L'opinione

L’Europa e la questione siriana: tra guerra e diritto

128

La drammatica situazione relativa al costante flusso di migranti che sta interessando l’intera Europa e la connessa questione siriana hanno indotto Regno Unito e Francia a dichiarare la loro volontà di colpire, mediante raid aerei, le postazioni Isis in territorio siriano.

Tuttavia la decisione incontra delle serie perplessità se ci si pone nell’ambito del diritto internazionale. Incertezze emerse anche a settembre dello scorso anno quando sono iniziati i raid della coalizione anti Isis, guidata da Washington, in Iraq e Siria.

Va ricordato che l’art. 2 par. 4 della Carta delle Nazioni Unite prevede che “i membri devono astenersi nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza, sia contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, sia in qualunque altra maniera incompatibile con i fini delle Nazioni Unite”.

Nonostante la disposizione contenuta nel citato articolo, in determinati casi tale divieto è oggetto di eccezioni che lo rendono inattuabile. Queste sono rappresentate: dalla legittima difesa; dall’uso delle forza autorizzato dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite; dal consenso dell’avente diritto; dall’intervento a protezione dei cittadini all’estero; dal cosiddetto “intervento di umanità”.

Appare chiaro che l’esimente della legittima difesa individuale (art. 51 Carta N.U.) non possa essere utilizzata in questo contesto in quanto la stessa prevede, come prima condizione, che lo Stato interveniente sia stato oggetto di un attacco armato oppure vi sia l’imminenza dello stesso (legittima difesa preventiva). Si potrebbe argomentare che, essendo l’Isis una organizzazione terroristica (sulla qualificazione di tale entità ci sarebbe forse da discutere), la quale minaccia costantemente attacchi nei Paesi occidentali, il requisito della imminenza sarebbe rispettato. Tuttavia resterebbe difficile provare concretamente la reale imminenza di un attacco posto che con tale termine ci si riferisce al nesso stringente di prossimità tra l’azione e l’attacco da prevenire.

Proseguendo, non vi è stata nessuna autorizzazione del Consiglio di Sicurezza ad effettuare attacchi aerei in Siria, il che porta ad escludere l’applicabilità anche di tale eccezione.

Stessa situazione per quanto riguarda il consenso dell’avente diritto. Il Presidente siriano Bashar Al Assad non ha richiesto l’intervento degli Stati Uniti (e della coalizione che la stessa guida), della Francia o del Regno Unito sul proprio territorio. Almeno non ufficialmente. È possibile invece riscontrare il consenso dell’avente diritto relativamente all’intervento in Iraq, dove lo stesso governo ha richiesto l’aiuto della comunità internazionale in funzione anti-Isis.

Va altresì esclusa la motivazione della protezione di cittadini all’estero in quanto questa eventualità non rispecchia l’attuale situazione nell’area.

Infine vi è il cosiddetto intervento di umanità. L’uso della forza esercitato sulla base di tale esimente è volto a proteggere i cittadini dello Stato territoriale da trattamenti inumani e degradanti. Tuttavia un tale intervento, se non autorizzato dal Consiglio di Sicurezza, è da considerarsi illecito secondo la dottrina maggioritaria.

In relazione a tale causa di giustificazione si parla spesso di dovere di ingerenza umanitaria. Questo tipo di motivazione è stata utilizzata in diverse occasioni passate per giustificare l’intervento armato in determinati contesti (si pensi all’intervento volto a tutelare le popolazioni curde e sciite nell’Iraq post guerra del Golfo 1991, oppure all’intervento della NATO contro la Repubblica Federale di Iugoslavia per proteggere la popolazione kosovara di etnia albanese contro gravi violazioni dei diritti fondamentali). Tuttavia, nonostante l’apprezzamento morale che può seguire ad un intervento fondato su tali motivazioni, non esiste una base giuridica che possa ricondurre nell’ambito dell’internazionalmente lecito un tale tipo di intervento, se non nel caso in cui questo sia il risultato dell’operatività di una delle precedenti cause di giustificazione elencate o di una esplicita autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Appare chiaro dunque che, sulla base del diritto vigente, un ruolo chiave dovrebbe essere ricoperto dalle Nazioni Unite le quali, tramite il Consiglio di Sicurezza, possono autorizzare ex capitolo VII della Carta un intervento militare. Ciò in quanto l’emergenza umanitaria è ormai considerata una minaccia alla pace, il cui mantenimento è sancito dall’art. 1 della Carta suddetta.

La breve ricognizione dei principi di diritto internazionale appena effettuata risulta utile per svolgere alcune considerazioni sulle dichiarazioni di Inghilterra e Francia più sopra riportate.

Appare abbastanza palese che la decisione di intervenire militarmente in Siria abbia un duplice obiettivo: il primo è quello di eliminare la minaccia rappresentata dallo Stato Islamico e il secondo è quello di rovesciare il Presidente Assad accusato di crimini contro l’umanità e ritenuto il principale responsabile della situazione attualmente esistente nel Paese.

Tuttavia, sulla base di quanto descritto, non sussistono attualmente le condizioni per consentire un intervento armato che sia aderente alle norme di diritto internazionale.

Qualora anche si volesse spostare la questione in ambito ONU ci si troverebbe davanti a un ulteriore ostacolo. Come noto le decisioni del Consiglio di Sicurezza devono prevedere il voto favorevole di nove membri dello stesso nel quale siano compresi i voti dei cinque membri permanenti, ognuno dei quali può esercitare il proprio diritto di veto.

È ragionevole pensare che la Russia eserciterebbe il proprio diritto di veto su qualsiasi decisione che il Consiglio volesse prendere in una generale prospettiva anti Assad. Eventualità già verificatasi nel 2013 relativamente alla red line proposta dal presidente U.S.A. come conseguenza dell’utilizzo di armi chimiche da parte del presidente siriano.

La Russia infatti è un prezioso alleato della Siria, ed è notizia proprio di questi giorni che Putin abbia ordinato la costruzione di un centro di controllo del traffico aereo vicino Latakia nonché di unità abitative per il proprio personale presso una base siriana, a conferma del suo concreto impegno al fianco del suo alleato mediorientale che gli garantisce, attraverso la base navale di Tartus, l’unico sbocco sul Mediterraneo. Inoltre non va dimenticato il ruolo dell’Iran che in questo contesto, forte dell’accordo sull’alleggerimento delle sanzioni stipulato recentemente, si pone sull’asse russo-siriano, fornendo supporto militare al presidente siriano, perseguendo altresì l’ambizione di acquisire un importante peso geopolitico nell’area.

La complessità della situazione evidenzia la crisi sia ideologica che operativa in seno alle Nazioni Unite. Non è possibile giungere ad un’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza senza un coordinamento di fini diplomatici disegnato ad hoc per la Siria. Qualunque intervento militare deve prevedere un end state che attualmente non collima con gli interessi delle nazioni in gioco.

L’iniziativa di parte andrebbe a violare il diritto internazionale indebolendo ancora di più l’intera struttura normativa disciplinante i rapporti tra Stati che, in situazioni di crisi come questa, dovrebbe auspicabilmente essere solida e condivisa da tutti. L’uso della forza potrebbe causare invece un peggioramento della situazione interna del Paese a favore della propaganda terrorista.

Da lodare la posizione assunta dal nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il quale ha escluso una partecipazione dell’Italia all’iniziativa franco-britannica incoraggiando gli Stati coinvolti a trovare una soluzione diplomatica al problema.

 

 

Altre opinioni dell'Autore
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Sicurezza

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario
Video

Zavoli, il socialista di Dio

      Non ho ricordi personali di Sergio Zavoli, se non la sua firma sotto la mia lettera di assunzione in Rai, 36 anni...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Un piano straordinario di investimenti pubblici

«Quello che serve è un piano straordinario di investimenti pubblici, finalizzato al riassetto del Paese. Un piano che acquisti evidenza per ampie...
di Gian Maria Fara
Il punto a Mezzogiorno

Mezzogiorno: tre strade per ribaltare un destino già segnato

Secondo Nino Foti, Presidente della Fondazione Magna Grecia, sono tre i passaggi obbligati per riuscire a riempire di contenuti e progettualità una “partenza nuova” alla quale in qualche modo ci obbliga il Recovery Fund per il Mezzogiorno.
di Nino Foti
scuola

Scuola, rischio abbandono con l’emergenza Covid. Le misure di sicurezza rischiano di favorirlo

Scuola, la chiusura forzata ha modificato profondamente le abitudini degli studenti e il lockdown potrebbe avere come effetto negativo l’aumento repentino degli abbandoni scolastici.
di Ilaria Tirelli
Ambiente

Bonus bici, impennata delle vendite. Ma l’Italia è un Paese bike friendly?

Il “bonus mobilità” – dedicato all’acquisto delle due ruote, ma anche monopattini elettrici, stabilito dal Governo nel decreto Rilancio –, ha fatto impennare le vendite che si stima, da maggio, siano state tra le 500 e le 600mila.
di Valentina Renzopaoli