Milena Gabanelli: “La Rai dimentica il popolo di Internet”

E’ davvero informazione di qualità, quella fornita oggi dai nostri media? Iniziamo con Milena Gabanelli un ciclo di interviste sul tema. Giornalista investigativa per eccellenza, Milena nel 1997 ha inventato “Report”, che ha diretto per vent’anni, per poi lasciare la Rai. Ma, secondo voci raccolte da “La Stampa”, nella nuova situazione politica starebbe per farvi ritorno. “Non ne so nulla – risponde – Il mio impegno è ora col Corriere della Sera, dove sto lavorando a un modello di approfondimento pensato per il web e i social”.

I reati sono in calo ormai da quattro anni, ma la paura cresce. Colpa dei politici populisti o anche dei nostri media pigri, che non orientano correttamente i cittadini?
“La colpa è dei partiti meno populisti che, una volta compresa la forza del tema sicurezza, anziché smorzarlo, lo hanno cavalcato pure loro. Aggiungiamo che l’informazione è pigra e l’istituzione che aveva i dati non li ha inspiegabilmente tirati fuori”.

Secondo un recente sondaggio Eurispes, il 71 per cento degli italiani sovrastima gli immigrati. I media contrastano questa percezione sballata?
“Molti giornali, telegiornali, talk show hanno spiegato in modo chiaro, ma questo è un tema dove vince chi alza di più la voce, e comunque noi paghiamo una perdita di credibilità. Bisogna ripartire da lì”.

C’è chi oggi assimila la professione del giornalista a quella del vigile urbano, alle prese con un traffico di interviste e di dichiarazioni da veicolare.
“Questo è quello che chiedono gli editori, i telespettatori, gli utenti. Vale il principio del supermarket: se non vendi chiudi, e se il cliente preferisce le chiacchiere, i sentito dire e pettegolezzi, glieli dai. Per questo il servizio pubblico ha un ruolo cruciale, avendo anche il bacino di utenza più vasto. Ma la politica lo ha “spiumato” e al giornalista piace compiacere la politica perché così fa carriera. Siamo tutti colpevoli, quota parte”.

Calano le copie vendute dai giornali.  Perché la gente misura le spese, perché ci sono mille altre fonti di informazione gratuite, o perché non li ritiene all’altezza?
“Non saprei rispondere. Il Corriere è cresciuto, il New York Times ha puntato sulla qualità ed ha ripreso quota. Sono molti i fattori che incidono, ma non c’è dubbio che alla lunga la qualità premia. Alle spalle però ci vogliono un direttore e un editore disponibili ad investire sul lungo periodo”.

Nell’ultima campagna elettorale, e nei mesi che l’hanno preceduta, i media “mainstream” non sono stati teneri con i 5 Stelle, che però hanno vinto le elezioni. Vuol dire che il peso e l’influenza politica, ad esempio dei telegiornali, è in calo?
“Non mi risulta che i telegiornali Rai, per esempio, abbiano avuto un atteggiamento ostile, direi piuttosto che hanno confezionato il solito pastone, e quindi ininfluente”.

C’è chi dice che in questi ultimi giorni i media siano più cauti perché non sanno bene a chi dovranno bussare per chiedere provvidenze a Palazzo Chigi. E’ verosimile?
“E’ verosimile”.

A partire dal 2009 gli editori hanno potuto prepensionare centinaia di  giornalisti. Questo può aver influito sulla qualità del prodotto?
“Non conosco in modo approfondito la questione, quindi la mia è un’opinione: l’età fa l’esperienza, e come in tutti i settori, ha il suo peso. Se levi di mezzo i più anziani e li rimpiazzi con i giovani hai certamente dei vantaggi (sotto il profilo tecnologico per esempio, che è cruciale), ma finché non si sono fatti le ossa i contenuti sono inevitabilmente meno profondi e completi”.

E’ ancora possibile riconvertirsi alle “slow news”, notizie approfondite, che richiedono tempi di elaborazione più lunghi, investigazione, confronto di fonti?
“Credo che sia possibile tutto, dipende dagli obbiettivi e dalla capacità e determinazione di una squadra. Il caso Mediapart è esemplare”. (Vedi nota a fine articolo).

La strapotenza dei social media, Facebook in testa, ha portato a un’esplosione di fake news. I media tradizionali, per difendere il diritto dei cittadini alla corretta informazione, non dovrebbero introdurre tutti un servizio anti-bufale, o fact-checking, come si usa dire oggi?
“Credo che il modo migliore di combattere le “fake news” non sia quello di parlarne in continuazione, ma di usare il tempo a produrre “news””.

Più in generale, il futuro dei nostri media non sta nel concentrare le forze verso un obiettivo di “certificazione” delle notizie?
“Sono d’accordo, l’unico investimento duraturo è quello sulla reputazione”.

La Rai è al passo con l’era dei siti web e dei social media?
“Il servizio pubblico è inadempiente, perché tutti pagano il canone, ma non offre una informazione online a quel 30 per cento della popolazione che non si informa più attraverso i TG. Questo avviene nonostante la sua potenza di fuoco di 1600 giornalisti, di cui la metà capillarmente collocati sul territorio. La ragione ufficiale è dovuta al fatto che non potrebbe (così dicono la dirigenza Rai e i il Cda) varare una nuova testata informativa prima di chiuderne delle altre inutili. Da quel che leggo, in compenso stanno varando, su proposta della Presidente Maggioni, un nuovo canale o testata di informazione in lingua inglese. A dirigerlo, naturalmente, sarà la stessa Maggioni”.

Nota della redazione: Mediapart (www.mediapart.fr), citato da Milena Gabanelli, è un sito francese di giornalismo investigativo, fondato il 16 marzo di dieci anni fa dall’ex direttore di Le Monde Francois Bonnet. Rifiuta la pubblicità e si finanzia unicamente con gli abbonati, saliti ora a quota 140 mila. Nel 2017 ha aumentato del 20 per cento il fatturato, giunto a 13,7 milioni di euro. Dà lavoro a 77 persone, di cui 45  giornalisti. Sul suo sito si trova un’offerta di abbonamento per dieci mesi al costo di 10 euro.

Ultime notizie
isole
Intervista

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto pubblico internazionale all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web