Recensioni

La “lobby delle lobby” ha raggiunto l’obiettivo: lasciare la professione nel grigiore

194
L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

La “lobby delle lobby” ha raggiunto il suo scopo e il suo mondo ufficioso, ma non per questo meno importante e determinante nella formazione, ad esempio, delle leggi e dei processi decisionali, è rimasto dal punto di vista legislativo in un limbo indefinito.
Il volume fresco di stampa di Vincenzo Mascellaro e Carlo Pappagallo (Politica e potere, l’Italia delle lobby, edizioni Minerva, prefazione di Giancarlo Caselli e di Gian Maria Fara), fa il punto su un tema di pungente attualità, affrontando il tema delle lobby in Italia a trecentosessanta gradi.

È il primo volume organico redatto dopo la legge Severino (2012) sul “traffico di influenze illecite”, reato la cui applicazione si è rivelata nei fatti fumosa e vaga. Il provvedimento di regolamentazione generale del settore che avrebbe dovuto fare seguito alla legge è rimasto invece sospeso nel nulla. Una regolamentazione strutturata e organica non è mai arrivata e la professione di lobbista resta ammantata nel grigio della diffidenza con cui viene pronunciata troppo spesso la parola. Il lobbista è un soggetto che l’aneddotica svilisce con definizioni che vanno dal “trafficone” fino al millantatore, quando va bene.

L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

Gli autori spiegano nel dettaglio come, quando e perché si è arrivati alla sistematica demolizione di ogni tentativo di normazione di tale attività. C’è stata una volontà concreta e pervicace di lasciare la situazione nel grigiore dell’indefinito dove tutto è possibile, le leggi in materia sono un albo volontario che è difficile capire anche se sia stato aggiornato. Un puzzle di norme del codice civile sono l’unico appiglio al quale si può fare riferimento. Gli autori, forti della loro esperienza professionale ultradecennale, tracciano il quadro della situazione avvalendosi delle testimonianze di otto autori che offrono il contributo della propria esperienza personale nell’attività di lobbying.
Alla latitanza del nostro Paese fanno da contraltare le discipline degli Stati che hanno già posto rimedio, legiferando e regolamentando l’attività: gli autori li inanellano in un’analisi attenta e puntuale. A pensar male si fa peccato (come ha sentenziato qualcuno), ma il pensiero che la volontà di lasciare questa attività nel grigio dell’indefinito venga proprio dai soggetti che operano in situazioni “borderline” è molto forte.

Ultime notizie
Gioco

Esports, il primo obiettivo è il riconoscimento come DSA. L’intervento

Intervento dell’Avv. Andrea Strata, Direttore Osservatorio Permanente su Giochi legalità e patologie dell’Eurispes, in occasione della Fiera Enada di Rimini Prima di focalizzare...
di Andrea Strata
Cultura

School in motion, il cartoon per educare. “Ma l’insegnante rimane fondamentale”

Scuola e tecnologia, sistema tradizionale dell’istruzione e didattica innovativa: il prossimo 15 maggio si svolgerà a Roma, presso il MAXXI, School in motion. Ne parliamo con Antonello Capra, docente, biologo e ideatore del Festival.
di Valentina Renzopaoli
Crescita

Crescita sostenibile, Paesi BRICS “avanti” con la Nuova Banca di Sviluppo

Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica: dagli Stati Brics arriva la Nuova Banca di Sviluppo, un modello alternativo a quelli occidentali, per promuovere strategie internazionali che hanno come obiettivo una crescita sostenibile.
di Marco Ricceri
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione