Recensioni

La “lobby delle lobby” ha raggiunto l’obiettivo: lasciare la professione nel grigiore

288
L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

La “lobby delle lobby” ha raggiunto il suo scopo e il suo mondo ufficioso, ma non per questo meno importante e determinante nella formazione, ad esempio, delle leggi e dei processi decisionali, è rimasto dal punto di vista legislativo in un limbo indefinito.
Il volume fresco di stampa di Vincenzo Mascellaro e Carlo Pappagallo (Politica e potere, l’Italia delle lobby, edizioni Minerva, prefazione di Giancarlo Caselli e di Gian Maria Fara), fa il punto su un tema di pungente attualità, affrontando il tema delle lobby in Italia a trecentosessanta gradi.

È il primo volume organico redatto dopo la legge Severino (2012) sul “traffico di influenze illecite”, reato la cui applicazione si è rivelata nei fatti fumosa e vaga. Il provvedimento di regolamentazione generale del settore che avrebbe dovuto fare seguito alla legge è rimasto invece sospeso nel nulla. Una regolamentazione strutturata e organica non è mai arrivata e la professione di lobbista resta ammantata nel grigio della diffidenza con cui viene pronunciata troppo spesso la parola. Il lobbista è un soggetto che l’aneddotica svilisce con definizioni che vanno dal “trafficone” fino al millantatore, quando va bene.

L’Italia delle lobby. Eurispes, Ferpi e Artsmedia promuovono la presentazione del volume

Gli autori spiegano nel dettaglio come, quando e perché si è arrivati alla sistematica demolizione di ogni tentativo di normazione di tale attività. C’è stata una volontà concreta e pervicace di lasciare la situazione nel grigiore dell’indefinito dove tutto è possibile, le leggi in materia sono un albo volontario che è difficile capire anche se sia stato aggiornato. Un puzzle di norme del codice civile sono l’unico appiglio al quale si può fare riferimento. Gli autori, forti della loro esperienza professionale ultradecennale, tracciano il quadro della situazione avvalendosi delle testimonianze di otto autori che offrono il contributo della propria esperienza personale nell’attività di lobbying.
Alla latitanza del nostro Paese fanno da contraltare le discipline degli Stati che hanno già posto rimedio, legiferando e regolamentando l’attività: gli autori li inanellano in un’analisi attenta e puntuale. A pensar male si fa peccato (come ha sentenziato qualcuno), ma il pensiero che la volontà di lasciare questa attività nel grigio dell’indefinito venga proprio dai soggetti che operano in situazioni “borderline” è molto forte.

Ultime notizie
Lavoro

Parassiti al Sud? In realtà il Mezzogiorno è più operoso ed eroico del Nord

I meridionali sono inoperosi. Sono degli indolenti e degli scansafatiche. Marco Ascione interprella e analizza i dati, ed emerge una realtà totalmente diversa alla banale "vulgata" comune.
di Marco Ascione
Cultura

Fenomeno Tarantino “pulp e cool”. “Ma la sua violenza è etica e il suo cinema scomodo”

Quentin Tarantino torna nelle sale italiane con C'era una volta...a Hollywood (Once Upon a Time...in Hollywood). Attesa altissima per il nono film del regista che, fin dal suo folgorante esordio, ha “scritto” un nuovo modo di fare cinema. Qual è, quindi, l'impatto che il cinema di Tarantino ha avuto dagli anni Novanta ad oggi? Ne parliamo con Gianluca Pelleschi, redattore della rivista di cinema online Gli Spietati.
di Raffaella Saso
Economia

Governo e Sud, Saverio Romano: “Ferrovie, Anas, Eni investano come fanno al Nord”

Il Governo Conte bis ha dedicato al Sud il punto numero 19 del suo programma, indicando la necessità di «lanciare un piano straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro». Si tratta di «enunciazioni di principio, alle quali spero seguano fatti», commenta Saverio Romano, ex Ministro delle politiche agricole, che guida il Dipartimento Mezzogiorno dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Il punto

“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, ecco come si formano i giovani finanzieri. Gen. Ricozzi: «Il primo insegnamento è il rispetto»

Guida gli Istituti di formazione che preparano e addestrano i giovani aspiranti finanzieri: uomini e donne che, nel Corpo della Guardia di Finanza, sono chiamati a tutelare i princìpi e i valori della Costituzione economica. Il Generale Carlo Ricozzi, Ispettore per gli Istituti di Istruzione, spiega a L'Eurispes.it che il primo insegnamento è il «rispetto delle persone, della legalità e del diritto».
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Social media come le slot machine. L’attesa di un like è come quella di una vincita in denaro

Social media e gioco d'azzardo: alcune ricerche dimostrano che il meccanismo di dipendenza è simile, grazie a veri e propri “trucchi” psicologici che alimentano il cosiddetto “loop ludico”.
di Alfonso Lo Sardo
Gioco

Fortnite: chi è Edoardo alias Carnifex, il campione italiano pagato per giocare

Esports: chi è Edoardo Badolato, il 24enne italiano arrivato sesto al Campionato del mondo di Fortnite. Nato e cresciuto a Bergamo, in arte Carnifex, racconta a L'Eurispes.it perché ha scelto questa strada.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Governo Conte, Bombardieri (Uil): “Il lavoro è la priorità. Zingaretti al posto di Salvini? Tratteremo allo stesso modo”

Governo giallorosso ai nastri di partenza. Pd e Movimento 5 Stelle alleati per “rendere l’Italia migliore”. Ma quali sono i dubbi, le prospettive, le difficoltà all’orizzonte? E quali sono le misure che potrebbero favorire la crescita e la tutela del lavoro? Lo abbiamo chiesto a Pierpaolo Bombardieri, Segretario generale aggiunto della Uil.
di Valentina Renzopaoli
Informazione

Tempi da guru. Il “caso Panzironi”

Ho visto Panzironi. Cioè, non lo sapevo che quel tizio fosse Panzironi e, a dirla tutta, non sapevo nemmeno chi fosse, questo...
di Alberto Mattiacci
Cultura

Induismo, “C’è ignoranza e superficialità. Bisogna riscrivere i libri di scuola”

Gli induisti stranieri in Italia sono circa 150mila; a loro si aggiungono tra i 30 e 50mila italiani che hanno aderito ai valori, alla filosofia, al culto dell'Induismo. Una religione che affascina molti, ma sulla quale c'è una conoscenza molto approssimativa. Ne parliamo con Svamini Hamsananda Giri, Vice presidente dell'UII.
di Valentina Renzopaoli