Minacce asimmetriche: la soluzione “d’intelligence” della Russia

Il 3 aprile 2016 il Presidente Putin ha annunciato l’Istituzione della Guardia Nazionale russa. In primo luogo, diamo un’occhiata a forze e unità che saranno raggruppate nella Guardia Nazionale:

  • truppe del ministero dell’Interno (circa 170.000 effettivi in forza al Direttorato Sicurezza, acquisizione di informazioni di carattere Human Intelligence – HUMINT);

  • personale del Ministero delle Situazioni di emergenza (personale della Protezione Civile russa, specializzati in Psycological Operations – PSYOPS);

  • il servizio di polizia federale OMON (circa 40.000 effettivi, specializzati nei servizi di ordine pubblico in cui è incorporato un Gruppo PSYOPS);

  • forze di reazione rapida (SOBR, circa 5.000 effettivi, specializzati nell’Anti Terrorismo);

  • Centro di Classificazione Speciale delle Forze di Reazione Operativa ed Aviazione del Ministero degli Interni, tra cui le unità delle forze speciali Zubr, Rys‘ e Jastreb (circa 700 Operativi, molti dei quali Paracadutisti).

Quindi si parla di una forza totale di circa 250.000 effettivi che probabilmente raggiungeranno prossimamente i 300.000. Saranno infatti accorpati il Servizio Federale della Migrazione (FMS) e, soprattutto, il Servizio Federale Antidroga (FSKN), un servizio che vanta la presenza di Ufficiali di collegamento presso diverse sedi Diplomatiche.
Questo consolidamento è importante perché, in pratica, lega tutta l’élite delle forze di sicurezza interna della Federazione Russa, con l’eccezione del Servizio d’Intelligence interna (Servizio Federale di Sicurezza – FSB), per il quale si è in procinto di varare un Decreto presidenziale ad hoc per la compartecipazione del flusso info-operativo.
Ciò che colpisce è il novero delle “competenze” assegnate alla nuova Guardia Nazionale, ovvero:

  1. tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza;

  2. operazioni antiterrorismo;

  3. operazioni contro i gruppi estremisti;

  4. difesa territoriale della Federazione Russa;

  5. protezione delle principali strutture e cariche speciali statali;

  6. protezione su base contrattuale della proprietà dei cittadini e delle organizzazioni approvate dal governo russo;

  7. assistenza alla “Divisione truppe di confine” del Servizio Federale di Sicurezza (FSB) nel proteggere i confini di Stato della Federazione Russa;

  8. ufficiali di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza in materia di traffico di armi;

  9. ufficiali di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza in materia di traffico di droga in genere;

  10. protezione sociale e giuridica dei militari della Guardia Nazionale Russa.

L’elenco è impressionante. Conferma che l’ampio spettro delle azioni operative di sicurezza interna sarà affidato alla Guardia Nazionale. Per gli addetti ai lavori non ha sorpreso il nome della persona che il Presidente Putin ha nominato come nuovo Capo della Guardia Nazionale: il Generale Viktor Zolotov, a Capo del Servizio Federale di Protezione del Presidente della Repubblica (FSO), formatosi nelle Spetsnaz dell’Intelligence militare russa (GRU).
Così Putin prende il controllo personale e diretto di ciò che considera i massimi compiti prioritari nell’affrontare le principali minacce alla sicurezza della Russia. Parliamo esattamente delle capacità di cui l’Unione Europea ha bisogno e che mancano totalmente:

  1. capacità di chiudere le frontiere dal flusso di rifugiati;

  2. capacità di filtrare un grande flusso di rifugiati;

  3. capacità di affrontare grandi conflittualità interne;

  4. capacità di affrontare una qualsiasi minaccia asimmetrica, anche su larga scala;

  5. possibilità di centralizzare l’Intelligence sulle minacce interne;

  6. capacità d’imporre lo stato di emergenza su un’intera regione;

  7. capacità di gestire qualsiasi insurrezione, anche con ingerenza estera;

  8. capacità di cercare ed inibire gruppi estremisti e terroristici;

  9. capacità d’interdire i flussi di armi e droga utilizzati per finanziare attività sovversive e, soprattutto, capacità di fare tutto questo senza ricorrere alle Forze Armate.

Ciò dimostra che i russi hanno tratto importanti lezioni su organizzazione ed operazioni delle guerre in Cecenia e che si preparano a difendere la Russia dalle minacce provenienti da Ovest (Ucraina) e da Sud (SIIL), così da dare più ampio respiro alle Forze Armate già impegnate in missioni all’estero.
La popolarità di Putin vanta ancora un alto consenso, proteggendolo molto di più di qualsiasi forza in generis o grande alleato. Inoltre, la protezione di Putin rimarrà compito istituzionale del succitato FSO e di uno specifico Ufficio dell’FSB.
La creazione della Guardia Nazionale – Putin ne assumerà la Presidenza il 7 maggio p.v. mentre Zolotov da Generale diverrà Ministro alle sue dirette dipendenze – è un’eccellente risposta che darà alla Russia i mezzi per difendersi contro le più probabili minacce al territorio e alla popolazione nel prossimo futuro, valutando che secondo i maggiori analisti d’Intelligence internazionali la Russia ha un potenziale di 1.200-1.500 foreign fighters, molti dei quali in Cecenia.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili