Criminalità e contrasto

Evasione fiscale cyber-crime. Valore probatorio per i documenti digitali: l’ultima frontiera

70

L’Irs (l’Agenzia delle Entrate Usa) ha creato, nel 2018, una speciale unità per i crimini informatici, che ha effettuato, nell’anno, più di 500 perquisizioni e requisito quasi 2 miliardi di byte, 1.900 pc e 1.800 dispositivi mobile. In totale, un volume di 2 miliardi di dollari recuperati o posti sotto controllo delle autorità. L’Irs aveva iniziato a sviluppare un programma sperimentale sui crimini informatici per affrontare la crescita esponenziale della criminalità informatica, che ha impatto sui sistemi fiscali, finanziari ed economici, già dal 2015. E però solo nel 2018 è nata una effettiva ed autonoma Cyber Crime Unit (CCU), con sedi a Los Angeles e Washington D.C, composta da due gruppi operativi di agenti speciali. Naturalmente, come per tutti i tipi di crimini all’interno dell’area di responsabilità dell’Irs, gli agenti speciali che lavorano su indagini sui crimini informatici usano la stessa strategia “follow the money” già utilizzata in vari casi, tra cui Silk Road, Mt. Gox, Alphabay, BTC e Backpage.com.
In sostanza, nei 3 anni passati il fisco Usa ha esteso il suo campo d’intervento sulle seguenti tipologie di indagine: intrusione di dati, compromissione di e-mail aziendali, schemi di phishing, acquisizioni di conti bancari e perdita di dati; vendita, acquisto e compromissione di informazioni personali tramite Internet; schemi basati sull’impiego di valute virtuali e riciclaggio di denaro; proprietari, amministratori e grandi venditori connessi alle aree del “Dark web”; finanziamento del terrorismo tramite l’uso di moneta virtuale, reti di rete e altri mezzi online per raccogliere fondi, riciclare i proventi illegali e incanalare denaro per le organizzazioni terroristiche.
E il tema sta assumendo ormai rilevanza anche in Italia per quanto attiene, ad esempio, al profilo del valore probatorio dei mezzi di prova digitali (come, ad esempio, la lista Falciani) e della documentazione extracontabile digitale in genere, laddove, già con la sent. n. 3388 del 12 febbraio 2010, Sez. tributaria, la Suprema Corte ha stabilito che le notizie e gli elementi desunti e legittimamente ricavati dall’esame dei supporti informatici e dai file elettronici, che contengono dati contabili ed extra-contabili, sono utilizzabili ai fini della determinazione e della rettifica del reddito. La documentazione extracontabile digitale, benché sia ontologicamente e giuridicamente equiparabile alla documentazione extracontabile analogica, appare caratterizzata da profili di peculiare problematicità. In particolare, appaiono delinearsi due distinte tematiche, strettamente interconnesse: da un lato, il tema dell’acquisizione “irrituale”; dall’altro lato, il fatto che l’acquisizione di documentazione extracontabile digitale richiede specifiche modalità procedurali di carattere tecnico.
Procedere all’estrazione di file da supporti informatici è, infatti, un’operazione non certo equiparabile, per complessità e natura, all’acquisizione di un documento analogico, anche considerato che dalla documentazione acquisita nel corso di una verifica fiscale possono emergere anche risultanze penalmente rilevanti. Pertanto, andrebbe garantita, sin dall’esercizio dei poteri di polizia tributaria (per esempio, nell’ambito delle verifiche dell’Agenzia delle Entrate), la messa in atto di accorgimenti tecnici atti a garantire, poi anche in sede penale, la piena utilizzabilità delle evidenze digitali. Solo con procedure chiare e specifiche garanzie la documentazione extracontabile digitale avrà, quindi, un indubbio valore probatorio e potrà essere utilizzata a fini sia tributari sia penali. Come, infatti, hanno capito negli Usa.

Ultime notizie
Società

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo