L’Uzbekistan è più vicino. Accordo di collaborazione con l’Eurispes

L’Uzbekistan, che sta attraversando una fase di grande sviluppo economico, ha scelto l’Eurispes come “partner” di studio e analisi per valutare possibili forme di collaborazione future e, in seguito ad un incontro avvenuto presso la sede di Roma, è stato stipulato un accordo di collaborazione.

È stata la prima volta che l’Eurispes riceveva una rappresentanza proveniente da questo paese collocato in una posizione strategica, al centro della realtà euroasiatica. Presentata dal delegato dell’Ambasciata uzbeka in Italia, il Consigliere Rustam Kayumov, la delegazione era composta dai dirigenti del prestigioso Development Strategy Center, centro di analisi, studi e progettazione a sostegno dell’azione governativa, inserito tra i migliori Think Tank del mondo nel Rapporto annuale elaborato dall’Università di Pennsylvania (Usa): il Direttore on. Eldor Tulyakov, deputato al Parlamento uzbeko, e il capo della Divisione Progetti Sherzod O. Ata-Mirzaev. La delegazione è stata accolta dal Segretario generale dell’Eurispes, Marco Ricceri, e da due esperti del Laboratorio Brics: l’Ing. Giorgio Toscani (pianificazione territoriale) e il Prof. Giuliano Bifolchi, co-fondatore di Asrie, associazione specializzata nello studio della realtà euroasiatica.

Costituito nel 2017 in base ad un decreto del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan, il “Centro per la strategia dello sviluppo” è fortemente impegnato nel promuovere progetti ed azioni nelle cinque aree prioritarie di sviluppo individuate dal Governo uzbeko: ammodernamento delle strutture dello Stato, riforma del sistema giudiziario, rafforzamento dell’economia di mercato con particolare attenzione alla diffusione delle piccole e medie imprese nel sistema produttivo, promozione sociale, sicurezza, armonia tra i gruppi etnici, tolleranza religiosa. Un’azione complessa che richiede un approccio di tipo sistemico nella valutazione dei problemi da affrontare; approccio conforme al metodo di studio e analisi dell’Eurispes.

Per rendere più efficace ed incisiva la propria complessa iniziativa, il Centro uzbeko ha avviato una intensa attività a livello internazionale finalizzata a valutare le soluzioni migliori adottate nelle realtà più avanzate ed a costruire una rete di collaborazioni con i centri e le organizzazioni di maggior prestigio.

L’incontro con l’Eurispes ha consentito un approfondito confronto sulle rispettive iniziative, progetti e metodi di lavoro ed ha portato alla definizione di un Accordo di collaborazione (MOU) tra i due Istituti, firmato, per la parte italiana, dal Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara.

L’Uzbekistan è uno Stato indipendente dal 1991 (prima di questa data faceva parte dell’Unione Sovietica), con una popolazione di circa 33 milioni di abitanti (è lo Stato più popoloso dell’Asia centrale), la capitale è Taskhent; un paese che, negli ultimi dieci anni, ha registrato tassi di sviluppo segnati da un incremento medio annuo del Pil pari all’8%. Una realtà in grande e rapida evoluzione, dunque, impegnata in un vasto processo di modernizzazione.

Il “Centro per la strategia dello sviluppo” è uno dei motori di questo impegno alla accelerazione della crescita ed opera in base ad un programma stabilito per il periodo 2017-2021 ispirato al principio: “Affrontiamo insieme lo sviluppo”.

L’Uzbekistan ha una collocazione geografica di grande importanza perché si trova al centro di un sistema complesso: confina infatti con Kazakistan, Tagikistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Afghanistan. Siamo, in sostanza, nel cuore del sistema euroasiatico, lungo la Via della Seta, oggetto di grandi progetti infrastrutturali. Una realtà che mantiene ottimi rapporti sia con gli Stati Uniti (basi militari, stabilimenti della General Motors) sia con la Russia (centrali nucleari per energia ad uso civile); un paese che ha grandi risorse naturali, in primis il petrolio e il gas, molte bellezze storiche ed artistiche “Patrimonio dell’Umanità”, in particolare nelle città di Samarcanda e Bukhara, in grado di attrarre sempre più turisti da tutto il mondo: 5,3 milioni nel 2018, per l’esattezza, una cifra raddoppiata rispetto al 2017.

Nella valutazione del Direttore Eldor Tulyakov, dall’Italia possono arrivare stimoli e contributi importanti allo sviluppo dell’Uzbekistan, a cominciare dalla diffusione del sistema produttivo delle piccole e medie imprese, dalle esperienze nello sviluppo delle economie locali, dalla tradizionale capacità di valorizzazione dei beni storici ed artistici. Molti sono, a suo avviso, gli àmbiti nei quali l’eccellenza italiana e una più intensa ed organica collaborazione tra i due paesi potrebbero dare degli ottimi risultati. E l’Eurispes, a suo avviso, può rappresentare il migliore canale di comunicazione possibile.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili