L'opinione

Radicalizzazione lampo e movimenti xenofobi all’orizzonte

59

Il 14 luglio continuerà ad essere una giornata ricordata dai libri di storia. Se fino a giovedì scorso rappresentava il momento di passaggio dall’Ancien Regime ad una impostazione di Stato più inclusiva e democratica, da ora in poi verrà ricordata anche come la giornata del massacro di innocenti.

Un massacro difficile da interpretare ed analizzare applicando gli strumenti fino ad ora in nostro possesso. Un episodio che vira dalle dinamiche soggettive ed oggettive con le quali ci eravamo abituati a fare i conti. L’attacco a Nizza assume infatti delle peculiarità meritevoli di essere analizzate.

Il profilo dell’attaccante inizia solo in queste ultime ore a delinearsi con più precisione e dalle evidenze investigative emerge una personalità sofferente, con un passato familiare turbolento fatto di minacce, violenze, separazioni, nonché di crimini comuni. Un profilo non per forza sospettabile di legami con qualche organizzazione terroristica, tant’è che era sconosciuto ai Servizi di Informazione francesi. Eppure Mohamed Lahouaiej Bouhlel risulta essere colui che è riuscito a fare più vittime rispetto a tutti i suoi predecessori che hanno agito in terra di Francia. Considerato inizialmente un uomo che non appariva particolarmente rispettoso dei precetti islamici, che non mostrava segni di adesione a questa o quella ideologia, un soggetto problematico sicuramente ma non per questo potenzialmente sospettabile di avere legami con il terrorismo.

Approfondendo emerge però un profilo differente, ossia quello di un soggetto radicalizzatosi molto velocemente grazie all’utilizzo del web quale rapido e potente mezzo di indottrinamento mediante il quale ha trovato il modo di sfogare la sua rabbia e insoddisfazione, aderendo molto velocemente alla causa jihadista come giustificativo del suo gesto estremo e folle. Un terrorista “sofferente” che ha colto il messaggio ideologico diffuso dai maestri della comunicazione dello Stato Islamico e si è lasciato trascinare dalla possibilità di redimersi e dare un senso alla propria vita, apportando un ulteriore vantaggio al disegno strategico di ISIS. Il tutto molto rapidamente, nemmeno il tempo di farsi crescere la barba, elemento questo caratteristico del processo di radicalizzazione.

Per quanto riguarda la tecnica utilizzata è chiaro come egli abbia usato lo strumento più semplice ed efficace a sua disposizione: un camion; il terrorista era infatti un autotrasportatore. Con un minimo di attività logistica e “intelligence” egli è riuscito a realizzare uno degli attacchi più devastanti compiuti da un uomo solo sul territorio europeo.

Trascorsi i giorni necessari per ripristinare l’equilibrio emotivo scosso da tali eventi, ci si accorgerà che la conseguenza di un tale episodio sarà quella di rendere l’intera Europa una nuova Israele, dove la presenza militare sarà sempre più invasiva. L’attacco di giovedì infatti porta alla mente gli episodi registrati a Gerusalemme da diversi anni a questa parte; qualcuno l’ha denominata la car-jihad. Ciò porterà ad un intensificarsi dei contrasti interni agli Stati tra fazioni politiche che propongono soluzioni diametralmente opposte. Il rischio è quello di provocare il risorgere di un estremismo di destra xenofobo che, aderendo ad un’interpretazione distorta del cristianesimo, compirà aggressioni sia contro gli extracomunitari che contro le Istituzioni colpevoli di non essere state in grado di arginare il fenomeno e proteggere la popolazione.

Non c’è modo però di sconfiggere il terrorismo se non attraverso la combinazione di metodi tradizionali e nuovi. Maggiori controlli nelle zone abitate da comunità islamiche che dovrebbero in qualche modo collaborare con le forze di polizia e l’intelligence al fine di scovare soggetti collegati ad organizzazioni terroristiche; maggiore controllo delle comunicazioni telefoniche ed informatiche nonché dei traffici di denaro attraverso strumenti tradizionali e non. Il tutto si traduce quindi in una maggiore combinazione tra humint e tecnologia.

Sacrificheremo la nostra privacy per una buona causa. La sacrificheremo per non vedere più un telo argentato che copre il corpo esanime di un bambino che fino a mezz’ora prima spalancava gli occhi con sorpresa ed entusiasmo di fronte a dei bellissimi fuochi d’artificio.

(*)Ha collaborato Andrea Strippoli Lanternini

Altre opinioni dell'Autore
Lavoro

Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone. Nelle regioni del Mezzogiorno il record negativo.
di Alfonso Lo Sardo
Sicurezza

Il tesoro nascosto dei big data. Ecco quanto vale ciascuno di noi

I big data sono la nuova, vera, ricchezza dell’economia globale. Perché le informazioni sono denaro. Ma quanto valgono davvero questi dati? E...
di Giovambattista Palumbo
Sicurezza

Immigrazione, dall’epoca dell’emigrazione al decreto Salvini. La ricostruzione

Migranti e immigrazione: intervento del Generale Tullio Del Sette, Presidente Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes al convegno “Dialogo permanente sulle immigrazioni”.
di Tullio Del Sette
Fisco

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso
di Giovambattista Palumbo
Innovazione

Il Dna segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google. “The Four”

Amazon, Apple, Facebook e Google, i “quattro cavalieri” del Potere, alla base della profonda rivoluzione della digital transformation. Qual è la loro missione e dove stiamo andando? Scott Galloway ne parla nel suo libro The Four I Padroni
di Alberto Mattiacci
Politica

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I vigili del fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato dal governo, non ha toccato questi due gravi problemi, e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre forze dell’ordine continua.
di Corrado Giustiniani
Innovazione

La città del futuro? Facciamo pagare le tasse ai robot

Città “sensibili” e non solo “smart”, tecnologicamente intelligenti ma a misura di cittadino. L'intervista a Carlo Ratti, architetto e urbanista, autore del saggio “Città di domani”
di Massimiliano Cannata
Fisco

Def, politica e debito pubblico: partiamo dal fisco

Bufera sul Def. In 23 punti elenchiamo quelli che potrebbero essere i cardini di una rivoluzione fiscale
di Giovambattista Palumbo
International

“Ponti, non muri sulle migrazioni”. Esperti italiani e russi a confronto

La migrazione oggi: le sfide per l'Italia, la Russia e l'Europa. Esperti italiani e stranieri a confronto sui problemi dell'immigrazione, della cittadinanza e delle questioni culturali e demografiche.
di Corrado Giustiniani
Economia

Festa dei Nonni, un “bancomat sociale” per le emergenze

Festa dei Nonni: per oltre 7 italiani su 10 contribuiscono al sostegno economico della famiglia. Nella crisi sono stati una sorta di “bancomat” per le emergenze e la loro casa un posto sicuro dove tornare
di redazione