’aneddotica svilisce con definizioni che vanno dal “trafficone” fino al millantatore, quando va bene.

L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

Gli autori spiegano nel dettaglio come, quando e perché si è arrivati alla sistematica demolizione di ogni tentativo di normazione di tale attività. C’è stata una volontà concreta e pervicace di lasciare la situazione nel grigiore dell’indefinito dove tutto è possibile, le leggi in materia sono un albo volontario che è difficile capire anche se sia stato aggiornato. Un puzzle di norme del codice civile sono l’unico appiglio al quale si può fare riferimento. Gli autori, forti della loro esperienza professionale ultradecennale, tracciano il quadro della situazione avvalendosi delle testimonianze di otto autori che offrono il contributo della propria esperienza personale nell’attività di lobbying.
Alla latitanza del nostro Paese fanno da contraltare le discipline degli Stati che hanno già posto rimedio, legiferando e regolamentando l’attività: gli autori li inanellano in un’analisi attenta e puntuale. A pensar male si fa peccato (come ha sentenziato qualcuno), ma il pensiero che la volontà di lasciare questa attività nel grigio dell’indefinito venga proprio dai soggetti che operano in situazioni “borderline” è molto forte.

Ultime notizie
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli