L'opinione

Pensioni : parole in libertà

100

I Tg di mercoledì 20 aprile – Mentre tutto è fermo e, concretamente, non sta accadendo nulla, il tema pensioni anima la comunicazione di un Paese che si fa sempre più anziano e che, soprattutto per quello che riguarda il pubblico televisivo, è ancora più attempato e molto spesso “in vista” dell’agognato assegno pensionistico. Primo titolo su quasi tutte le testate per l’apertura del ministro Padoan in vista dei prossimi documenti di programmazione del governo, ma anche sui riflessi delle dichiarazioni di ieri di Boeri che segnala non i rischi, ma la certezza, che se non si interviene sulla flessibiità in uscita i nati negli anni 80 riceveranno una magra pensione non prima dei 75 anni. In questo contesto alquanto “confuso” (Tg4) le dichiarazioni di Susanna Camusso, cui dedica molto spazio Tg3, che critica l’uscita del Presidente dell’Inps non aiutano a far chiarezza o, quantomeno, i Tg non le hanno spiegate bene. Sempre a proposito di sindacati, lo sciopero unitario dopo 7 anni dei metalmeccanici italiani per il rinnovo del contratto è presente a macchia di leopardo con titolo per il solo Tg3.

L’apertura di Tg La7 è sulla concertazione mondiale contro il terrorismo dell’Isis, con l’annunciato vertice di lunedì prossimo tra Obama, Merkel, Cameron, Hollande e Renzi. Interessante il reportage del Tg3 da Aleppo dove ci prepara a sferrare l’offensiva forse decisiva contro l’Isis che per anni ha occupato quella zona, mentre le contraddizioni che contraddistinguono la “pax putiniana” appaiono evidenti.

Tornando in Italia, è sempre il Pd e le sue dinamiche interne al centro dell’attenzione per “l’ultima” polemica tra maggioranza e minoranza sulla simbolica richiesta di referendum confermativo sulla riforma costituzionale. Sotto osservazione anche le prossime mosse di Berlusconi che viene inquadrato dai Tg Rai e La7 nell’imparazzante condizione di dover scegliere di “mollare” Bertolaso o, in alternativa, di andare avanti da solo verso un verdetto elettorale su Roma che, con ogni probabilità, lo vedrebbe indietro rispetto al pacchetto di mischia della destra. Mediaset non ne parla, mentre invece si diffonde, con toni alquanto trionfali, sull’entrata del gruppo nel settore radiofonico con posizioni quasi dominanti (acquisto delle emittenti del gruppo Hazan). Sempre a proposito di Mediaset, la supermulta comminata al gruppo e a Sky per la gestione dei diritti televisivi del calcio, compare nei titoli del solo Tg La7 e in un servizio del Tg1.

“l’infermiera killer” di Piombino “non abita più” nell’informazione di serata visto che il tribunale del riesame la ha scarcerata. Toni autocritici un po’ per tutti, e più esplicitamente per Tg4. Un’altra autocritica, che si sposa ad una critica più generale alla comunicazione mainstream, è quella con cui mentana riconosce che lo sversamento nel Polcevera a Genova è stato non adeguatamente trattato nei giorni scorsi, pur essendo in presenza di un vero e proprio disastro ambientale.

Studio Aperto apre sulla causa contro lo stato norvegese vinta da Breivik, autore nel 2011 delle stragi di Olso e Utoya, perché il trattamento carcerario sarebbe inumano. Già la mite condanna a 21 anni – il massimo della pena nel codice penale norvegese – aveva fatto clamore, ma ora le accuse relative al caffè tiepido ed alla mancata fornitura della PS3 mettono d’accordo in pratica tutti i Tg. Cecchi Paone usa un, forse involontario, ossimoro: la Norvegia “esagera con la sua civiltà”.

I 90 anni della Regina Elisabetta d’Inghilterra vengono ampliamente festeggiati da Mediaset e, per rimanere agli esteri, servizi per tutti sulle vittorie di Trump e Clinton alle primarie di New York.

L’approfondimento del Tg2 è dedicato alla scarsa attenzione che le istituzioni prestano ai testimoni di giustizia malgrado l’incisivià e il coraggio dimostrati da questi “cittadini a 360 gradi”.

Altre opinioni dell'Autore
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot